Alexander Isak

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alexander Isak
UEFA EURO qualifiers Sweden vs Romaina 20190323 Alexander Isak (cropped).jpg
Isak in riscaldamento con la nazionale svedese nel 2019
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 190 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Real Sociedad
Carriera
Giovanili
2005-2016AIK
Squadre di club1
2016-2017AIK24 (10)
2017-2018Borussia Dortmund5 (0)
2018-2019Borussia Dortmund II12 (5)
2019Willem II16 (14)
2019-Real Sociedad77 (26)
Nazionale
2015-2016Svezia Svezia U-1720 (6)
2016-2017Svezia Svezia U-194 (2)
2016-2018Svezia Svezia U-218 (0)
2017-Svezia Svezia30 (9)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 ottobre 2021

Alexander Isak (Solna, 21 settembre 1999) è un calciatore svedese, attaccante della Real Sociedad e della nazionale svedese.

Nel 2016 è stato inserito nella lista dei migliori sessanta calciatori nati nel 1999 stilata da The Guardian.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Svezia, i suo genitori sono originari dell'Eritrea.[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un attaccante dal fisico longilineo con uno spiccato senso del gol, ma a proprio agio anche quando deve muoversi lontano dall’area di rigore avversaria.[2] Ambidestro e abile a saltare l'uomo, è dotato di un'ottima progressione, che esalta la sua abilità di attaccare la profondità, prendendo il tempo ai difensori avversari, che poi hanno difficoltà a recuperarlo in campo aperto.[2][3][4]

Ha dichiarato di ispirarsi al connazionale Zlatan Ibrahimović,[5] a cui è stato paragonato.[2][6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Isak nel 2016 durante un allenamento con l'AIK.

Isak è nato e cresciuto a Solna, nella periferia di Stoccolma, da genitori eritrei. All'età di 6 anni entra a far parte del settore giovanile dell'AIK, una delle principali squadre svedesi, con sede proprio a Solna.

L'esordio assoluto di Isak in prima squadra è avvenuto il 28 febbraio 2016 all'età di 16 anni, 5 mesi e 7 giorni ed è coinciso con un gol, nel 6-0 esterno inflitto in Coppa di Svezia al Tenhults IF (formazione di quarta serie).[7]

Qualche settimana più tardi, il 7 aprile, alla seconda giornata di campionato sul campo dell'Östersund, l'allenatore Andreas Alm con una mossa a sorpresa decide di farlo debuttare anche in campionato, schierandolo titolare dal primo minuto al fianco del quasi diciannovenne Carlos Strandberg. Isak ripaga la fiducia con il gol dello 0-2 che chiude la partita. Con questa rete diventa il più giovane marcatore in Allsvenskan nella storia del club, con i suoi 16 anni e 199 giorni.[8]

Viene così confermato nell'undici di partenza anche nelle partite successive. Alla quinta giornata ottiene il primo sigillo tra le mura amiche, aprendo le marcature contro l'Elfsborg (2-1).[9] Tra l'8ª e la 9ª giornata Alm viene esonerato, ma Isak viene confermato solitamente titolare anche dal successore Rikard Norling.

Il 21 settembre 2016, nel giorno del suo 17º compleanno, Isak segna i primi due gol del derby vinto 0-3 contro i rivali cittadini del Djurgården.[10] Undici giorni dopo realizza un'altra doppietta nel 6-0 ai campioni in carica dell'IFK Norrköping,[11] mentre nella gara seguente contro l'Östersund segna una rete.[12] Chiude la stagione con 29 presenze e 13 gol all'attivo tra campionato e coppe, tutti segnati su azione. Viene inoltre eletto debuttante dell'anno in Svezia e inserito nella top 11 del campionato.[13]

Borussia Dortmund e prestito al Willem II[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 gennaio 2017 viene acquistato a titolo definitivo dal Borussia Dortmund, con cui firma un contratto pluriennale fino al giugno 2022.[14] La prima presenza ufficiale arriva il 14 marzo nella partita di coppa nazionale vinta 3-0 sul campo del Lotte, mentre in campionato gioca per la prima volta il successivo 17 settembre quando subentra nei minuti finali della sfida interna contro il Colonia. Durante la Bundesliga 2017-2018 colleziona complessivamente 5 presenze, continuando a far parte anche della squadra giovanile. Fa anche un'apparizione in Champions League e tre in Europa League.

Nella prima metà della stagione 2018-2019 non effettua nessuna presenza ufficiale in quanto viene relegato nella seconda squadra della compagine tedesca.[15][16]

Il 25 gennaio 2019 viene annunciato il prestito di Isak agli olandesi del Willem II fino al termine della stagione.[17] Debutta il 27 gennaio 2019 nel match vinto per 1-0 sul campo dell'Utrecht, subentrando al 60º minuto. Realizza la sua prima rete olandese nel match in trasferta perso 3-2 contro il Vitesse, valido per la 22ª giornata di Eredivisie. Il 28 febbraio 2019, durante le semifinali di Coppa d'Olanda, realizza la sua seconda rete con la maglia del Willem II, permettendo al club di pareggiare contro l'AZ Alkmaar (per poi batterlo ai calci di rigore) e di raggiungere l'Ajax in finale. Il 9 marzo, contro il De Graafschap, segna la prima doppietta stagionale. Il 30 marzo 2019, durante il match vinto 3-2 contro il Fortuna Sittard, diventa il primo giocatore dell'Eredivisie a realizzare tre reti su tre calci di rigore nella stessa partita.[18] Nella partita successiva segna due reti su azione e fornisce due assist nella vittoria per 4-3 sul campo dell'Heracles Almelo.[19] Con il gol segnato su azione il 14 aprile nel 2-0 contro il PEC Zwolle arriva a quota 12 gol segnati in 12 presenze, di cui 4 su rigore, e diventa il primo giocatore del club a segnare in 7 partite consecutive di Eredivisie.[20] Al termine dei sei mesi realizza 14 gol in 18 partite giocate tra campionato e coppe,[2] perdendo, contro l'Ajax, la finale della Coppa d’Olanda.

Real Sociedad[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 giugno 2019 viene ceduto alla Real Sociedad.[21] Il 17 agosto esordisce nella Liga subentrando nella partita contro il Valencia, mentre il 22 settembre realizza la sua prima rete contro l'Espanyol. Il 22 febbraio 2020, durante il quarto di finale di Coppa del Re contro il Real Madrid, realizza una doppietta che permette ai biancoblù di vincere la partita (3-4) e accedere in semifinale. Il 3 aprile 2021 vince tale competizione, laureandosi anche capocannoniere del torneo. La finale, inizialmente prevista per il 18 aprile dell'anno precedente, è stata rimandata al 2021 a causa della pandemia di COVID-19.[22] Conclude la sua prima stagione spagnola con 16 reti in 45 presenze totali.

Nell'annata seguente, con 17 reti all'attivo in 34 partite, diventa il calciatore svedese più prolifico nell'arco di una singola edizione del campionato spagnolo, superando il precedente record di Zlatan Ibrahimović, che con la maglia del Barcellona ne segnò 16 nel 2009-2010.[5]

Il 1º luglio 2021 rinnova il suo contratto con i baschi sino al 2026.[23]

Isak con la Svezia

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Già nel giro delle nazionali Under-17 e Under-19, il 6 ottobre 2016 Isak esordisce con la nazionale Under-21 all'età di 17 anni e 15 giorni, subentrando nel corso del match esterno vinto contro i pari età dell'Estonia.[24]

L'8 gennaio 2017 diventa il giocatore più giovane di sempre ad aver indossato la maglia della nazionale maggiore svedese, debuttando all'età di 17 anni, 3 mesi e 17 giorni contro la Costa d'Avorio nella tournée di Abu Dhabi.[25] Quattro giorni dopo, alla sua seconda presenza (la prima da titolare) apre le marcature contro la Slovacchia e diventa il più giovane marcatore nella storia della Nazionale con i suoi 17 anni, 3 mesi e 21 giorni.[26]

Nel 2019, dopo due anni di assenza, torna in nazionale, e ne diventa convocato in pianta stabile. Il 15 novembre 2019 è stato vittima di cori razzisti durante Romania-Svezia 0-2, tanto che l'arbitro della sfida Daniele Orsato ha sospeso la partita.[27][28][29]

Viene poi convocato per Euro 2020.[30]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 29 giugno 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2016-gen. 2017 Svezia AIK A 24 10 CS 2 3 UEL 3 0 - - - 29 13
gen.-giu. 2017 Germania Borussia Dortmund BL 0 0 CG 1 0 UCL 0 0 SG - - 1 0
2017-2018 BL 5 0 CG 3 1 UCL+UEL 1+3 0 SG 0 0 12 1
Totale Borussia Dortmund 5 0 4 1 4 0 0 0 13 1
2018-gen. 2019 Germania Borussia Dortmund II RL 11 5 - - - - - - - - - 11 5
gen.-giu. 2019 Paesi Bassi Willem II ED 16 13 CO 2 1 - - - - 18 14
2019-2020 Spagna Real Sociedad PD 37 9 CR 8 7 - - - - 45 16
2020-2021 PD 34 17 CR 1 0 UEL 8 0 - - 43 17
2021-2022 PD 5 0 CR 0 0 UEL 1 1 - - 6 1
Totale Real Sociedad 76 26 9 7 9 1 0 0 94 34
Totale carriera 142 56 17 12 16 1 0 0 165 67

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Svezia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
8-1-2017 Abu Dhabi Svezia Svezia 1 – 2 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole - Ingresso al 62’ 62’
12-1-2017 Abu Dhabi Svezia Svezia 6 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole 1 Uscita al 71’ 71’
23-3-2019 Solna Svezia Svezia 2 – 1 Romania Romania Qual. Euro 2020 - Ingresso al 89’ 89’
26-3-2019 Oslo Norvegia Norvegia 3 – 3 Svezia Svezia Qual. Euro 2020 - Ingresso al 62’ 62’
7-6-2019 Solna Svezia Svezia 3 – 0 Malta Malta Qual. Euro 2020 1 Ingresso al 69’ 69’
10-6-2019 Madrid Spagna Spagna 3 – 0 Svezia Svezia Qual. Euro 2020 - Ingresso al 82’ 82’
5-9-2019 Tórshavn Fær Øer Fær Øer 0 – 4 Svezia Svezia Qual. Euro 2020 2
8-9-2019 Solna Svezia Svezia 1 – 1 Norvegia Norvegia Qual. Euro 2020 - Uscita al 77’ 77’
12-10-2019 Ta' Qali Malta Malta 0 – 4 Svezia Svezia Qual. Euro 2020 - Ingresso al 71’ 71’
15-10-2019 Stoccolma Svezia Svezia 1 – 1 Spagna Spagna Qual. Euro 2020 - Ingresso al 77’ 77’
15-11-2019 Bucarest Romania Romania 0 – 2 Svezia Svezia Qual. Euro 2020 - Ingresso al 78’ 78’
18-11-2019 Solna Svezia Svezia 3 – 0 Fær Øer Fær Øer Qual. Euro 2020 -
8-9-2020 Solna Svezia Svezia 0 – 2 Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Uscita al 71’ 71’
8-10-2020 Mosca Russia Russia 1 – 2 Svezia Svezia Amichevole 1 Uscita al 64’ 64’
11-10-2020 Zagabria Croazia Croazia 2 – 1 Svezia Svezia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Uscita al 65’ 65’
14-10-2020 Lisbona Portogallo Portogallo 3 – 0 Svezia Svezia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Ingresso al 62’ 62’
11-11-2020 Brøndbyvester Danimarca Danimarca 2 – 0 Svezia Svezia Amichevole -
17-11-2020 Saint-Denis Francia Francia 4 – 2 Svezia Svezia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Ingresso al 86’ 86’
25-3-2021 Solna Svezia Svezia 1 – 0 Georgia Georgia Qual. Mondiali 2022 -
28-3-2021 Pristina Kosovo Kosovo 0 – 3 Svezia Svezia Qual. Mondiali 2022 1 Ammonizione al 27’ 27’ Uscita al 68’ 68’
29-5-2021 Solna Svezia Svezia 2 – 0 Finlandia Finlandia Amichevole - Ingresso al 84’ 84’
5-6-2021 Solna Svezia Svezia 3 – 1 Armenia Armenia Amichevole - Uscita al 71’ 71’
14-6-2021 Siviglia Spagna Spagna 0 – 0 Svezia Svezia Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 69’ 69’
18-6-2021 San Pietroburgo Svezia Svezia 1 – 0 Slovacchia Slovacchia Euro 2020 - 1º turno -
23-6-2021 San Pietroburgo Svezia Svezia 3 – 2 Polonia Polonia Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 68’ 68’
29-6-2021 Glasgow Svezia Svezia 1 – 2 dts Ucraina Ucraina Euro 2020 - Ottavi di finale - Uscita al 97’ 97’
2-9-2021 Solna Svezia Svezia 2 – 1 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2022 1 Uscita al 84’ 84’
8-9-2021 Atene Grecia Grecia 2 – 1 Svezia Svezia Qual. Mondiali 2022 -
9-10-2021 Solna Svezia Svezia 3 – 0 Kosovo Kosovo Qual. Mondiali 2022 1 Uscita al 75’ 75’
12-10-2021 Solna Svezia Svezia 2 – 0 Grecia Grecia Qual. Mondiali 2022 1
Totale Presenze 30 Reti 9

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Borussia Dortmund: 2016-2017
Real Sociedad: 2019-2020

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2019-2020 (7 reti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Next Generation 2016: 60 of the best young talents in world football, su theguardian.com, 5 ottobre 2016. URL consultato il 3 settembre 2021.
  2. ^ a b c d e È arrivato il momento di Alexander Isak?, su rivistaundici.com, 29 giugno 2021. URL consultato il 30 giugno 2021.
  3. ^ (ES) Más gol para el ataque, su realsociedad.eus, 12 giugno 2019. URL consultato il 16 novembre 2019.
  4. ^ I migliori talenti del calcio mondiale: Alexander Isak, su spaziocalcio.it, 27 gennaio 2017.
  5. ^ a b (ES) Isak supera a su ídolo Ibrahimovic, su as.com, 24 maggio 2021.
  6. ^ L’antitetico erede di Ibra è... Isak, su tio.ch, 29 giugno 2021. URL consultato il 30 giugno 2021.
  7. ^ (SV) Milstolpe för AIK:s 16-årige supertalang – slog historiskt rekord, su fotbolldirekt.se, 29 febbraio 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2016).
  8. ^ (SV) Skrev AIK-historia – yngst någonsin, su aftonbladet.se, 7 aprile 2016.
  9. ^ (SV) Ungdomarna sköt tre poäng till AIK, su allsvenskan.se, 25 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2016).
  10. ^ (SV) Isak firade 17-årsdagen som derbykung, su svt.se, 21 settembre 2016.
  11. ^ (SV) TV: AIK krossade Norrköping totalt - och gav MFF guldläge, su fotbollskanalen.se, 2 ottobre 2016.
  12. ^ (SV) ”Vi får säga grattis till MFF redan nu...”, su aftonbladet.se, 16 ottobre 2016.
  13. ^ (SV) Alexander Isak – en av spelarnas favoriter, su dn.se, 14 dicembre 2016.
  14. ^ Borussia Dortmund sign striker Alexander Isak bvb.de
  15. ^ https://www.transfermarkt.it/alexander-isak/leistungsdaten/spieler/349066/plus/0?saison=2018
  16. ^ (EN) Borussia Dortmund's 'next Ibra' Isak joins Willem II on loan, su goal.com, 25 gennaio 2019.
  17. ^ (NL) Willem II huurt spits Alexander Isak, su willem-ii.nl. URL consultato il 18 febbraio 2021.
  18. ^ (NL) Willem II-aanvaller Isak schrijft Eredivisiehistorie, su telegraaf.nl, 30 marzo 2019.
  19. ^ (NL) Isak schrijft historie en loodst Willem II in doelpuntenfestijn langs Heracles, su eredivisie.nl, 2 aprile 2019.
  20. ^ (NL) Isak blijft records breken, su telegraaf.nl, 14 aprile 2019.
  21. ^ (ES) La Real Sociedad ficha a Alexander Isak, su realsociedad.eus. URL consultato il 16 novembre 2019 (archiviato il 14 giugno 2019).
  22. ^ Coppa del Re 2020, assegnato il trofeo: vince la Real Sociedad, Athletic battuto 1-0, su sport.sky.it, 3 aprile 2021.
  23. ^ (ES) Hasta 2026, su realsociedad.eus. URL consultato il 1º luglio 2021.
  24. ^ (SV) Alexander Isak debuterade när U21-landslaget körde över Estland, su fotbolldirekt.se, 6 ottobre 2016. URL consultato l'11 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2016).
  25. ^ (SV) Isak historisk – yngst i landslaget på 106 år, su aftonbladet.se, 8 gennaio 2017.
  26. ^ (SV) TV: Se Isaks historiska mål - här blir han landslagets yngste målskytt, su fotbollskanalen.se, 12 gennaio 2017.
  27. ^ Romania-Svezia, Orsato sospende per cori razzisti, su foxsports.it, 15 novembre 2019. URL consultato il 16 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2019).
  28. ^ (EN) Sweden game stopped over racist abuse of directed at Isak from Romania fans, su thesun.co.uk, 15 novembre 2019. URL consultato il 16 novembre 2019.
  29. ^ (ES) Gritos racistas contra Isak detuvieron el Rumanía-Suecia, su as.com, 15 novembre 2019. URL consultato il 16 novembre 2019.
  30. ^ (EN) Sweden Euro 2020 squad: Full team profile, su fourfourtwo.com. URL consultato il 30 giugno 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]