Alessandro Camon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro Camon

Alessandro Camon (Padova, 7 giugno 1963) è uno sceneggiatore, scrittore e produttore cinematografico italiano, che lavora prevalentemente negli Stati Uniti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro Camon è nato a Padova, figlio dello scrittore Ferdinando Camon e della giornalista Gabriella Imperatori. Dopo essersi laureato in filosofia presso l'Università di Padova, con una tesi sull'estetica della violenza nel cinema dagli anni sessanta,[1] inizia a farsi le ossa come critico cinematografico e scrivendo articoli per diverse riviste. Tra i suoi scritti vi sono dei saggi su John Milius e David Lynch.

Negli anni novanta si trasferisce negli Stati Uniti, dove frequenta un master alla UCLA. Dopo alcuni anni riesce ad avviare un'attività come produttore cinematografico, il primo film, in cui veste i panni di produttore esecutivo, è Il corvo 2. In seguito produce New Rose Hotel di Abel Ferrara e American Psycho di Mary Harron.

Nel corso degli anni è produttore esecutivo di pellicole come Undertow, Thank You for Smoking e Fur - Un ritratto immaginario di Diane Arbus. Nel 2008 debutta come sceneggiatore con la produzione italiana K. Il bandito, in seguito scrive a quattro mani con Oren Moverman, Oltre le regole - The Messenger, che vale ai due l'Orso d'Argento alla miglior sceneggiatura alla 59ª edizione del Festival di Berlino e la nomination agli Oscar 2010.

Tra gli altri film da lui prodotti vi sono Il cattivo tenente - Ultima chiamata New Orleans di Werner Herzog e Wall Street - Il denaro non dorme mai di Oliver Stone.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposato con la produttrice britannica Suzanne Warren. Con la moglie e i figli vive negli Stati Uniti.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Camon: "Ma qui a Hollywood non mi manda papà", lastampa.it. URL consultato il 06-12-2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN293097358 · ISNI: (EN0000 0003 9940 2212 · GND: (DE1023336480 · BNF: (FRcb16711964c (data)