Alexander Granach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexander Granach, pseudonimo di Jessaja Gronach (Werbowitz, 18 aprile 1890New York, 14 marzo 1945), è stato un attore tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da genitori ebrei, divenne una celebrità teatrale alla Volksbühne di Berlino ed entrò nel cinema nel 1922, anno in cui apparve nel classico dell'horror Nosferatu il vampiro di F.W. Murnau, interpretando il ruolo di Knock, personaggio succube del protagonista, il conte Orlok. Recitò, fra gli altri, in uno dei primi film sonori tedeschi, La tragedia della miniera (1931), diretto da Georg Wilhelm Pabst.

All'ascesa di Hitler al potere, Granach fuggì in Unione Sovietica e successivamente raggiunse gli Stati Uniti, stabilendosi a Hollywood, dove fece la sua prima apparizione cinematografica nel ruolo del commissario sovietico Kopalski in Ninotchka (1939), brillante commedia diretta da Ernst Lubitsch e interpretata da Greta Garbo. Granach fu assai richiesto durante gli anni della seconda guerra mondiale per la sua capacità di interpretare efficacemente sia ruoli di nazista, come quello di Julius Streicher in The Hitler Gang (1944) di John Farrow, sia di ferventi oppositori al nazismo. Tra le sue migliori interpretazioni, da ricordare quella dell'ispettore della Gestapo Alois Gruber in Anche i boia muoiono (1943) di Fritz Lang. La sua ultima apparizione cinematografica fu nel film La settima croce (1944), in cui molti noti interpreti di ruoli di supporto erano artisti rifugiati europei, come Felix Bressart, Fay Wall e Helene Weigel.

Granach morì il 14 marzo 1945 a New York per un'embolia polmonare conseguente a un'appendicectomia. Fu sepolto nel cimitero di Montefiore a Springfield Gardens, nel Queens. La sua autobiografia, There Goes an Actor, uscita nel 1945, è stata ripubblicata nel 2010 con il nuovo titolo From the Shtetl to the Stage: The Odyssey of a Wandering Actor. Suo figlio Gad Granach, scrittore e memorialista, visse a Gerusalemme e scrisse le sue memorie, contenenti molti riferimenti al padre.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32250606 · ISNI (EN0000 0000 8111 7366 · LCCN (ENno95018828 · GND (DE11854148X · BNF (FRcb14618849f (data) · WorldCat Identities (ENno95-018828