Albino Buticchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Albino Buticchi

Albino Buticchi (Cadimare, 21 maggio 1926La Spezia, 13 ottobre 2003) è stato un dirigente sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Cadimare, frazione di La Spezia[1]. Figlio, con sei fratelli, di un giusta-carrozze e d'una lattaia[1], dopo una giovinezza nella Resistenza, contrassegnata anche da una deportazione, negli anni '60 divenne un imprenditore, petroliere. A cavallo tra gli anni '60 e '70 diventò responsabile della BP nel Nord Italia[1]. Dal primo matrimonio, ebbe due figli: Nadia e Marco. Da una seconda relazione nacquero invece tre figli, ma lui ne riconobbe soltanto uno, Alfredo[1].

Nel 1972 divenne presidente dell'Associazione Calcio Milan, succedendo all'avvocato Federico Sordillo. Nella prima stagione sotto la sua presidenza, acquistò Chiarugi dalla Fiorentina[2]. La squadra conquistò la sua terza Coppa Italia e la seconda Coppa delle Coppe[2]. Perse però il campionato all'ultima giornata in seguito alla sconfitta con il Verona, nell'episodio che fu definito Fatal Verona.[2] Nelle due stagioni successive il club ottenne piazzamenti di media classifica e perse tre finali di coppa (Supercoppa europea 1973, Coppa delle Coppe 1973-1974 e Coppa Italia 1974-1975). Entrato in contrasto con i tifosi e con il capitano Gianni Rivera, per aver ipotizzato uno scambio tra lo stesso Golden Boy e Claudio Sala, lasciò la presidenza a Bruno Pardi il 21 dicembre 1975[2].

Giocatore d'azzardo, nel 1983 tentò il suicidio: si sparò alla testa e perse la vista[1]. Dopo la convalescenza fece beneficenza e si riconciliò con Rivera[1]. Nell'aprile del 1992, dopo aver perso 400 milioni al casinò, cercò di nuovo la morte impiccandosi fuori da una finestra della villa, ma cadde e si spezzò il femore[1]. Interdetto dai figli, morì il 13 ottobre 2003 a La Spezia.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Buticchi, la parabola di uno sconfitto, Corriere della Sera. URL consultato il 29 maggio 2013 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  2. ^ a b c d Albino Buticchi, Storie di calcio. URL consultato il 29 maggio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]