Alexandra, contessa di Frederiksborg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alexandra, contessa di Frederiksborg
Prinsesse Alexandra.jpg
Alexandra, contessa di Frederiksborg
Contessa di Frederiksborg
Stemma
In carica dal 16 aprile 2005
Sua Altezza Reale La Principessa Gioacchino di Danimarca
In carica 1995 –
2005
Nome completo Alexandra Christina Manley
Nascita Hong Kong, 30 giugno 1964
Padre Richard Nigel Manley
Madre Christa Maria Nowotny
Coniugi Gioacchino di Danimarca (1995-2005, div.)
Martin Jørgensen (2007-2015, div.)
Figli Principe Nikolai
Principe Felix
Religione Chiesa di Danimarca

Alexandra, contessa di Frederiksborg (Hong Kong, 30 giugno 1964), è l'ex moglie del principe Gioacchino di Danimarca.

Titoli e Trattamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1964 - 1995 miss Alexandra Christina Manley
  • 1995 - 2005 Sua Altezza Reale Alexandra, Contessa di Frederiksborg
  • 2005 - 2007 Alexandra Christina Manley, Contessa di Frederiksborg
  • 2007 - 2015 Alexandra Christina, Contessa di Frederiksborg la Signora Jørgensen
  • 2015 - presente Alexandra Christina Manley, Contessa di Frederiksborg
Stemma di Alexandra, principessa di Danimarca (1995 - 2005)
Armoiries Princesse Alexandra Danemark(1995-2005).svg
Stemma di Alexandra, contessa di Frederiksborg (dal 2005)
Armoiries Alexandra Manley Contesse de Frederiksborg(2005).svg

Primi anni di vita e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Alexandra Christina Manley è nata a Hong Kong il 30 giugno 1964 ed è di origini inglesi, cinesi, ceche e austriache. È la maggiore delle tre figlie di Richard Nigel Manley (nato a Shanghai l'11 agosto 1924[1] da padre di origini inglesi e cinesi e madre francese, morto il 12 gennaio 2010[1] e sepolto il 10 febbraio successivo nel cimitero di Liesing, Vienna[1]) e Christa Maria Manley di origine ceche e austriache (nata Christa Maria Nowotny in Austria nel 1933). Suo padre era dirigente di una compagnia di assicurazioni e sua madre era la direttrice di una società di comunicazioni. È stata battezzata nella cattedrale di San Giovanni a Hong Kong. Ha frequentato la Quarry Bay Junior School dal 1969 al 1971, la Glenealy School dal 1971 al 1974 e la Island School dal 1974 al 1982.[2]

Ha poi studiato affari internazionali in Austria, Giappone e Inghilterra. Non è noto se abbia conseguito un titolo di studio universitario. Dal 1990 al 1995 ha lavorato presso GT Management (Asia) Ltd. a Hong Kong. Dal 1990 al 1993 ha lavorato nel settore vendite e marketing e dal 1993 come vice-amministratore di quel dipartimento.

Primo matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Alexandra ha conosciuto il principe Gioacchino di Danimarca a una festa a Hong Kong dove egli lavorava per una compagnia di spedizioni danese. Dopo un corteggiamento vorticoso, che si pensa sia iniziato alla fine del 1994, il principe Gioacchino, in ginocchio, le ha regalato un anello di fidanzamento con diamanti e rubini mentre erano in vacanza insieme nelle Filippine. Il loro fidanzamento, che ha sorpreso sia la famiglia di Alexandra che gli osservatori reali danesi, è stato ufficialmente rivelato nel maggio del 1995.

Il 18 novembre 1995 sono stati uniti in matrimonio dal cappellano della regina Margherita nella cappella del castello di Frederiksborg a Hillerød. Il ricevimento si è svolto nel Palazzo di Fredensborg. L'abito della sposa è stato disegnato da Jørgen Bender. Indossava la tiara Alexandrine Drop in origine di proprietà di Alessandrina di Meclemburgo-Schwerin e che è stata un regalo di nozze della regina Margherita.[3] Per sposare il principe ha dovuto rinunciare alla cittadinanza britannica e abbandonare la sua carriera nel marketing. Ha anche cambiato la sua affiliazione religiosa. Alexandra era un'anglicana e si è convertita alla fede evangelica luterana prima del suo matrimonio.

Dal matrimonio sono nati due figli:

Vita da principessa[modifica | modifica wikitesto]

Alexandra è diventata popolare presso il popolo danese. Conosciuta per il suo senso della moda e il lavoro di beneficenza, è stata soprannominata la "Diana del Nord". È di madrelingua inglese e tedesca, attraverso suo padre e sua madre rispettivamente, e la sua familiarità con la lingua tedesca l'ha aiutata ad apprendere rapidamente quella danese. Nel giro di pochi mesi era in grado di parlarla quasi senza accento, cosa che la ha resa ancora più cara ai danesi. In un'intervista ha detto: "Non trovo la grammatica particolarmente difficile, ma la pronuncia può essere difficile, dal momento che ingoiamo alcune delle nostre parole. Mi ricorda un po' il cinese, con la fermata glottale. Dire qualcosa con una ripresa può dare a una parola un significato completamente diverso. È stata una mia decisione l'imparare immediatamente la lingua. Sarebbe stato terribile dover alzarsi in piedi e parlare inglese a un fidanzamento o per ringraziare qualcuno per qualcosa. Sarebbe stato del tutto sbagliato. Questa è casa mia e quindi non c'era altra opzione".

Oltre alle sue competenze linguistiche europee, Alexandra parla anche un po' di cantonese. Durante una conferenza stampa nel 1995, quando le è stato chiesto se fosse in grado o meno di comunicare con il principe consorte Henrik in cinese ha dichiarato di credere che il cinese del principe fosse migliore del suo. Ha poi chiarito che Henrik parla cinese mandarino mentre lei parla un po' di cantonese, la lingua dominante a Hong Kong.[4]

Sia durante che dopo il suo matrimonio è stata coinvolta in numerose attività filantropiche, tra cui la Croce rossa dei bambini, la Società danese per i non vedenti, l'UNICEF e il gruppo di sostegno delle madri single Mother Help. Ha anche lavorato come ambasciatrice dell'UNICEF e si è recata in Thailandia per visitare i malati di AIDS.[5]

Separazione e divorzio[modifica | modifica wikitesto]

Verso la metà del 2004 in tutta la Danimarca e nei paesi limitrofi di Svezia e Norvegia hanno iniziato a circolare voci sul fatto che il suo matrimonio con il principe Gioacchino fosse diventato acerbo. Le voci si sono rivelate vere. Il 16 settembre 2004 Alexandra e Gioacchino hanno annunciato la separazione e l'eventuale intenzione di divorziare. Sarebbe stato il primo della famiglia reale dal 1846. Sono seguite notizie sui giornali che speculavano sulle ragioni della rottura coniugale. Il Folketing ha deciso di inserire Alexandra nella lista civile per tutta la vita, indipendentemente da un suo possibile nuovo matrimonio. L'erogazione della nuova indennità annuale di Alexandra di 330 000 dollari è iniziata in modo retroattivo il 1º ottobre 2004. La coppia ha divorziato l'8 aprile 2005. Il 16 dello stesso mese ha ricevuto il titolo di contessa di Frederiksborg e il permesso di continuare a fregiarsi dell'appellativo di sua altezza.

Il 23 giugno 2017 ha annunciato che avrebbe rinunciato al suo appannaggio nel luglio del 2020, in coincidenza con il diciottesimo compleanno del principe Nikolai.[6]

Secondo matrimonio e vita attuale[modifica | modifica wikitesto]

A metà del 2005 sono iniziate a circolare fotografie che ritraevano Alexandra insieme a Martin Jørgensen, un fotografo di quattordici anni più giovane e figlio di Jacob Jørgensen. Quest'ultimo è ben noto in Danimarca per la sua compagnia di produzione cinematografica JJ Film, che ha prodotto numerosi documentari a cui i membri della famiglia reale hanno collaborato e partecipato.

Ha sposato Martin Jørgensen il 3 marzo 2007[7] in una cerimonia privata nella chiesa di Øster Egede vicino a Faxe.[8] Da quel momento mantiene il trattamento di sua eccellenza. Nel settembre del 2015 è stato annunciato il divorzio dopo otto anni e mezzo di matrimonio. La contessa aveva citato differenze di valori come la ragione di tale scelta.[9][10]

Nel 2007 è entrata a far parte del consiglio di amministrazione della filiale danese di Ferring Pharmaceuticals.[11]

Nel 2017 è stato annunciato che avrebbe assunto la carica di Poling Chair of Business and Government presso la Kelley School of Business dell'Università dell'Indiana.[12]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze danesi[modifica | modifica wikitesto]

Dama dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine dell'Elefante
— [13][14]
Dama dell'Ordine famigliare reale della regina Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine famigliare reale della regina Margherita II
Medaglia del giubileo d'argento di Margherita II - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del giubileo d'argento di Margherita II
— 14 gennaio 1997[15][16]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
— [17]
Dama di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo)
— [18]
Dama di Gran Croce dell'Ordine della Stella di Romania (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine della Stella di Romania (Romania)
— [19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Vienna Burial and Death records, su friedhoefewien.at. URL consultato il 22 agosto 2014.
  2. ^ Prince Joachim, su Danmarkskonger.dk. URL consultato il 19 agosto 2017.
  3. ^ Wedding Wednesday: Princess Alexandra of Denmark's Gown, Order of Splendor blog.
  4. ^ Video of Alexandra's press conference, YouTube. URL consultato il 19 agosto 2017.
  5. ^ "Denmark's Princess Alexandra reflects on life at 40", su Denmark.dk. URL consultato il 19 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2016).
  6. ^ (DA) Grevinde Alexandra frasiger sig sin ydelse fra staten, in Berlingske, 23 giugno 2017. URL consultato il 24 giugno 2017.
  7. ^ Denmark's Princess Alexandra to remarry, in smh.com.au, 8 febbraio 2007.
  8. ^ Princess Alexandra Marries Danish Photographer, in Life of Guangzhou, Agency Free Press.
  9. ^ (DA) Grevinde Alexandra om brud med Martin Jørgensen: Derfor skal vi skilles, in Politiken, 8 settembre 2015. URL consultato il 25 settembre 2015.
  10. ^ (DA) Grevinde Alexandra og Martin Jørgensen skal skilles, in Berlingske, 8 settembre 2015. URL consultato il 22 maggio 2017.
  11. ^ (DA) Alexandra i Ferrings bestyrelse [Alexandra in the board of directors of Ferring], in DR Nyheder, 26 settembre 2007.
  12. ^ (EN) Countess to serve as Poling Chair at Kelley School of Business, in News at IU. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  13. ^ Archived copy, su pinterest.com. URL consultato l'8 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2014).
  14. ^ Archived copy, su pinterest.com. URL consultato l'8 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2014).
  15. ^ Photographic image, su Theroyalforums.com. URL consultato il 19 agosto 2017.
  16. ^ Photographic image, su Theroyalforums.com. URL consultato il 19 agosto 2017.
  17. ^ Pinterest, su Pinteres.com. URL consultato il 19 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2014).
  18. ^ Photographic image, su Theroyalforums.com. URL consultato il 19 agosto 2017.
  19. ^ Romanian State Visit to Denmark - Julian Parker, su activphoto.photoshelter.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN80586516 · LCCN (ENn2004037900 · GND (DE136200699
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie