Alessandro Calandrelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Busto di Alessandro Calandrelli al Gianicolo

Alessandro Calandrelli (Roma, 8 ottobre 1805Albano Laziale, 7 febbraio 1888) è stato un politico e militare italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Capitano dell'esercito pontificio, aderì al Governo provvisorio e fu eletto deputato all'Assemblea costituente. Dopo la proclamazione della Repubblica Romana divenne sostituto del ministro della Guerra e della Marina e in seguito, ministro interno. Fece parte del secondo triumvirato, insieme ad Aurelio Saliceti e Livio Mariani. I tre rimasero in carica dal 1º al 4 luglio 1849, giorno della capitolazione della Repubblica, alla cui difesa partecipò meritando una medaglia d'oro al valor militare. Condannato a morte per alto tradimento durante la restaurazione pontificia, gli fu commutata la pena da Pio IX in venti anni da scontarsi nel carcere di Ancona. In seguito a passi diplomatici compiuti da Federico Guglielmo IV di Prussia, la pena fu infine commutata nell'esilio, che scontò a Berlino, dove visse dando lezioni di italiano (tra i suoi allievi ebbe Alexander von Humboldt e Ferdinand Lassalle). Sposò Emilia Reineke dalla quale ebbe tre figli. Rientrò a Roma nel 1870, dopo la presa di Porta Pia, riprendendo l'attività politica e venendo eletto consigliere municipale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88778713 · ISNI (EN0000 0000 6254 6739 · SBN IT\ICCU\IEIV\059617 · BAV ADV10107653 · WorldCat Identities (EN88778713