Alfa Lyncis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfa Lyncis
Mappa della costellazione della LinceMappa della costellazione della Lince
Classificazione Gigante arancione
Distanza dal Sole 220 anni luce (46,11 pc)
Costellazione Lince
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 09h 21m 03,30s
Declinazione +34° 23′ 33,22″
Dati fisici
Raggio medio 54.50 ± 3.02 R
Massa
Temperatura
superficiale
3880 K (media)
Luminosità
673 L
Metallicità [Fe/H] = 55% del Sole
Età stimata 1400 milioni di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. +3,13
Magnitudine ass. -2,32
Parallasse 16.06 mas
Moto proprio AR: -223.63 mas/anno
Dec: +15.18 mas/anno
Velocità radiale +37,15 km/s
Nomenclature alternative
40 Lyncis, BN Lyncis, HR 3705, HD 80493, BD +35 1979, HIP 45860, SAO 61414, FK5 352, NSV 4456

Alfa Lyncis (α Lyn, α Lyncis) è una stella nella costellazione della Lince di magnitudine apparente +3,13, situata a 220 anni luce dal sistema solare.

È la più luminosa di questa piccola costellazione, ed è anche l'unica stella della Lince ad aver ricevuto una lettera greca nella nomenclatura di Bayer. Possiede anche i nomi tradizionali di Elvashak o Alvashak, poco usati, che derivano dall'arabo الوشق (al-washaq), che significa "gatto selvaggio".

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Alfa Lyncis è una gigante arancione in avanzato stadio evolutivo; ha una massa doppia rispetto al Sole, ma il raggio è 55 volte superiore, mentre la sua luminosità è quasi quella di 700 soli, tenendo conto della radiazione infrarossa emessa, visto che con una temperatura superficiale di 3900 K la stella irradia soprattutto in questa lunghezza d'onda[1].

Non si sa con certezza in quale fase evolutiva si trova Alfa Lyncis; può darsi che stia aumentando la luminosità o che stia calando, a seconda dell stato del suo nucleo, se è di elio inerte oppure se l'elio sta ancora fondendo in carbonio per mezzo del processo tre alfa. C'è anche la possibilità che la stella stia aumentando la luminosità con un nucleo inerte di carbonio al suo interno, prima di rilasciare gli strati esterni e trasformarsi in una nana bianca.[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Piau, L. et al., Surface convection and red giants radii measurements in Astronomy & Astrophysics, ottobre 2010. arΧiv:1010.3649
  2. ^ Alfa Lyncis (Stars, Jim Kaler)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni