Alessandro di Sassonia-Gessaphe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro di Sassonia-Gessaphe
P1162866 gross.jpg
Margravio di Meissen (disputato)
Capo del casato di Sassonia (disputato)
Stemma
In carica 23 luglio 2012
Predecessore Maria Emanuele di Sassonia
Erede Georg Philipp di Sassonia-Gessaphe
Nome completo Alexander Prinz von Sachsen-Gessaphe
Nascita Monaco di Baviera, 12 febbraio 1954
Casa reale Wettin
Padre Roberto de Afif
Madre Anna di Sassonia
Consorte Principessa Gisela di Baviera
Figli Principe Georg Philipp di Sassonia-Gessaphe

Principe Mauricio Gabriel Robert di Sassonia-Gessaphe

Principe Paul Clemens di Sassonia-Gessaphe

Principessa Maria Teresita di Sassonia-Gessaphe

Alessandro de Afif, principe di Sassonia-Gessaphe ( tedesco : Alexander Prinz von Sachsen-Gessaphe polacco : Aleksander książę Sasko-Gessapski (Monaco di Baviera, 12 febbraio 1954) è un margravio e imprenditore tedesco.

È il figlio adottivo ed erede di Maria Emanuele, Margravio di Meissen, e un uomo d'affari con radici libanesi, messicane e tedesche. Dopo la morte di Maria Emanuele nel luglio 2012, assunse la direzione della Casata di Wettin, sulla base di un accordo del 1997 che lo nominò erede, ma che fu ripudiato pochi anni dopo da un certo numero di firmatari che si affidavano alla legge salica. La sua richiesta è contestata dal cugino, il principe Rüdiger di Sassonia.

Biografia e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Monaco di Baviera come Alexander de Afif, è il figlio maggiore di Roberto de Afif, il dottor Jur (citato come nobile cattolico del Libano) e della principessa Anna di Sassonia. Alla nascita Alessandro non possedeva i diritti per il trono abolito di Sassonia (che discendeva per successione semi-salica) in quanto il matrimonio dei suoi genitori non soddisfaceva i requisiti di matrimonio uguali della legge della casa sassone. Alexander assunse legalmente il cognome Prinz von Sachsen-Gessaphe il 25 agosto 1972.

Alexander è cresciuto principalmente in Messico e alla fine ha assunto la direzione di un'azienda logistica da suo padre. Sposò la Principessa Gisela di Baviera , prima civilmente a Città del Messico il 3 aprile 1987 e poi religiosamente all'Abbazia di Andechs il 29 agosto 1987. Hanno quattro figli:

  • Il principe Georg Philipp di Sassonia-Gessaphe (nato a Città del Messico il 24 maggio 1988)
  • Il principe Mauricio Gabriel Robert di Sassonia-Gessaphe (nato a Città del Messico il 14 settembre 1989)
  • Il principe Paul Clemens di Sassonia-Gessaphe (nato a Città del Messico il 23 marzo 1993)
  • La principessa Maria Teresita di Sassonia-Gessaphe (nata a Dresda il 7 luglio 1999)

Il suo matrimonio con Gisela ha esaltato il suo potenziale dinastico agli occhi del suo zio materno, il Margravio senza figli, che era rimasto senza un erede quando l'erede più prossimo, il giovane principe Giovanni di Sassonia-Coburgo-Gotha (1969-1987), è stato ucciso nel 1987 in un incidente durante una arrampicata.

Nel febbraio 2003 Alessandro ha iniziato a lavorare per attrarre investitori in tutto il mondo in Sassonia. Ha anche lavorato come consulente per Georg Milbradt , Ministro-Presidente del Free State of Saxony, con Milbradt nel 2008. Nell'estate 2004 ha ricevuto la cittadinanza tedesca. Nel 2009 ha lasciato la Germania per riprendere la vita nel Nord America (Messico). Nel luglio 2012 Alexander ha rilasciato un'intervista controversa in cui criticava quello che considerava un'ingratitudine e una mancanza di etichetta da parte del popolo della ex Germania dell'Est (che include la Sassonia).

Casa reale di Sassonia[modifica | modifica wikitesto]

La direzione della Casa reale di Sassonia è oggetto di controversie nella famiglia reale sassone. Il conflitto deriva dal fatto che l'ultimo capo indiscusso della casa Maria Emanuele, Margravio di Meissen, e suo fratello Alberto non avevano figli, mentre il loro primo cugino, il principe Timo, aveva figli (incluso Rüdiger) che non erano considerati membri del Royal Casa di Sassonia a causa del matrimonio disuguale di Timo.

Il primo erede dinastico designato di Maria Emanuele era suo nipote, il Principe Giovanni di Sassonia-Coburgo-Gotha , unico figlio della loro sorella minore Principessa Mathilde di Sassonia dal suo matrimonio con il principe Giovanni Enrico di Sassonia-Coburgo-Gotha , appartenente ad un ramo della Casa di Wettin. Dopo la morte prematura del principe Giovanni, Maria Emanuele ha considerato come potenziale erede un altro nipote, Alessandro Afif , il figlio maggiore della sorella maggiore, la principessa Anna di Sassonia, e di suo marito Roberto Afif, nonostante il loro matrimonio fosse contrario alle leggi tradizionali del Casato di Sassonia, che richiedeva un matrimonio eguale per ereditare i diritti dinastici. Il 14 maggio 1997 il margravio di Meissen propose suo nipote Alessandro Afif come erede e stilò un documento che fu firmato dagli altri membri maschi e femmine della Casa reale (compresi gli appartenenti ai rami non dinastici) stabilendo che Alessandro gli sarebbe successo alla sua morte. Il documento era firmato da Anastasia, Margravia di Meissen , il principe Alberto e sua moglie, Elmira Henke, il principe Dedo (per sé, suo fratello il principe Gero e la loro matrigna Virginia Dulon - suo fratello il principe Timo era morto nel 1982), le principesse Maria Josepha, Anna e Matilde e la terza moglie del principe Timo, Erina Eilts. Due anni dopo, il 1 ° luglio 1999, il Margravio adottò il nipote Alessandro Afif, che dal 1972 usava il titolo Alessandro, principe di Sassonia-Gessaphe basato sulla discendenza del padre Afif dai sovrani libanesi (o Gessaphe ),gli Emiri di Keserwan , attraverso il cattolico maronita Cheikhs Afif di Bkassine .

L'accordo del 1997 si rivelò controverso e nell'estate del 2002 tre dei firmatari, il principe Alberto, Dedo e Gero (quest'ultimo acconsentì tramite delega ma non aveva firmato personalmente il documento) ritrattarono il loro sostegno all'accordo. L'anno seguente il principe Alberto scrisse che è attraverso il principe Rüdiger e i suoi figli che la linea diretta del ramo albertino della Casa di Wettin continuerà, e quindi evitare di estinguersi. Fino alla sua morte, tuttavia, il margravio, come capo della precedente dinastia, continuò a considerare suo nipote e figlio adottivo, il principe Alessandro, come l'erede contrattuale che aveva il diritto di succedere.

Subito dopo la morte di Maria Emanuele nel luglio 2012, il Principe Alberto assunse la posizione di capo della Real Casa di Sassonia. Secondo l'Eurohistory Journal, prima del funerale del Margravio, Alberto incontrò suo nipote Alessandro e lo riconobbe come Margravio di Meissen. Tuttavia questa affermazione è contraddetta dallo stesso Alberto nella sua intervista finale, pronunciata dopo il funerale, in cui afferma che ha bisogno del riconoscimento come Margravio di Meissen. Il principe Alessandro, citando l'accordo del 1997, ha assunto anche il ruolo di capo. Alberto, Margravio di Meissen, è morto in un ospedale a Monaco il 6 ottobre 2012 all'età di 77 anni.

Prima del requiem per il Margravio Maria Emanuele, Rüdiger, che aveva cercato di essere riconosciuto da suo zio come membro dinastico della Casa di Sassonia ma fu rifiutato, condusse una manifestazione fuori dalla cattedrale con i realisti sassoni in segno di protesta contro la decisione del defunto Margravio Maria Emanuele di nominare Alessandro come erede. Il sito della famiglia del Principe Rüdiger afferma che prima della sua morte Alberto determinò che Rüdiger sarebbe stato il suo successore e istituì un chiaro piano di successione. Su questa base dopo la morte di Alberto, il principe Rüdiger assunse il comando della casa, dopo aver dichiarato "Non accetteremo il principe Alessandro come capofamiglia".

In una dichiarazione congiunta del 23 giugno 2015, i capi dei tre rami rimanenti del ramo Ernestino della Casa di Wettin (Michele, principe di Sassonia-Weimar-Eisenach , Andrea, principe di Sassonia-Coburgo-Gotha, e Konrad, principe di Sassonia-Meiningen , ha dichiarato che, secondo le leggi storiche della Casa di Wettin, alessandro principe di Sassonia (ex Alessandro principe di Sassonia-Gessaphe, alias Alessandro Afif principe di Gessaphe alias Alessandro Afif), con il titolo di Principe di Sassonia per adozione:

1) non è un nobile e porta un nome non nobile

2) non è un membro della casa di Wettin ,

3) non ha il diritto di succedere al Margravio Maria Emanuele di Meissen, principe e duca di Sassonia, alla sua morte il 23 luglio 2012 come capo del ramo Albertino della Casa di Wettin (la Real Casa di Sassonia), né ha il diritto di assumere il titolo di Capo della Casata e Margravio di Meissen. "

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]