Alexandre da Silva Mariano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amaral
Nome Alexandre da Silva Mariano
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 170 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mediano
Squadra Capivariano Capivariano
Carriera
Squadre di club1
1992-1996 Palmeiras Palmeiras 65 (0)
1996-1997 Parma Parma 4 (0)
1997 Benfica Benfica 19 (0)
1997 Palmeiras Palmeiras 22 (0)
1997-1998 Benfica Benfica 5 (0)
1998-1999 Corinthians Corinthians 17 (0)
1999-2000 Vasco da Gama Vasco da Gama 16 (0)
2000-2002 Fiorentina Fiorentina 33 (0)
2002-2003 Besiktas Beşiktaş 11 (0)
2003 Gremio Grêmio 14 (0)
2004 Al-Ittihad Al-Ittihad 8 (0)
2004-2005 Vitoria Vitória 9 (0)
2005 Atletico Mineiro Atlético Mineiro 18 (0)
2006-2007 Pogon Stettino Pogoń Stettino 16 (1)
2007 Santa Cruz Santa Cruz 12 (0)
2008 Barueri Barueri 0 (0)
2008-2009 Perth Glory Perth Glory 9 (0)
2009-2011 Catanduvense Catanduvense 6 (0)
2011 Manado United 13 (1)
2011-2012 Persebaya Surabaya Persebaya Surabaya  ? (?)
2013 Poços de Caldas 0 (0)
2013 Itumbiara Itumbiara 0 (0)
2015- Capivariano Capivariano 0 (0)
Nazionale
1996
1995-1996
Brasile Brasile Olimpica
Brasile Brasile
6 (0)
10 (0)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Atlanta 1996
CONCACAF - Gold Cup.svg Gold Cup
Argento Stati Uniti 1996
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Alexandre da Silva Mariano detto Amaral (Capivari, 28 febbraio 1973) è un calciatore brasiliano, di ruolo mediano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Acquistato dal Parma nel 1996 per 6 miliardi di lire, torna in Brasile poiché la società scelse di tesserare l'altro extracomunitario Mario Stanić.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Palmeiras: 1993, 1994, 1996, 1999
Palmeiras: 1993, 1994
Palmeiras: 1993
Vasco da Gama: 2000
Fiorentina: 2000-2001

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Atlanta 1996

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 13 (1996-1997), Panini, 30 luglio 2012, p. 10.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]