Alberto Selly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Selly
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Canzone napoletana
Periodo di attività 1985 – in attività
Album pubblicati 24
Studio 24

Alberto Selly, all'anagrafe Alberto Rodogno (Napoli, 12 luglio 1968), è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Con la passione del canto fin da piccolo alla fine degli anni settanta[1][2][3], viene notato dall'attrice Anna Campori, che lo chiama a partecipare alla trasmissione Tombolino. Nel 1985 esordì con il suo primo album Cuore di ragazzo, prodotto dalla Zeus Record con i primi 10 brani tra cui: La rabbia nel cuore, Brava tu e Cafè Safor. A seguire altri due album sempre con la Zeus con Io cantautore del 1986 e Un amore diverso del 1987 e poi svolge il servizio militare per due anni all'Accademia militare.

Nel 1990 dopo il servizio militare, riprende la sua carriera con l'album Canto l'amore prodotto questa volta dalla Mea Sud con il brano Ma che tengo a vedè.

Nel 1992 sempre con la Mea Sud uscì Maliziuselly con 10 brani tra cui Nciucessa, A vita e na brioscia e Me fanno male mbraccio a tte.

Nel 1993 con la GS Record uscì Capricci di cuore con il brano tra cui Nu figlio c'a signora e dimpetto.

Successivamente Selly crea e conduce una trasmissione “Cantiamoci su” , in onda su una tv locale campana. Alla metà degli anni novanta, Alberto è conosciuto localmente per le sue canzoni: ‘E Malelingue, A' bicicletta e La gatta. Sempre in quei anni stringe una collaborazione artistica con il maestro Franco Chiaravalle e con il paroliere Antonio Casaburi, ma a sua volta si propone come autore per i grandi della Canzone napoletana scrivendo testi per Pino Mauro, Mimmo Rocco, Antonio Buonomo, Carmelo Zappulla e Mauro Nardi.

Ha cantato in molte feste di piazza, matrimoni, comunioni, non solo in Campania ma per tutto il Sud Italia, e in Sicilia. Ha partecipato alla trasmissione di Rai 1 “La vita in diretta”, e ha vinto la serata “Mediterranea” del Sanremo Village.

Nel 2001 il brano Nun m'e taglio 'e vene fa parte del film Malefemmene con Giovanna Mezzogiorno e Angela Molina. Nello stesso anno partecipa al Festival di Napoli trasmesso da Rete 4.

Nel 2003 viene invitato come ospite nel programma Music zoo trasmesso su All Music. L'anno successivo riscuote successo col brano Lauretta Coscia, che Radio Kiss Kiss trasforma nella colonna sonora per il giorno di San Valentino.

Nel 2006, nel programma televisivo All'Arrembaggio, lancia la canzone 'O ballo do cavallo[4]. Il brano riscuote un buon successo nelle classifiche[senza fonte] procurandogli notorietà in tutta Italia.

Nel gennaio del 2008, Selly ha partecipato alla trasmissione Quelli che il calcio[5]. Nella Primavera 2009 esce nelle tv locali napoletane Pernacchia Dance canzone cantata da lui e dal collega Tony Tammaro.[6]

Nel 2010 la sua versione del brano O Ballo d'o Cavallo viene scelta dal regista Luca Miniero per il film Benvenuti al Sud con Claudio Bisio, Angela Finocchiaro, Alessandro Siani, Valentina Lodovini.

Nel maggio 2011 è uscito l'album La Patata distribuito dalla O. P. Music, dove i brani Comm'ommo si nu bluff e 'O Prevete, sono diventati veri e propri tormentoni. A maggio 2013 è uscito l'album Ce n'è per tutti distribuito da Seamusica Catania. A marzo 2015 è uscito l'album Tutti in Carrozza.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]