Alexandre Borges

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alexandre Borges nel 2011

Alexandre Borges Corrêa (Santos, 23 febbraio 1966) è un attore brasiliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Borges ha debuttato nel 1985 recitando nella trasposizione teatrale de I vecchi marinai di Jorge Amado.[1] Dopo avere continuato a lavorare nel teatro, nel 1991 Borges ha fatto la sua prima apparizione cinematografica partecipando al cortometraggio Paixão Cigana. Due anni dopo ha anche interpretato il ruolo di protagonista nella sua prima esperienza televisiva con la telenovela Guerra sem Fim. La notorietà televisiva non tarda ad arrivare, interpretando nel 1995 il ruolo di 'Luís Claudio' nella miniserie Engraçadinha... Seus Amores e Seus Pecados.

Nel 1999, insieme alla moglie Júlia Lemmertz, è stato il protagonista del film Un bicchiere di rabbia diretto da Aluizio Abranches. Borges e Lemmertz, nell'opera prima del regista brasiliano presentata al Toronto International Film Festival e al Festival internazionale del cinema di Berlino, si sono impegnati a recitare scene erotiche con nudo integrale. L'attore ha continuato a essere molto impegnato a livello televisivo, interpretando tra l'altro il ruolo di 'Cristiano', un giornalista di grande successo, nella popolare telenovela Celebridade (2003). Altri successi televisivi a cui ha partecipato sono il remake di Ti Ti Ti (2010) e Avenida Brasil (2012).

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Alexandre Borges è stato sposato dal 1993 al 2015 con Júlia Lemmertz, conosciuta nel 1991 durante le riprese di Mil e Uma, dalla quale si è separato dopo ventidue anni di matrimonio.[2] Dalla loro unione, nel 2000, è nato il figlio Miguel.[3] Borges è anche il patrigno di Luísa, la figlia avuta dalla Lemmertz durante il suo precedente matrimonio.[4]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Paixão Cigana (corto), regia di Flavia Moraes (1991)
  • Mil e Uma, regia di Susana de Moraes (1994)
  • Tudo Cheira a Gasolina (corto), regia di Vicente Amorim (1995)
  • Terra Estrangeira, regia di Walter Salles e Daniela Thomas (1996)
  • Glaura (corto), regia di Guilherme de Almeida Prado (1997)
  • Mangueira - Amor à Primeira Vista, regia di Marco Altberg (1997)
  • Amor & Cia, regia di Helvecio Ratton (1998)
  • Traição, regia di José Henrique Fonseca, Arthur Fontes e Cláudio Torres (1998)
  • Un bicchiere di rabbia (Um Copo de Cólera), regia di Aluizio Abranches (1999)
  • Amor Que Fica, regia di Marco Altberg (1999)
  • Bossa Nova, regia di Bruno Barreto (2000)
  • Até que a Vida nos Separe, regia di José Zaragoza (2000)
  • Deus Jr., regia di Mauro Lima (2000)
  • O Invasor, regia di Beto Brant (2002)
  • Il cuore criminale delle donne (As Três Marias), regia di Aluizio Abranches (2002)
  • Joana e Marcelo, Amor (Quase) Perfeito, regia di Marco Altberg (2002)
  • Acquaria, regia di Flavia Moraes (2003)
  • Nanoilusão (corto), regia di Francisco Garcia e José Wagner Garcia (2005)
  • Gatão de Meia Idade regia di Antonio Carlos da Fontoura (2006)
  • Zuzu Angel, regia di Sergio Rezende (2006)
  • Balada das Duas Mocinhas de Botafogo (corto), regia di João Caetano e Fernando Valle (2006)
  • Adagio sostenuto, regia di Pompeu Aguiar (2008)
  • Plastic City (Dang kou), regia di Nelson Yu Lik-wai (2008)
  • Retrato Falhado (corto), regia di André Warwar (2011)
  • Meus Dois Amores, regia di Luiz Henrique Rios (2012)
  • Getúlio, regia di João Jardim (2014)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

  • Gran Premio del Cinema Brasiliano
  • Prêmio Qualidade

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Alexandre Borges, Gente. URL consultato il 7 giugno 2014.
  2. ^ (PT) Julia Lemmertz e Alexandre Borges se separam após 22 anos de casamento su celebridades.uol.com.br, 22 luglio 2015. URL consultato il 18 agosto 2015.
  3. ^ (PT) Da ficção para a realidade, globo.com. URL consultato il 7 giugno 2014.
  4. ^ (PT) Julia Lemmertz, purepeople.com.br. URL consultato il 7 giugno 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Alexandre Borges in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.