Alberto Rivolta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberto Rivolta
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 1992
Carriera
Giovanili
????-1980 Pro Lissone
1980-1985 Inter
Squadre di club1
1985-1987 Inter 3 (0)
1987-1988 Parma 5 (0)
1988 Cosenza 0 (0)
1988-1990 Inter 1 (0)
1990-1991 Livorno 13 (1)
1992 Seregno 3 (1)
Nazionale
1987 Italia Italia U-20 0 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º gennaio 1993

Alberto Rivolta (Lissone, 4 novembre 1967Monza, 3 novembre 2019) è stato un calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Pro Lissone, si trasferisce tredicenne nel vivaio dell'Inter[1], con cui percorre tutta la trafila delle giovanili. Esordisce in prima squadra il 15 dicembre 1985 sul campo del Como, disputando poi un'altra partita nel corso della stagione 1985-1986. Sempre in quell'annata debutta in Coppa UEFA, contro il Lask Linz, e gioca nella trasferta sul campo del Legia Varsavia, a causa di numerosi infortuni dei compagni di squadra[2].

Rimane in forza ai nerazzurri nella stagione successiva, nella quale colleziona una presenza in Coppa UEFA, e nel campionato 1987-1988 scende in campo il 25 ottobre contro la Juventus subentrando a Salvatore Nobile, risultando uno dei migliori in campo[3], prima di trasferirsi nella sessione autunnale del mercato al Parma, in Serie B[4][5]. La stagione in gialloblù lo vede poco impiegato, a causa di un infortunio che limita a 5 le sue presenze in campionato[5].

Nell'estate 1988 l'Inter lo cede in comproprietà al Cosenza, sempre tra i cadetti[1]; in ottobre, viene riscattato dai nerazzurri senza aver mai giocato con i calabresi. Nella stagione 1988-1989, conclusa con la vittoria dello scudetto, scende in campo per l'ultima volta con la maglia dell'Inter, alla penultima giornata sul campo del Torino. Nell'ottobre 1989 viene ceduto a titolo definitivo al Livorno, in Serie C2, e conclude la carriera tre anni più tardi, appena venticinquenne, con la maglia del Seregno, dove approda nel gennaio 1992 andando a segno nella sua prima apparizione, contro il Chieri[6].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto parte della Nazionale di calcio dell'Italia Under-20 ai mondiali di categoria del 1987 giocati in Cile[3][5].

La malattia e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 contrasse l'ependimoma midollare, rara forma di tumore che lo costrinse alla sedia a rotelle.[7] La malattia ne ha poi causato la morte il 3 novembre 2019[8], alla vigilia del cinquantaduesimo compleanno.[9]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 1988-1989

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Acquisti e cessioni 1980-1990 Archiviato il 18 febbraio 2013 in Internet Archive. Storiainter.com
  2. ^ Milano si spezza, La Repubblica, 12 dicembre 1985, pag.17
  3. ^ a b Rivolta, uno dei migliori a San Siro. "Ma spero ancora di essere ceduto", Stampa Sera, 26 ottobre 1987, pag.19
  4. ^ Il Parma esonera Zeman e chiama Vitali, La Repubblica, 27 ottobre 1987, pag.48
  5. ^ a b c Stagione 1987-1988 Storiadelparmacalcio.com
  6. ^ Sparta e Iris a braccetto, La Stampa, 14 gennaio 1992, pag.43
  7. ^ Davide Giancristofaro Alberti, Alberto Rivolta, ex Inter "Malato dal 1994, ex compagni non mi hanno dimenticato", su ilsussidiario.net, 13 ottobre 2019.
  8. ^ Inter, è morto Alberto Rivolta: fu campione d'Italia nel 1989, su repubblica.it, 3 novembre 2019.
  9. ^ È morto Alberto Rivolta, difensore dell'Inter dei record del Trap, su gazzetta.it, 3 novembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]