Alessandro Morelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Morelli
Alessandro Morelli.jpg

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
con delega alla programmazione e al coordinamento della politica economica
In carica
Inizio mandato 2 novembre 2022
Capo del governo Giorgia Meloni
Predecessore Bruno Tabacci

Viceministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili
Durata mandato 1º marzo 2021 –
22 ottobre 2022
Vice di Enrico Giovannini
Cotitolare Teresa Bellanova
Presidente Mario Draghi
Predecessore Giancarlo Cancelleri[1]
Successore Edoardo Rixi
Galeazzo Bignami

Presidente della 9ª Commissione Trasporti della Camera dei deputati
Durata mandato 21 giugno 2018 –
29 luglio 2020
Predecessore Michele Pompeo Meta
Successore Raffaella Paita

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 23 marzo 2018 –
12 ottobre 2022
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Circoscrizione Lombardia 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega per Salvini Premier
Titolo di studio Diploma di istituto tecnico agrario
Professione Giornalista

Alessandro Morelli (Vizzolo Predabissi, 9 maggio 1977) è un giornalista e politico italiano, già direttore di Radio Padania.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Vizzolo Predabissi, piccolo comune alle porte di Milano, ha conseguito il diploma di istituto tecnico agrario. Successivamente si è iscritto a Scienze delle produzioni animali all'Università Statale di Milano, senza tuttavia conseguire la laurea.[2]

Da dicembre 2013 a marzo 2018 è stato direttore di Radio Padania Libera, l'emittente radiofonica della Lega Nord[3]; inoltre dal 2016 è direttore de Il Populista, il Blog di Matteo Salvini.[4]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Alle amministrative del 1997 viene eletto consigliere del Municipio 5 di Milano, venendo rieletto anche nel 2001 e nel 2006.[5]

Dal 18 giugno 2010 al 15 maggio 2011 è stato assessore al Turismo, Marketing Territoriale, Identità di Milano nella giunta comunale di Letizia Moratti.[6]

Alle amministrative del 2011 viene eletto al consiglio comunale di Milano, divenendo capogruppo della Lega Nord sotto l'amministrazione di Giuliano Pisapia[7]; alle amministrative del 2016 viene nuovamente rieletto consigliere comunale, rimanendo in carica fino al 2021[2].

Alle elezioni politiche del 2013 è stato candidato alla Camera dei deputati, tra le liste della Lega Nord nella circoscrizione Lombardia 1, risultando tuttavia il primo dei non eletti.[8]

Gli anni da parlamentare e al governo[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 viene ricandidato alla Camera nella medesima circoscrizione, venendo questa volta eletto nelle liste della Lega per Salvini Premier.[9]

Il 21 giugno 2018 viene eletto presidente della 9ª Commissione permanente Trasporti della Camera dei Deputati, rimanendo in carica fino al 29 luglio 2020[10]. Da presidente della Commissione trasporti della Camera ha firmato una proposta di legge per ottenere che almeno un terzo della programmazione italiana delle radio fosse dedicata alle canzoni italiane.[11]

Il 25 febbraio 2021 viene indicato come viceministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili assieme a Teresa Bellanova, venendo nominato dal Consiglio dei Ministri il 1º marzo.[12][13][11]

Alle elezioni politiche anticipate del 25 settembre 2022 viene eletto al Senato nel plurinominale Lombardia 02 subentrando al capolista Matteo Salvini, che ha optato per un altro collegio, e alla seconda in lista Giulia Bongiorno, eletta in un collegio uninominale. Dal 2 novembre seguente è sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alla programmazione e il coordinamento economico nel nuovo governo Meloni.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Ad ottobre del 2013, mentre era capogruppo della Lega Nord presso il consiglio comunale di Milano, pubblicò su Facebook, per poi scusarsi il giorno dopo, una foto del politico Nichi Vendola con la scritta "Gay e pedofilo".[11][14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Infrastrutture e trasporti.
  2. ^ a b Alessandro Morelli, su Portale del Comune di Milano. URL consultato il 7 settembre 2018.
  3. ^ Lega Nord, Radio Padania: "Non ascoltate il discorso di Napolitano". E sul Colle scontro al vetriolo fra Ncd e Forza Italia, in Repubblica.it, 30 dicembre 2013. URL consultato il 7 settembre 2018.
  4. ^ Anche Salvini avrà il suo blog: si chiamerà il "Populista", in Repubblica.it, 3 maggio 2016. URL consultato il 7 settembre 2018.
  5. ^ Alessandro Morelli, su it-it.facebook.com. URL consultato il 7 settembre 2018.
  6. ^ Palazzo Marino, Morelli al posto di Orsatti, in MilanoToday. URL consultato il 7 settembre 2018.
  7. ^ Il Giorno, L'ex assessore Morelli nuovo capogruppo della Lega - Il Giorno, in Il Giorno, 8 ottobre 2012. URL consultato il 7 settembre 2018.
  8. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 7 settembre 2018.
  9. ^ Lombardia, tutti gli eletti di Camera e Senato, in Repubblica.it, 7 marzo 2018. URL consultato il 7 settembre 2018.
  10. ^ Morelli (Lega) presidente commissione Trasporti della Camera - Strade & Autostrade Online, in Strade & Autostrade Online. URL consultato il 7 settembre 2018.
  11. ^ a b c I sottosegretari lombardi di Draghi: fuori il grillino Buffagni e i dem Mauri e Misiani. Il leghista Morelli viceministro, su la Repubblica, 24 febbraio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  12. ^ La squadra dei 39 sottosegretari di Draghi è fatta. Al capo della polizia Gabrielli la delega ai servizi, su lastampa.it, 24 febbraio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  13. ^ Ecco la lista dei sottosegretari e viceministri - Politica, su Agenzia ANSA, 24 febbraio 2021. URL consultato il 17 gennaio 2022.
  14. ^ Il leghista su Facebook: "Vendola gay e pedofilo", su la Repubblica, 2 ottobre 2013. URL consultato l'11 luglio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Viceministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Successore Emblem of Italy.svg
Giancarlo Cancelleri
(Infrastrutture e trasporti)
1º marzo 2021
Con Teresa Bellanova
In carica