Alberto VI d'Asburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberto VI
Albrecht VI. (Miniatur in Gebetbuch).jpg
Ritratto di Alberto VI d’Asburgo
Arciduca d'Austria
(coreggente del fratello Federico V)
In carica 23 novembre 1457 –
2 dicembre 1463
Predecessore Ladislao il Postumo
Successore Federico V
Duca d’Austria Interiore[1]
(coreggente del fratello Federico V)
In carica 10 giugno 1424 –
2 dicembre 1463
Predecessore Ernesto I
Successore Federico V
Nascita Vienna, 18 dicembre 1418
Morte Vienna, 2 dicembre 1463
Luogo di sepoltura Cattedrale di Santo Stefano, Vienna
Dinastia Asburgo
Padre Ernesto I
Madre Cimburga di Masovia
Consorte Matilde del Palatinato
Religione Cristianesimo Cattolico

Alberto VI d'Asburgo, governatore della cosiddetta Austria Anteriore, duca dell'Alta Austria, detto il prodigo (Vienna, 18 dicembre 1418Vienna, 2 dicembre 1463), era figlio del duca Ernesto di Stiria, del ramo leopoldino degli Asburgo, e di Cimburga di Masovia. Suo fratello maggiore era l'Imperatore Federico III con il quale fu spesso in lotta[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ottenne nel 1439 dal fratello maggiore, l'Imperatore Federico III, la reggenza dell'Austria Anteriore o Vorland austriaco, ove fondò nel 1457 l'Università di Friburgo in Brisgovia.

Alla morte di suo cugino Alberto V d'Asburgo, della linea albertina, ottenne la tutela del figlio postumo di lui, Ladislao il Postumo, ma vi dovette rinunciare nel 1443; in seguito riaffermò le sue pretese alla morte di Ladislao, con cui si estingueva la linea albertina.

Il fratello Federico III lo tacitò cedendogli l'Alta Austria; ma nel 1462, con l'appoggio dei principi vicini e della nobiltà ribelle, e con la mediazione del re Giorgio di Boemia, Alberto VI ottenne anche Vienna e la Bassa Austria.

Tutti questi domini non erano ancora saldamente nelle sue mani, allorché la morte lo colse.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elevato ad Arciduca nel 1453
  2. ^ Langmaier, Konstantin Moritz, Erzherzog Albrecht VI. von Österreich (PDF).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN52501450 · ISNI (EN0000 0000 6128 7608 · LCCN (ENnb2015021361 · GND (DE119532441 · BNF (FRcb16297295z (data) · BAV (EN495/130205 · CERL cnp00558460 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2015021361