Aldighieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aldighieri
Titolinobili
Ultimo sovranoGian Matteo
Data di estinzione1537
Etniaitaliana

Gli Aldighieri erano una nobile famiglia di Parma e successivamente di Contignaco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione letteraria toscana anche Dante Alighieri (nato Durante degli Aldighieri) sarebbe appartenuto a questo stesso ramo familiare e l'origine della famiglia Aldighieri viene ricondotta a tal Aldighieri (Adegerius) dei Frangipane, antica famiglia nobile romana. Lo stesso Dante rivendica attraverso le parole di Brunetto Latini un'ascendenza romana (Divina Commedia, Inferno, XV 73-78); sarebbe stato infatti il rampollo di una di quelle famiglie romane che, insieme ad altre famiglie fiesolane, fondarono Firenze dopo la distruzione di Fiesole da parte di Giulio Cesare.

Aldighieri di Contignaco[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1315 i Pallavicino capitolarono in seguito al violento attacco che il castello di Contignaco, in posizione cruciale per il controllo delle vicine saline di Salsomaggiore, subì da parte delle truppe mosse dalla nobile famiglia degli Aldighieri del ramo di Parma;[1] intorno alla metà del XV secolo la casata si legò alla famiglia Pallavicino grazie al matrimonio tra Giberto e Agnese, figlia di Rolando il Magnifico.[2]

Il ramo di Contignaco si estinse nel 1537 con Gian Matteo Aldighieri, che morì privo di figli i fratelli erano migrati a Verona; il feudo fu assorbito dalla Camera Ducale di Milano, che lo assegnò agli Sforza Pallavicino.[3]

Personaggi illustri[modifica | modifica wikitesto]

Tra i suoi membri più noti:

Nel recente passato si ricordano:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Castello di Contignaco, su lnx.castellodicontignaco.it. URL consultato il 10 luglio 2017.
  2. ^ Contignaco, su geo.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 10 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2018).
  3. ^ Il castello di Contignaco costruito dai Pallavicino entra come sostenitore tra i castelli del Ducato, su www.castellidelducato.it. URL consultato il 10 luglio 2017.
  4. ^ Pezzana, 1837, Appendice pp. 78-79.
  5. ^ Affò, 1821, p. 108.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ireneo Affò, Vita Di Pierluigi Farnese primo Duca di Parma, Piacenza e Guastalla, Milano, presso Paolo Emilio Giusti, 1821.
  • Angelo Pezzana, Storia della città di Parma continuata, Tomo primo, Parma, Ducale Tipografia, 1837.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Storia di famiglia Portale Storia di famiglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia di famiglia