Alberto Korda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La famosa foto del guerrigliero Ernesto Che Guevara de la Serna
Rullino completo di Alberto Korda del 5 marzo 1960. Servizio al memoriale La Coubre di L'Avana, Cuba. Nel rullino sono contenute le immagini di Fidel Castro, Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir e la famosa immagine di Che Guevara intitolata Guerrillero Heroico

Alberto Díaz Gutiérrez, meglio conosciuto come Alberto Korda, (L'Avana, 14 settembre 1928Parigi, 25 maggio 2001), è stato un fotografo cubano, divenuto famoso per la sua foto Guerrillero Heroico, una delle immagini più riprodotte di Ernesto Che Guevara e una delle foto più diffuse in assoluto[1][2].

Prima della rivoluzione castrista era fotografo di moda. Nel 1960 diventò fotografo del quotidiano Revolución e sempre in quell'anno scattò la nota foto di Guevara, dalla quale non trasse alcun guadagno. Morì per un attacco di cuore durante una personale a Parigi nel 2001.[2] Fu seppellito a L'Avana nello stesso anno.

Guerrillero Heroico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Guerrillero Heroico.

Alberto Korda realizzò questa famosa immagine del Che grazie a due scatti (uno orizzontale e uno verticale) che fece all'Avana il 5 marzo 1960, durante il funerale per le circa cento vittime dell'esplosione della nave Coubre.[1] Korda utilizzò una Leica con una pellicola Kodak Plus-X Pan,[1] che ospitava già fotogrammi di Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir e Fidel Castro.[2] Nell'orizzontale negativo originale (dal quale è stato ritagliato il solo volto del "Che") di profilo a sinistra appare il giornalista argentino Jorge Ricardo Masetti Blanco (Comandante Segundo) di origini bolognesi, fondatore di Prensa Latina a Cuba e desaparecido in Argentina nel 1964.

La foto del "Guerrillero Heroico" diventò famosa in tutto il mondo quando l'editore milanese Giangiacomo Feltrinelli si fece regalare i due scatti da Korda e pubblicò la famosa foto del Che, sia come poster nel 1967, sia come copertina per il libro Diario in Bolivia nel 1968.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Guerrillero heroico”, la foto más difundida en todos los tiempos Elnacional.com.do
  2. ^ a b c (EN) Che Guevara photographer dies, BBC, 26 maggio 2001. URL consultato il 29 ottobre 2015.
  3. ^ Corriere della Sera, 23 giugno 2007 - «Così mio padre diffuse la foto in tutto il mondo», archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 12-11-2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN39427194 · LCCN: (ENnr90027205 · ISNI: (EN0000 0001 0889 6655 · GND: (DE120898365 · BNF: (FRcb12215729v (data) · ULAN: (EN500076917