Alessio Giannone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alessio Giannone, noto anche con lo pseudonimo di Pinuccio (Bari, 29 maggio 1979), è un personaggio televisivo e youtuber italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta il liceo a Bari e in quegli anni si appassiona al teatro iscrivendosi al Laboratorio Arti Sceniche della compagnia professionale Tiberio Fiorilli. Dopo il diploma si iscrive a Giurisprudenza all'Università degli Studi di Bari. Durante gli anni di università organizza laboratori di teatro in alcune scuole superiori[1]. Dopo la laurea in Giurisprudenza[2][3] si dedica all'attività di autore e regista, scrivendo programmi per emittenti televisive locali.[4][5]

Nel 2011 dà vita al personaggio del faccendiere Pinuccio e pubblica su su YouTube video di immaginarie telefonate a politici e personaggi famosi, in cui Pinuccio si mostra amico "di quelli che contano", mettendone però in risalto difetti e mancanze.[6] Grazie al successo su YouTube, i video di Pinuccio vengono trasmessi in programmi come Ballarò, Tagadà[7] e Blob[8].

Nel 2013 realizza interventi di satira con le telefonate di Pinuccio a politici nelle quattro puntate del programma TV La guerra dei mondi (condotto da David Parenzo su Rai 3)[9].

Giannone inizia a collaborare con quotidiani, come La Gazzetta del Mezzogiorno e Il Fatto Quotidiano, con quest'ultimo dal 2012[10].

Nel 2014 il personaggio di Pinuccio arriva in teatro con lo spettacolo Pinuccio chiama.[5] rappresentato nell'aprile 2016 a Roma[11], Milano[12], Torino[10], Firenze[13] e Bologna[14].

Dal 2015, dopo il licenziamento di Fabio & Mingo, è inviato fisso di Striscia la notizia, per cui denuncia casi di malasanità, cattiva amministrazione e inquinamento ambientale nelle regioni del Sud Italia, in particolare in Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise e Calabria.[1]

Il 14 novembre 2017 pubblica il suo primo libro, Trumpadvisor. Donald e Pinuccio in viaggio per il Sud Italia, edito da Mondadori.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Debutta nel mondo del cinema nel 2010 con il documentario dal titolo Favorite, presentato al Salone internazionale del libro nella città di Torino[15] e reso disponibile sul sito del quotidiano Corriere della Sera.[1] Nello stesso anno la sua sceneggiatura Binari, ispirata alla storia dell'editore Vito Laterza, viene selezionata nell'ambito concorso Progetto Memoria indetto dall'Apulia Film Commission, che finanzia la realizzazione dell'omonimo cortometraggio.[16]

Nel 2012 gira il cortometraggio La Sala, che concorre nella sezione Nuovi Orizzonti della 69ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[17]

Nel 2018 recita nel film Il vegetale di Gennaro Nunziante, in cui interpreta il ruolo di Nicola, amico del protagonista Fabio (interpretato da Fabio Rovazzi).[18]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Trumpadvisor. Donald e Pinuccio in viaggio per il Sud Italia, Milano, Mondadori, 2017, ISBN 978-88-04-68374-2.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2017 – Premio Sirio al Festival del cabaret, Martina Franca.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Pinuccio, striscialanotizia.mediaset.it. URL consultato il 16 maggio 2018.
  2. ^ Rosanna Lampugnani, Pinuccio è arrivato a Montecitorio «Mario? Ti ho portato la burrata», in Corriere del Mezzogiorno, corrieredelmezzogiorno.corriere.it, 12 gennaio 2012. URL consultato il 16 maggio 2018.
  3. ^ Mara Venuto, Alessio Giannone “L’anti-politica di Pinuccio salverà l’Italia”, lsdmagazine.com, 29 aprile 2012. URL consultato il 16 maggio 2018.
  4. ^ Pinuccio TrumpAdvisor, di Alessio Giannone, La Gazzetta dello Spettacolo. URL consultato il 26 aprile 2018.
  5. ^ a b Daniela Zacconi, «Tra telefonate e sondaggi ora analizzo i vizi dell’elettore», Corriere della Sera, 10 aprile 2016. URL consultato il 26 aprile 2018.
  6. ^ Giorgiana Cristalli, 'Je suis Pinuccio', la satira ai tempi dei social, ansa.it, 11 marzo 2015. URL consultato il 16 maggio 2018.
  7. ^ Filmato audio La7, Assedio a Renzi. La profezia di Pinuccio, 7 novembre 2017. URL consultato il 16 maggio 2018.
  8. ^ Pinuccio: un talento naturale prestato a Striscia la Notizia, popcorntv.it. URL consultato il 16 maggio 2018.
  9. ^ Francesco D'Angelo, Parenzo punge in tv: al via "La guerra dei mondi", in Libero, liberoquotidiano.it, 13 giugno 2013. URL consultato il 16 maggio 2018.
  10. ^ a b Pinuccio Chiama Torino al Teatro Cardinal Massaia di Torino venerdì 22 aprile 2016, 20 aprile 2016. URL consultato il 16 maggio 2018.
  11. ^ Pinuccio chiama Roma, teatrovittoria.it. URL consultato il 16 maggio 2018.
  12. ^ Cristian Pedrazzini, 'Pinuccio chiama...Milano' la satira in scena, spettacolinews.it. URL consultato il 16 maggio 2018.
  13. ^ Pinuccio chiama Firenze!, gogofirenze.it. URL consultato il 16 maggio 2018.
  14. ^ "Pinuccio chiama...Bologna!" „"Pinuccio chiama...Bologna!"“, bolognatoday.it. URL consultato il 16 maggio 2018.
  15. ^ Pagine di Puglia tra Presìdi e giovani talenti, in La Repubblica, ricerca.repubblica.it, 15 maggio 2010. URL consultato il 16 maggio 2018.
  16. ^ Mariangela Pollonio, Laterza in corto con una docu-fiction, in Corriere del Mezzogiorno, corrieredelmezzogiorno.corriere.it, 13 ottobre 2010. URL consultato il 16 maggio 2018.
  17. ^ Michele Traversa, “La Sala” di Alessio Giannone in concorso al Festival di Venezia 2012, lsdmagazine.com, 27 luglio 2012. URL consultato il 16 maggio 2018.
  18. ^ Massimo Galanto, Fabio Rovazzi attore ne Il vegetale, No alle parolacce, rtl.it, 12 gennaio 2018. URL consultato il 16 maggio 2018.
  19. ^ Festival del Cabaret, festivaldelcabaret.com. URL consultato il 16 maggio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]