Alessandro di Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro di Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst

Alessandro di Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst (Kupferzell, 17 agosto 1794Bad Vöslau, 14 novembre 1849) fu vescovo titolare di Sardica e abate commendatario di San Michele a Gáborján.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio cadetto del principe Carlo Alberto II di Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst e fratello di Carlo Alberto III, intraprese la carriera ecclesiastica.

Fu vescovo titolare di Sardica, vicario generale di Gran Varadino e abate commendatario di San Michele a Gáborján.

Ebbe fama di taumaturgo, ma i suoi pretesi mracoli non furono riconosciuti come autentici dalla Santa Sede.

Le sue omelie e le sue opere di ascesi furono raccolte da Sebastian Brunner e pubblicate in quattro volumi a Stoccarda nel 1851.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 5075640 · LCCN: nr91040259 · GND: 118861484 · BNF: cb13262683t (data)