Aleksandr Nikolaevič Benois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alexandre Benois ritratto da Léon Bakst nel 1898.

Aleksandr Nikolaevič Benois (in russo: Александр Николаевич Бенуа?; San Pietroburgo, 4 maggio 1870Parigi, 9 febbraio 1960) è stato un pittore, disegnatore, scrittore e librettista russo di lontane origini francesi, tra i fondatori di Mir iskusstva.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si ricorda soprattutto il suo contributo al rinnovo nei costumi e nelle scene del teatro.

Fu il regista di un balletto da lui stesso ideato, Le Pavillon d'Armide, rappresentato due anni dopo dai balletti di Sergej Pavlovič Djagilev al loro debutto parigino.[1] Benois fu uno tra i principali collaboratori di Djagilev, assieme all'altro scenografo Lev Bakst.[1]

Inoltre effettuò una importante attività come storico dell'arte, scrivendo fra l'altro una Storia dell'arte russa nel secolo XIX.[1]

Il figlio, Nicola, scenografo, costumista e pittore emigrò all'estero col padre, e ne seguì l'attività.

Dal 1925, trasferitosi in Italia, lavorò come scenografo nei più importanti teatri, da Teatro alla Scala di Milano al Teatro dell'Opera di Roma, mettendosi in evidenza per la capacità, talvolta geniale, di coniugare i motivi tradizionali agli elementi innovatrici.[1]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Decorazioni per i balletti:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Aleksandr Nikolaevič Benois, in le muse, II, Novara, De Agostini, 1964, p. 188.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN17218920 · ISNI (EN0000 0001 2319 933X · LCCN (ENn80159917 · GND (DE118655639 · BNF (FRcb11891232z (data) · ULAN (EN500009577 · NLA (EN35712785 · BAV ADV10234992 · WorldCat Identities (ENn80-159917