Alexander Mitscherlich (psicologo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexander Mitscherlich (Monaco di Baviera, 20 settembre 1908Francoforte sul Meno, 26 giugno 1982) è stato uno psicologo tedesco.

Insegnante dal 1952 a Heidelberg, nel 1964 pubblicò Verso una società senza padre. Idee per una psicologia sociale.

Nel saggio del 1964, rifacendosi a Walter Benjamin e a Siegfried Kracauer, Mitscherlich interpretò la propaganda nazista in chiave psico-analitica: con questa, il nazismo avrebbe attuato una rivoluzione culturale che avrebbe organizzato collettivamente un occhio superiore e in grado di restituire lo sguardo all'uomo moderno smarrito che guarda, senza però essere guardato. Applicato al contesto cinematografico, Mitscherlich dirà infatti che i tedeschi sotto il Nazismo avrebbero soddisfatto un piacere nell'essere visti e nell'esporsi allo sguardo onniveggente dello Stato e del Mondo, ma anche di sé stessi tramite l'uso del cinegiornali che portavano al cinema gli spettatori stessi; fenomeno già studiato da Benjamin ed etichettato sotto il termine di estetizzazione della politica.

Divenne direttore dell'Istituto Sigmund Freud di Francoforte dal 1967 e fu tra i primi ad introdurre il concetto di sicurezza sociale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alexander e Margaret Mitscherlich , Germania senza lutto : psicoanalisi del postnazismo , Firenze , 1970
  • Alexander Mitscherlich, Verso una società senza padre. Idee per una psicologia sociale , Milano , 1970

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108352434 · ISNI (EN0000 0001 0859 7313 · CERL cnp02033573 · LCCN (ENn78084885 · GND (DE118582801 · BNE (ESXX1140709 (data) · BNF (FRcb11916316q (data) · J9U (ENHE987007265416505171 (topic) · NSK (HR000040041 · NDL (ENJA00450221 · CONOR.SI (SL34719843 · WorldCat Identities (ENlccn-n78084885