Alexandra Dinu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexandra Dinu (Bucarest, 3 gennaio 1981) è un'attrice e conduttrice rumena che viveva e lavorava in Italia.

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato nel liceo linguistico Jean Monnet di Bucarest.

La sua prima comparsa in TV è stata da conduttrice, quando nel 1999 fa parte di un programma del canale rumeno TVR 2 e, un anno dopo, del canale TVR 1. Nel 2001 recita nel film Garcea si oltenii. Dopo due anni esce in Romania un nuovo film di cui fa parte, Examen, mentre nella televisione italiana conduce alcuni programmi su TV Parma.

Dal 2004 appare in numerose produzioni italiane, come le miniserie televisive Don Gnocchi - L'angelo dei bimbi, Provaci ancora prof!, e le serie televisive Il commissario Montalbano, Carabinieri e Capri. Nel 2012 è tra le protagoniste delle fiction L'isola e Sposami, e l'anno successivo della miniserie Rosso San Valentino.

Nel 2020 uscirà il film scritto e diretto da Roberto Leoni De Serpentis Munere - Il dono del serpente a cui ha partecipato insieme a Guglielmo Scilla, Benjamin Stender e Valentina Reggio.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 al 2003 è stata sposata con il calciatore Adrian Mutu, da cui nel 2002 ha avuto un figlio, Mario. Ha avuto una relazione con l'attore Luca Bastianello[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Conduzioni televisive[modifica | modifica wikitesto]

  • TVR 2 (TeleViziunea Română 2, TV rumena) (1999)
  • TVR 1 (TeleViziunea Română 1, TV rumena) (2000)
  • PRO TV[2] (TV rumena) (2001)
  • TV PARMA[3] (TV italiana) (2003)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Valeria Carola, Alexandra Dinu e il tris di fiction per la rai, su DavideMaggio.it, 8 ottobre 2012. URL consultato il 10 maggio 2019.
  2. ^ Sito rumeno ufficiale di PRO TV, su protv.ro.
  3. ^ Sito italiano ufficiale di TV PARMA, su tvparma.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1621152140022411100005 · LCCN (ENno2018033149 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018033149
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie