Albrecht Nostitz-Rieneck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albrecht Nostitz-Rieneck
Karl von Rothkirch und Panthen Litho.jpg

Membro della Camera dei signori d'Austria
Durata mandato 1860 –
1871
Gruppo
parlamentare
aristocratici

Dati generali
Partito politico Conservatore
Professione politico

Il Conte Albrecht Nostitz-Rieneck (Trmice, 23 agosto 1807Praga, 25 gennaio 1871) è stato un politico austriaco, membro della Camera dei signori d'Austria dal 1860 fino alla scomparsa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Albert, era membro della famiglia nobile dei Nostitz. Studiò all'Università di Praga filosofia e diritto e nel 1828 entrò nel servizio dello stato[1]. La sue proprietà, che ereditò alla morte del padre Jan Nepomuk von Nostitz-Rieneck (1768–1840) erano il castello di Průhonice vicino Praga e altre a Türmitz e a Prödlitz, in Moravia. Dal 1850 fu presidente del Conservatorio musicale praghese; la figlia naturale, la pianista Rosa Kastner, fu allieva di pianoforte di Franz Liszt.[2]

Nel 1860 fu membro per breve tempo del Reichsrats a Vienna. Nel 1862 sposò a Praga Adelheid von Puteani (1823–1904); la coppia ebbe una figlia, Maria Antonia Gabriela (1863–1934).[3]

Nostitz fu presidente della Central-Vereins für Rübenzucker-Industrie nell'Impero austro-ungarico (da 1851 al 1861) e membro del consiglio d'amministrazione della Banca d'ipoteca boema[1]. Nel 1861 fu eletto nel riaperto Böhmischer Landtag (Parlamento della Boemia), Contemporaneamente era Oberstlandmarschall del Regno di Boemia e di conseguenza membro del Governo boemo e del Landesausschuss (Comitato nazionale).

Ebbe tre periodi di servizio: dal 31 marzo 1861 al 31 liglio 1863; dal 4 ottobre 1866 al 27 febbraio 1867 e dal 26 agosto 1870 al 23 dicembre 1870[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b H. Stekl: Nostitz-Rieneck Albert Franz Graf von. In: Österreichisches Biographisches Lexikon 1815-1950 (ÖBL). vol. 7, Verlag der Österreichischen Akademie der Wissenschaften, Vienna 1978, ISBN 3-7001-0187-2, p. 155.
  2. ^ Pauline Pocknell (a cura di): Franz Liszt and Agnes Street-Klindworth. A Correspondence, 1854-1886. Pendragon Press, Hillsdale 2001, ISBN 1-57647-006-7, p. 160 e 426.
  3. ^ Ernst Heinrich Kneschke (a cura di): Neues allgemeines deutsches Adels-Lexicon. vol. 6, Voigt, Lipsia 1865, p. 536; e Nostitz-Rieneck in genealogy.euweb.cz
  4. ^ Otto Urban: Die Landtage der böhmischen Länder: Der böhmische Landtag. In: Helmut Rumpler, Peter Urbanitsch (a cura di): Die Habsburgermonarchie 1848-1918. vol. VII: Verfassung und Parlamentarismus, 2. parte: Die regionalen Repräsentativkörperschaften. Verlag der Österreichischen Akademie der Wissenschaften, Vienna 2000, ISBN 3-7001-2871-1, pp. 1991–2055, in particolare p. 2000.
Controllo di autorità VIAF: (EN52787133 · GND: (DE130125873 · CERL: cnp00654873