Aleksandr Romanovič Beljaev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aleksandr Romanovič Beljaev

Aleksandr Romanovič Beljaev (cir. rus. Алекса́ндр Рома́нович Беля́ев; Smolensk, 16 marzo 1884Puškin, 6 gennaio 1942) è stato uno scrittore russo, poi dal 1918 sovietico, che si occupò prettamente di fantascienza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò diritto e musica, laureandosi nel 1906 in legge; visitò Francia ed Italia nel 1913. Nel 1915 una tubercolosi ossea alla colonna vertebrale lo lascerà paralizzato per mesi avvicinandolo alla lettura di Jules Verne e Konstantin Ciolkovskij. Dal 1923 si trasferì a Mosca dove intraprese le sue pubblicazioni letterarie, ispirate sempre a fatti scientifici, legati a veri campi, genetica, scienza dei trapianti, cosmonautica, fisica, chimica.

Autore di oltre 50 fra romanzi e racconti brevi fra i quali L'uomo anfibio (Человек-амфибия), Ariel (Ариэль) e La testa del Professor Dowell (Голова профессора Доуэля). Beljaev muore di fame a Puškin sotto l'invasione tedesca, mentre sua moglie e sua figlia sono deportate in Polonia, ma riescono a sopravvivere. Ha avuto grande successo in patria ed all'estero, in italiano sono stati pubblicati il romanzo L'uomo anfibio, il romanzo breve Elephas Sapiens[1] e i racconti Mister Risus[2] e Senza peso.[3] È autore delle biografie di famosi studiosi come Lomonosov, Pavlov e Ciolkovskij.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

La testa del professor Dowell (illustrazione del 1939).

Di seguito è riportato un elenco cronologico dei romanzi, per data di pubblicazione:[4]

  • L'ultimo uomo di Atlantide (in russo: Последний человек из Атлантиды?, traslitterato: Poslednij čelovek iz Atlantidy, 1925);
  • I dominatori del mondo (in russo: Властелин мира?, traslitterato: Vlasteli mira, 1926);
  • L'isola dei relitti (in russo: Остров Погибших Кораблей?, traslitterato: Ostrov pogibšich korablej, 1926);
  • La battaglia nell'etere (in russo: Борьба в эфире?, traslitterato: Borba v efire, 1927);
  • Il pane eterno (in russo: Вечный хлеб?, traslitterato: Večnij chleb, 1928);
  • L'uomo-anfibio (in russo: Человек-амфибия?, traslitterato: Čelovek-amfibija, 1928);
  • La montagna d'oro (in russo: Золотая гора?, traslitterato: Zolotaja gora, 1929);
  • Il venditore d'aria (in russo: Продавец воздуха?, traslitterato: Prodavets vosducha, 1929);
  • L'uomo che ha perduto il volto (in russo: Человек, потерявший лицо?, traslitterato: Čelovek, potejavšij litso, 1929);
  • Hoity-Toity (in russo: Хойти-Тойти?, traslitterato: Chojti-Tojti, 1930), conosciuto in italia come Elephas Sapiens;
  • Agricoltori subacquei (in russo: Подводные земледельцы?, traslitterato: Podvodnye zemledel'tsy, 1930);
  • La Terra brucia (in russo: Земля горит?, traslitterato: Zemlja gorit, 1931);
  • Salto nel nulla (in russo: Прыжок в ничто?, traslitterato: Pryžok v ničto, 1933);
  • La nave aerea (in russo: Воздушный корабль?, traslitterato: Vozdušnij korabl', 1934);
  • Occhio delle meraviglie (in russo: Чудесное око?, traslitterato: Čudesnoe oko, 1935);
  • La stella «KETS» (in russo: Звезда «КЭЦ»?, traslitterato: Zvezda «KETS», 1936); KETS sta per Konstantin Eduardovič Tsiolkovskij;
  • La testa del professor Dowell (in russo: Голова профессора Доуэля?, traslitterato: Golova professora Douelja, 1937);
  • Il visitatore celeste (in russo: Небесный гость?, traslitterato: Nebesnij gost', 1937);
  • Il laboratorio Doppia V (in russo: Лаборатория Дубльвэ?, traslitterato: Laboratorija Dul've, 1938);
  • Sotto il cielo dell'Artico (in russo: Под небом Арктики?, traslitterato: Pod nebom Arktiki, 1939);
  • Il castello delle streghe (in russo: Замок ведьм?, traslitterato: Zamok vedm', 1939);
  • L'uomo che ha trovato il suo volto (in russo: Человек, нашедший своё лицо?, traslitterato: Čelovek, nadevšij svoë litso, 1940);
  • Ariel (in russo: Ариэль ?, traslitterato: Ariel', 1941);

Opere tradotte in lingua italiana[modifica | modifica wikitesto]

L'Uomo Anfibio[modifica | modifica wikitesto]

  • 1948, edito come Il diavolo del mare, trad. Erme Cadei, ed. Genio (Fuori collana)
  • 1980, trad. Paolo Serbandini, in Rassegna Sovietica 3-6
  • 1982, trad. Peolo Serbandini, in Noi della galassia. Cinque storie di fantascienza, Albatros, Editori Riuniti
  • 2018, trad. Kollektiv Ulyanov, ed. Agenzia Alcatraz, Milano, 2018

Elephas Sapiens (Hojti-Tojti)[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963, trad. Maurizio Gavioli, Galassia 28, Casa Editrice La Tribuna

Mister Risus[modifica | modifica wikitesto]

Trattasi di un racconto del 1937 (Мистер Смех, trasl. Mister Smech)

  • 1961, trad. Maria Olsoufieva, in 14 racconti di fantascienza russa, Feltrinelli

Senza peso[modifica | modifica wikitesto]

Trattasi di un racconto del 1927 (titolo originale Над черной бездной, trasl. Nad černoj bezdnoj, letteralmente: Sopra il nero abisso) che rientra nel ciclo dedicato al professor Wagner (come Hojti-Tojti)

  • 1964, trad. Sandro Sandrelli, in Interplanet Europa 5, Edizioni dell'Albero

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Di alcune opere di Beljaev sono state tratte delle versioni cinematografiche.

  • Человек-амфибия (trasl. Čelovek-amfibija - L'uomo-anfibio), film del 1961 per la regia di V. Čebotarëv e G. Kazanskij
  • Продавец воздуха (trasl. Prodovets vozducha - Il venditore d'aria), film del 1967 per la regia di Vladimir Rjabtsev
  • Завещание профессора Доуэля (trasl. Zaveščanie professora Douelja - Il testamento del professor Dowell), film del 1984 per la regia di Leonid Menaker
  • Остров погибших кораблей (trasl. Ostrov pogibšich korablej - L'isola dei relitti), film del 1987 per la regia di Evgenij Hinebur e Rauf Mamedov
  • Спутник планеты Уран (trasl Sputnik planety Uran - Satellite del pianeta Urano, ispirato al romanzo Ariel), film del 1990 per la regia di Hadži Achmar[5]
  • Ariel, film del 1992 per la regia di Evgenij Kotov
  • Дожди в океане (trasl. Doždi v okeane - Piogge nell'oceano, ispirato all'Isola dei relitti), film del 1994 per la regia di Viktor Aristov e Jurij Mamin[6]
  • Морской Дьявол (trasl. Morskoj D'javol - Il diavolo del mare, ispirato a L'uomo-anfibio), mini-serie del 2004 per la regia di Aleksandr Atanesjan[7]
  • Последний человек Атлантиды (trasl. Poslednij čelovek Atlantidy - L'ultimo uomo di Atlantide, ispirato a L'uomo-anfibio), film del 2015 per la regia di Vladlen Barbe[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Su Galassia 28, Casa Editrice La Tribuna, 1963.
  2. ^ In 14 racconti di fantascienza russa, Feltrinelli, 1961.
  3. ^ In Interplanet Europa 5, Edizioni dell'Albero, 1964.
  4. ^ Bibliografia completa su https://fantlab.ru/autor14
  5. ^ https://www.kino-teatr.ru/kino/movie/sov/8766/annot/
  6. ^ https://www.kino-teatr.ru/kino/movie/ros/1907/annot/
  7. ^ https://www.kinopoisk.ru/series/399125/
  8. ^ https://filmix.co/multfilms/136762-posledniy-chelovek-atlantidy-2015.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12454915 · ISNI (EN0000 0001 0870 9143 · Europeana agent/base/65254 · LCCN (ENn80014378 · GND (DE139282173 · BNF (FRcb13475897b (data) · BNE (ESXX1137321 (data) · NDL (ENJA00432787 · WorldCat Identities (ENlccn-n80014378