Alessandro Fattori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Fattori
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 82 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, supergigante, combinata
Squadra Fiamme Gialle
Ritirato 2007
 

Alessandro Fattori (Parma, 21 giugno 1973) è un ex sciatore alpino italiano.

Insieme a Kristian Ghedina, Peter Runggaldier, Werner Perathoner e Pietro Vitalini ha contribuito a far emergere lo sci alpino italiano, tradizionalmente più competitivo nelle specialità tecniche, anche nelle gare di discesa libera e supergigante. La squadra italiana di velocità, soprannominata "Italjet"[1], riuscì negli anni novanta a esprimersi agli alti livelli delle ben più quotate nazionali austriaca e svizzera.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 1992-1998[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Tizzano Val Parma, Fattori esordì in campo internazionale ai Mondiali juniores di Maribor 1992 e in Coppa del Mondo il 10 gennaio 1993, nella discesa libera di Garmisch-Partenkirchen (55º).

Debuttò ai Giochi olimpici invernali a Lillehammer 1994 (non concluse né il supergigantela combinata) e ai Campionati mondiali a Sierra Nevada 1996 (8º nel supergigante, non concluse lo slalom gigante). Ai successivi XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano 1998 ottenne i suoi migliori piazzamenti olimpici in carriera, chiudendo 4º nel supergigante e 6º nella combinata.

Stagioni 1997-2002[modifica | modifica wikitesto]

Ai Mondiali di Vail/Beaver Creek 1999 fu 19º nel supergigante e 7º nella combinata. Conquistò il primo podio - e la prima vittoria - in Coppa del Mondo il 16 dicembre 2000 nella discesa libera di Val-d'Isère; nella stessa stagione prese parte anche ai Mondiali di Sankt Anton, classificandosi 9 nella discesa libera, 8º nel supergigante e 5º nella combinata.

L'anno dopo ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002, sua ultima presenza olimpica, si piazzò 19º nella discesa libera e 13º nella combinata, mentre non terminò il supergigante. Al termine di quella stagione 2001-2002 ottenne il quarto posto nella classifica finale della Coppa del Mondo di supergigante.

Stagioni 2003-2007[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 marzo 2003 conquistò la sua seconda e ultima vittoria in Coppa del Mondo, nel supergigante di Lillehammer Kvitfjell, e il 31 gennaio 2004 l'ultimo podio, con il 3º posto nella discesa libera di Garmisch-Partenkirchen.

Disputò ancora i Mondiali di Bormio del 2005 (27º nella discesa libera, non concluse il supergigante) e abbandonò l'attività agonistica al termine della stagione 2006-2007.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 21º nel 1996
  • 5 podi:
    • 2 vittorie (una in discesa libera e una in supergigante)
    • 1 secondo posto
    • 2 terzi posti

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
16 dicembre 2000 Val-d'Isère Francia Francia DH
3 marzo 2002 Lillehammer Kvitfjell Norvegia Norvegia SG

Legenda:
DH = discesa libera

SG = supergigante

Coppa Europa[modifica | modifica wikitesto]

South American Cup[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 20º nel 2001
  • 1 podio:
    • 1 secondo posto

Campionati italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elena Romanato, "Neve in riva al mare", si ripete l'evento [collegamento interrotto], in Il Secolo XIX web, 20 settembre 2009. URL consultato il 20 ottobre 2010.
  2. ^ L'albo d'oro del supergigante maschile dei Campionati Italiani Assoluti, in fisi.org, 2 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 15 ottobre 2014).
    Campionati Italiani di sci alpino, l'albo d'oro della combinata maschile, in fisi.org, 24 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]