Albinese Calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Albinese Calcio
Calcio Football pictogram.svg
Biancoazzurri
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco e Azzurro.svg Bianco, blu
Dati societari
Città Albino
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Fondazione 1969
Scioglimento1998
Stadio John Fitzgerald Kennedy
(1 000 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Albinese Calcio s.r.l., meglio nota come Albinese è stata una società calcistica italiana con sede nella città di Albino, in provincia di Bergamo.

Fondata nel 1969 come Polisportiva Albinese, a seguito della fusione tra il Circolo Sportivo Falco (fondato nel 1919) e la Società Albinese Fulgor (fondata nel 1924) cambiò nome in Albinese Calcio nel 1995 è disputò un campionato professionistico di Serie C2, prima di fondersi con la Società Calcio Leffe, andando a costituire l'Unione Calcio AlbinoLeffe.

I colori sociali erano il bianco e l'azzurro. Disputava le partite di casa allo stadio John Fitzgerald Kennedy.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli albori[modifica | modifica wikitesto]

Il calcio approda in Val Seriana dopo la Prima guerra mondiale. Era il 1919 quando alcuni appassionati di questo sport fondarono ad Albino il Circolo Sportivo Falco, nome derivante dall'aereo di Gabriele D'Annunzio che volò su Vienna per lanciare manifestini patriottici nella Grande Guerra. Il campo di gioco sorse inizialmente sull'area antistante le scuole elementari, in Piazza dei Caduti; in seguito la squadra disputo le gare casalinghe al "Centro Sportivo Comunale" in via Madonna del Pianto. Trentacinque anni più tardi, nel 1954, venne fondata un'altra formazione nel piccolo centro industriale all'inizio della valle: la Unione Sportiva Fulgor, formazione oratoriana fondata da Don Cristoforo Rossi che divenne il centro di aggregazione per i ragazzi della comunità.

La Fulgor si iscrisse ai campionati provinciali FIGC all'inizio della stagione 1957-1958 partendo dalla Seconda Divisione provinciale ed ottenendo la promozione in Seconda categoria nel 1960-1961.

Il derby con la Falco fu giocato per 4 stagioni consecutive a partire dal 1964-1965, prima della definitiva fusione delle due compagini.

La nascita dell'Albinese[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 Falco e Fulgor, dopo un referendum popolare con la maggior parte dei votanti a favore (85%), si fusero creando la Polisportiva Albinese. Primo presidente della società è Pierino Remigi, il campo di gioco è lo stadio Kennedy mentre la sede trova posto presso l'oratorio Papa Giovanni XXIII nella casa dell'allora curato e direttore Don Pietro (Pierino) Corvo.

L'approdo ai professionisti e la fusione[modifica | modifica wikitesto]

La prima affermazione degna di nota viene ottenuta nel 1989, quando la società seriana viene promossa nel Campionato Nazionale Dilettanti. Due anni più tardi l'Albinese di Marco Falsettini si classifica al primo posto nel proprio girone e viene promossa in Serie C2. Nella stagione 1997-1998 la società giunge al 5º posto, disputando i play-off per la promozione in Serie C1.

Il risultato raggiunto in quella stagione rimarrà il punto più alto dell'Albinese, in quanto nell'estate del 1998 viene decisa la fusione con il Leffe, dando così vita all'AlbinoLeffe.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Albinese Calcio
  • 1969 - Fondazione della Polisportiva Albinese a seguito della fusione tra il Circolo Sportivo Falco e la Società Sportiva Fulgor.
  • 1969-1970 - 5ª nel girone A della Prima Categoria Lombardia.

  • 1970-1971 - 2ª nel girone B della Prima Categoria Lombardia.
  • 1971-1972 - 2ª nel girone B della Prima Categoria Lombardia dopo aver perso lo spareggio.
  • 1972-1973 - 1ª nel girone B della Prima Categoria Lombardia. Promossa in Promozione.
  • 1973-1974 - 1ª nel girone B della Promozione Lombardia. Perde gli spareggi.
  • 1974-1975 - 8ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1975-1976 - 2ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1976-1977 - 11ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1977-1978 - 3ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1978-1979 - 10ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1979-1980 - 12ª nel girone B della Promozione Lombardia.

  • 1980-1981 - 16ª nel girone B della Promozione Lombardia. Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1981-1982 - 1ª nel girone D della Prima Categoria Lombardia. Promossa in Promozione.
  • 1982-1983 - 3ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1983-1984 - 12ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1984-1985 - 8ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1985-1986 - 11ª nel girone B della Promozione Lombardia.
  • 1986-1987 - 10ª nel girone C della Promozione Lombardia.
  • 1987-1988 - 8ª nel girone C della Promozione Lombardia.
  • 1988 - Cambia denominazione in Polisportiva Albinese Calcio.
  • 1988-1989 - 4ª nel girone D della Promozione Lombardia.
  • 1989-1990 - 1ª nel girone C della Promozione Lombardia. Promossa nel Campionato Interregionale.

Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
  • 1995 - Cambia denominazione in Albinese Calcio S.r.l.
  • 1995-1996 - 7ª nel girone C del Campionato Nazionale Dilettanti.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
Finale di Coppa Italia Dilettanti (Fase C.N.D.).
Primo turno della Poule scudetto.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

I colori dell'Albinese erano il bianco e il blu. I colori usati dal Circolo Sportivo Falco erano il nero e l'azzurro, mentre la Fulgor adottava i colori bianco e blu.

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma della squadra era azzurro e conteneva al suo interno lo stemma del comune di Albino.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

L'Albinese giocava le partite interne allo stadio John Fitzgerald Kennedy. L'impianto aveva un terreno in erba naturale, una pista d'atletica e una tribuna coperta contenente circa 1 000 posti.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'Albinese Calcio
Allenatori
  • 1969-1973 non conosciuta ...
  • 1973-1974 Italia Giacomo Spinelli
  •  ?-? Italia Cagliani
  •  ?-? Italia Zanotti
  •  ?-? Italia Rigamonti
  • 1989-1992 Italia Elio Gustinetti
  • 1992-1993 non conosciuta ...
  • 1993-1994 Italia Sandro Gibellini
    Italia Luigi Bresciani
  • 1994-1996 Italia Gianpaolo Rossi
  • 1996-1997 Italia Marco Falsettini
  • 1997-1998 Italia Marco Falsettini
    Italia Oscar Piantoni
Presidenti
  • 1969-? Italia Pierino Remigi
  •  ?-? Italia Pietro Pulcini
  •  ?-? Italia Aldo Pezzoli
  •  ?-? Italia Mario Bresciani
  • 1989-1993 Italia Franco Bertacchi
  • 1993-1995 Italia Luigi Galli
  • 1995-1998 Italia Fausto Selvinelli

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'Albinese Calcio

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni interregionali[modifica | modifica wikitesto]

1996-1997 (girone C)

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1973-1974 (girone B), 1989-1990 (girone C)
1972-1973 (girone B), 1981-1982 (girone D)

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1975-1976 (girone B)
Terzo posto: 1977-1978 (girone C), 1982-1983 (girone C)
Secondo posto: 1970-1971 (girone B), 1971-1972 (girone B)
Semifinalista: 1996-1997 (finalista della Fase C.N.D.)

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutto il calcio bergamasco di Pietro Serina (dalla stagione 1983-84 ad oggi) varie case editrici.
  • Bergamo in campo - 1905-1994: il nostro calcio, i suoi numeri di Pietro Serina (Impronta Edizioni, Zanica).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]