Alessio De Sariis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alessio De Sariis (XVIII sec. – XIX sec.) è stato un politico, giudice e scrittore italiano. È noto soprattutto come scrittore, per le sue opere di storia e giurisprudenza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era di Matera[1] e fu governatore regio di San Valentino Torio, Sorrento, Pozzuoli e altre città. Fu anche giudice della Gran Corte della Vicaria, ma pereferì rinunciare alle responsabilità che questa carica comportava per potersi dedicare tranquillamente ai suoi studi. Pur essendo esonerato, conservò il titolo di giudice della corte anzidetta.[2]

Il sanfedista Domenico Petromasi, nella prefazione della sua opera Storia della spedizione dell'Eminentissimo cardinale D. Fabrizio Ruffo (1801) criticò De Sariis perché copiò l'Itinerario (1799) di Antonino Cimbalo nella sua opera l'Italia infelice (1800) senza mai citarlo. Anche Domenico Petromasi la copiò per la sua opera, ma nella prefazione riconobbe di essersene avvalso.[3][4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Pagine correlate[modifica | modifica wikitesto]