Aleijadinho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aleijadinho ritratto da Euclásio Ventura.

Antonio Francisco Lisboa, detto Aleijadinho (Ouro Preto, 29 agosto 1730Ouro Preto, 18 novembre 1814), è stato uno scultore e architetto brasiliano, noto soprattutto per le realizzazioni di chiese e come esponente di spicco della corrente dell'architettura barocca o rococò brasiliana (barocco mineiro).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anjo com o cálice da Paixão, santuario di Matosinhos, Brasile
Chiesa di São Francisco de Assis a São João del-Rei, progetto di Aleijadinho
Nossa Senhora das Dores, attribuita a Aleijadinho. Museo di Arte Sacra di San Paolo

Aleijadinho era figlio del portoghese Manuel Francisco da Costa Lisboa e della sua schiava africana Isabel.[1] Suo padre, manovale, emigrò in Brasile, dove riuscì lentamente ad elevare la sua condizione professionale e sociale, fino a divenire un progettista. Nel 1738 il padre sposò Maria Antonia de São Pedro, che aveva già avuto quattro figli dal precedente matrimonio.

Aleijadinho studiò al collegio del Seminário dos Franciscanos Donatos do Hospício da Terra Santa di Ouro Preto.

Proprio dal padre imparò le prime nozioni fondamentali di scultura e architettura, invece in seguito approfondì le sue conoscenze in materie da João Gomes Batista, formatosi a Lisbona presso le scuole di maestri italiani.

Il suo primo lavoro si svolse presso la Chiesa di Nossa Senhora do Carmo a Ouro Preto progettata dal padre.[2]

Tra le sue opere più significative annoveriamo: la facciata, la pianta, il pulpito e gli altari della chiesa di San Francesco a Ouro Preto, i cui lavori incominciarono nel 1766, oltre a quella del Carmo di Sabará.[1]

In collaborazione con il padre, lavorò alla facciata e agli altari della chiesa di Nossa Senhora do Carmo a Ouro Preto.

Nel 1767 suo padre morì, ma Aleijadinho, non fu nominato erede nel testamento. L'anno seguente si iscrisse al reggimento di fanteria dei Homens Pardos di Ouro Preto, dove rimase per tre anni, senza interrompere la sua attività artistica. Intorno al 1770 organizzò il suo laboratorio, secondo il modello delle corporazioni di mestieri o corporazioni medievali.

Successivamente realizzò nel Santuario do Bom Jesus do Matosinhos a Congonhas do Campo, i sei gruppi in prossimità delle stazioni della Croce, della Passione e del Calvario, nei quali emerse una vena drammatica, realistica e grottesca, il movimento, la mancanza di limiti, lo spirito teatrale, nonché l'idea che tutte le arti, architettura, scultura, doratura, pittura debbano essere utilizzati come elementi che contribuiscono armoniosamente per un grande effetto illusorio;[3] da sottolineare, sicuramente, le statue dei profeti collocate sulla scalinata. Il complesso scultoreo del Santuario è stato dichiarato dall'UNESCO nel 1985 Patrimonio dell’umanità..[4]

L'artista, dopo che venne colpito da una terribile malattia che l'avrebbe poi rovinato nell'aspetto fisico e reso invalido (probabilmente una sclerodermia), non amava apparire in pubblico e abitualmente si faceva trasportare su una portantina dai suoi servitori.[5] Negli ultimi anni di vita a causa della patologia subì la mutilazione di alcune dita dei piedi e delle mani.[5]

Dal 1812 la sua salute peggiorò e arrivò a dipendere molto dalle persone che lo assistivano. Ormai era quasi cieco e le sue capacità motorie erano notevolmente ridotte e presto dovette stabilirsi nella casa di sua nuora, che lo seguì nelle cure di cui aveva bisogno fino alla sua morte, il 18 novembre 1814.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Aleijadinho lavorò durante il periodo di transizione dal barocco al rococò e il suo lavoro mostrò le caratteristiche di entrambi, raggiungendo elementi espressionistici, originali e poderosi.[6]

Delle sue realizzazioni, le parti più interessanti sono le facciate, originali e fantasiose, nelle quali scavalca i rigidi schemi geometrici e la rigida disposizione ortogonale, per raggiungere una vitalità pittorica vibrante.[5]

Le sue sculture si caratterizzarono per i seguenti tratti stilistici:[7]

  • Posizionamento dei piedi ad angolo quasi retto;
  • Pannelli con pieghe nette;
  • Proporzioni quadrate e rettangolari di mani e unghie, con il pollice retratto e allungato, anulare e medio uniti di uguale lunghezza; nelle figure femminili le dita si assottigliano e ondulano, sollevandosi nei loro medi;
  • Mento diviso da una fossa;
  • Bocca semiaperta e labbra carnose, ma ben disegnate;
  • Naso stretto e prominente, narici profonde e marcate;
  • Gli occhi a mandorla, lacrimosi e pupille piatte; archi sopracciliari sollevati e "V" all'altezza del naso;
  • I baffi si sollevano dalle narici, lontano dalle labbra e si fondono con la barba;
  • Braccia corte, piuttosto rigide, specialmente nei rilievi;
  • Capelli stilizzati, a forma sinuosa e striata;
  • Precisione espressiva, sguardo penetrante.

Beatriz Coelho ha diviso l'evoluzione stilistica di Aleijadinho in tre fasi: la prima, tra il 1760 e il 1774, quando il suo stile è indefinito, alla ricerca di una caratterizzazione; la seconda, tra il 1774 e il 1790, quando lui personalizza le sue opere che sono definite da fermezza e da una idealizzazione, e la terza e ultima fase, tra il 1790 e la sua morte, quando lo stile raggiunge punti estremi, ben lontano dal naturalismo, cercando di esprimere la spiritualità e sofferenza.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Aleijadinho, su todamateria.com.br. URL consultato il 23 maggio 2018.
  2. ^ Aleijadinho, su sapere.it. URL consultato il 23 maggio 2018.
  3. ^ (PT) John Bury, Os doze Profetas de Congonhas do Campo, in Arquitetura e Arte no Brasil Colonial, John & Oliveira, Myriam Andrade Ribeiro de (org.), 2006, pp. 46-47.
  4. ^ Aleijadinho, piccolo zoppo e grande scultore di Dio, su lanuovabq.it. URL consultato il 23 maggio 2018.
  5. ^ a b c le muse, I, Novara, De Agostini, 1964, pp. 112-113.
  6. ^ Aleijadinho, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 23 maggio 2018.
  7. ^ a b Beatriz Coelho, Devoção e arte: imaginária religiosa em Minas Gerais, su books.google.it, pp. 136-137. URL consultato il 23 maggio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Abrantes, José Israel and C Bandeira de Melo, Visitando Ouro Preto, Mariana E Congonhas, Ouro Preto Turismo Receptivo Ltda.
  • Bazin, Germain, O Aleijadinho e a escultura barroca no Brasil, Editore Record, Rio 1971
  • Bretas, Rodrigo José Ferreira, Antônio Francisco Lisboa, Editore Itatiaia, Belo Horizonte, 2002
  • Ferreira, Delson Gonçalves, O Aleijadinho, Editore Comunicação, Belo Horizonte, 1981
  • Jardim, Márcio, O Aleijadinho; uma síntese histórica, Editore Stellarum, Belo Horizonte, 1995
  • Kelemen, Pál, Baroque and Rococo in Latin America, Volumes 1 and 2, Dover Publications, Inc. NY, 1967
  • Mann, Graciela and Hans Mann, The Twelve Prophets of Aleijadinho, University of Texas Press, Austin, Texas , 1967
  • Oliveira, Myriam Andrade Ribeiro de & Santos Filho, Olinto Rodrigues dos & Santos, Antônio Fernando Batista dos, O Aleijadinho e sua oficina; catálogo das imagens devocionais, San Paolo, Editore Capivara, 2002
  • Rodrigues, José Wasth, Documentário Arquitetônico, Editore Da Universidade De São Paulo, Belo Horizonte, 1990
  • Vasconcellos, Sylvio de, Vida e obra de Antônio Francisco Lisboa, o Aleijadinho, Companhia Editora Nacional, San Paolo, 1979

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52484559 · ISNI (EN0000 0001 2133 1560 · LCCN (ENn50072231 · GND (DE118728563 · BNF (FRcb119474594 (data) · ULAN (EN500069456 · CERL cnp00586637