Alexandria Ocasio-Cortez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alexandria Ocasio-Cortez
Alexandria Ocasio-Cortez Official Portrait.jpg

Membro della Camera dei Rappresentanti - New York, distretto n.14
In carica
Inizio mandato 3 gennaio 2019
Predecessore Joseph Crowley

Dati generali
Partito politico Democratico
Tendenza politica Progressista, Socialista democratica
Titolo di studio Bachelor of Arts
Università Università di Boston
Professione Politica, educatrice

Alexandria Ocasio-Cortez (New York, 13 ottobre 1989) è una politica e attivista statunitense. Ha sconfitto a sorpresa Joseph Crowley alle primarie democratiche del 2018 nel Quattordicesimo Distretto di New York. È stata eletta al Congresso statunitense il 6 novembre 2018 al termine delle elezioni di midterm, diventando, a 29 anni, la più giovane parlamentare eletta a quella carica nella storia statunitense.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ocasio-Cortez è nata nel borough del Bronx, figlia di Blanca Ocasio-Cortez e Sergio Cortez.

Il padre era un architetto nato anche lui nel Bronx e la madre era nata a Porto Rico. Ocasio-Cortez fece i suoi studi liceali alla Yorktown High School dove si distinse per avere vinto il secondo premio nella Intel International Science and Engineering Fair con un progetto di microbiologia; a seguito di questo riconoscimento, le fu dedicato un asteroide, 23238 Ocasio-Cortez.

Seguirono studi alla Boston University[2] ma durante il secondo anno di studi perse il padre che soffriva di cancro ai polmoni. Dopo avere conseguito la laurea,[3] Ocasio-Cortez è ritornata al Bronx dedicandosi a lavori umili incluso uno come cameriera in una taqueria.[4]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'elezione presidenziale del 2016 Ocasio-Cortez è stata l'organizzatrice nella campagna di Bernie Sanders che aveva sfidato Hillary Clinton per la nomination del Partito Democratico. Nel 2018, incoraggiata dal gruppo di Sanders, Ocasio-Cortez ha deciso di sfidare Joseph Crowley, parlamentare del Quattordicesimo Distretto, per accedere al Congresso. Crowley, come Hillary Clinton, faceva parte del centro del Partito Democratico mentre Sanders e Ocasio-Cortez si collocavano all'ala sinistra del partito dichiarandosi socialisti democratici.[5] Come aveva fatto Sanders nella sua corsa alla presidenza, Ocasio-Cortez ha deciso di rifiutare contributi di grosse aziende ricevendo la stragrande maggioranza dei suoi fondi da piccoli sostenitori con piccole somme.[6] In totale, ha speso 194mila dollari per la sua campagna mentre il suo avversario Crowley ne ha spesi 3,4 milioni.

La vittoria alle primarie[modifica | modifica wikitesto]

Nei 18 anni precedenti, nessuno sfidante aveva conteso a Crowley la candidatura sfidandolo nelle primarie. La ventottenne Ocasio-Cortez alla fine ha prevalso con il 57,13% dei voti.[7] Si tratta di una vittoria clamorosa poiché Crowley, il numero 4 nella leadership democratica al Congresso, era il candidato dell'establishment e si ipotizzava che avesse buone possibilità di assumere il ruolo di Speaker della Camera dei Rappresentanti. Crowley si è congratulato con la sua avversaria in modo singolare, dedicandole una canzone di Bruce Springsteen (Born to Run, Nata per correre). L'avversario di Ocasio-Cortez alle elezioni di midterm del 6 novembre 2018 è stato Anthony Pappas.

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Ocasio-Cortez appoggia le idee progressiste di Bernie Sanders.[8] È a favore di un sanità pubblica aperta a tutti (Medicare), della gratuità dell'università pubblica, dell'aumento del salario minimo orario a 15 dollari, dell'eliminazione delle prigioni a gestione privata e della regolamentazione della detenzione di armi da fuoco. Inoltre, caldeggia la possibilità di un iter che conduca alla cittadinanza per gli immigrati irregolari e l'abolizione della U.S. Immigration and Customs Enforcement: (ICE), da lei considerata discriminatoria nei confronti degli immigrati. Ha anche proposto una tassa del 70% da applicare ai redditi superiori ai dieci milioni di dollari annui, e solo sulla quota eccedente rispetto alla soglia fissata, per finanziare politiche di riduzione dei gas serra.[9] Una tassazione simile era in vigore negli Anni '50, durante la presidenza di Dwight D. Eisenhower.[10]

Insieme al senatore Ed Markey, Ocasio-Cortez ha presentato una risoluzione sul cosiddetto "Green New Deal", volto a stimolare lo sviluppo dell'economia verde e blu, la creazione di nuovi posti di lavoro e la riconversione dei lavoratori attualmente impiegati in settori non ecosostenibili.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Midterm, eletta Alexandria Ocasio Cortez: “Da Cenerentola dire cose radicali e giuste funziona”, su rep.repubblica.it, 5 novembre 2018. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  2. ^ Usa, la deputata Ocasio-Cortez balla in un video: il tentativo di screditarla diventa un autogol, su Repubblica Tv - la Repubblica.it, 4 gennaio 2019. URL consultato il 4 gennaio 2019.
  3. ^ Noemi Milani, Dal Bronx la favolosa storia di Alexandria Ocasio-Cortez, su illibraio.it, 28 giugno 2018.
  4. ^ Chi è Alexandria Ocasio-Cortez, la nuova star dem, su HuffPost, 28 giugno 2018.
  5. ^ Alessia Gasparini, Portoricana e socialista: chi è Alexandria Ocasio-Cortez, la millenial Usa che ha scosso l’establishment dei dem, su left.it, 29 giugno 2018.
  6. ^ Angela Manganaro, Alexandria, la ragazza anti Wall Street sciocca i democratici Usa, su ilsole24ore.com, Il Sole 24 ORE, 27 giugno 2018.
  7. ^ Giuseppe Sarcina, Alexandria Ocasio-Cortez, la «millennial» radicale batte i boss democratici a New York, Corriere della Sera, 27 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2018).
  8. ^ Domenico Maceri, Il nuovo socialismo di Ocasio-Cortez: eredità di Sanders?, su frontiere.eu, 17 settembre 2018.
  9. ^ Veronica Stracqualursi, Ocasio-Cortez suggests 70% tax for wealthy to fund climate change plan, su cnn.com, 4 gennaio 2019.
  10. ^ (IT) Uno storico olandese ha detto ai miliardari del Forum di Davos di pagare le tasse, invece di parlare di filantropia | Flashes, su Il Post, 30 gennaio 2019. URL consultato il 12 febbraio 2019.
  11. ^ Devan Cole and Sunlen Serfaty CNN, Ocasio-Cortez and Markey unveil Green New Deal resolution, su CNN. URL consultato il 12 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50153530888148700515 · Il valore nessun valore di LCCN non è valido. · GND (DE1175721573