Alfonso Celotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alfonso Celotto (Castellammare di Stabia, 23 febbraio 1966) è un costituzionalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Insegna Diritto costituzionale alla Facoltà di Giurisprudenza nella Università Roma 3 dal 1999, dopo essersi laureato alla Università LUISS con Franco Modugno.

È visiting professor della Universidad de Buenos Aires della Università di Varsavia e di McGill University. Esperto di istituzioni e di burocrazia, collabora con giornali, radio e televisioni come opinionista[1]. Dal 2017 ha la rubrica "carte bollate" a Unomattina. Scrive sull’edizione italiana di Huffington Post[2], Formiche[3] e su La Stampa[4].

È stato capo ufficio legislativo e capo di gabinetto dei ministri Emma Bonino, Roberto Calderoli, Fabrizio Barca[5], Carlo Trigilia, Federica Guidi, Giulia Grillo[6]. È stato Commissario straordinario dell'Ospedale Israelitico di Roma[7].

Nel 2014 ha pubblicato il romanzo Il dott. Ciro Amendola Direttore della Gazzetta Ufficiale (Mondadori).[8]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma— 27 dicembre 2013[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59325174 · ISNI (EN0000 0000 0117 4310 · SBN IT\ICCU\RMGV\008528 · LCCN (ENn2003100872 · BNF (FRcb145555277 (data) · BNE (ESXX5305439 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2003100872