Alberto Giuliani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando lo storyteller, vedi Alberto Giuliani (fotografo).
Alberto Giuliani
Alberto Giuliani 2015 02.jpg
Nazionalità Italia Italia
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Squadra Olympiakos
Carriera
Carriera da allenatore
1996-1998San Severino
1998-2000Libertas Osimo
2000-2002LoretoGiovanili
2002-2006Loreto
2006-2008Volley Corigliano
2008-2009BluVolley Verona
2009-2011Piemonte
2011-2015Lube
2015-2016Slovacchia Slovacchia
2015-2018Piacenza
2018-2019Halkbank
2019-2021Slovenia Slovenia
2020-2021Asseco Resovia
2022-Olympiakos
Palmarès
Transparent.png Campionato europeo
Argento Francia, Slovenia, Belgio e Paesi Bassi 2019
Argento Repubblica Ceca, Finlandia, Estonia e Polonia 2021
 

Alberto Giuliani (San Severino Marche, 25 dicembre 1964) è un allenatore di pallavolo italiano, tecnico dell'Olympiakos.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Padre del pallavolista Ludovico, incomincia la carriera di allenatore in Serie B al San Severino e alla Libertas Osimo, prima di essere ingaggiato dal Loreto come allenatore delle squadre giovanili. Promosso in prima squadra nella stagione 2002-03[1], viene ingaggiato nell'annata 2006-07 dal Volley Corigliano[2], con cui ottiene la prima promozione in Serie A1. Guida il team calabrese anche nel corso del successivo campionato di Serie A1, che si conclude con la retrocessione. Prima del termine della stagione passa poi alla BluVolley Verona[3], intenta a disputare i play-off promozione in Serie A2. Persa la finale contro il Forlì, viene confermato allenatore del club scaligero, successivamente ripescato in Serie A1 per la rinuncia della M. Roma, anche per la stagione 2008-09, conclusa al nono posto. Viene quindi ingaggiato dal Piemonte[4], con cui vince il campionato, il primo per il sodalizio cuneese, e la Coppa CEV. Nell'estate del 2010 è il direttore tecnico della selezione Under-23 di lega.

Al termine della stagione 2010-11, dopo la vittoria di Supercoppa italiana e della Coppa Italia ai danni della Trentino, lascia la panchina del club piemontese per accasarsi alla Lube dove vince lo scudetto 2011-12 e la Supercoppa italiana 2012. A seguito dell'eliminazione dalla semifinale della Coppa Italia 2013-14, il tecnico si dimette[5], ma la società gli rinnova la fiducia[6], mantenendolo alla guida della squadra. Chiude la stagione vincendo il suo terzo scudetto, battendo Perugia in quattro partite.

La stagione 2014-15 incomincia con un altro trofeo, la Supercoppa italiana, vinta a Brindisi battendo la Pallavolo Piacenza; il 23 maggio 2015 lascia la squadra marchigiana dopo quattro stagioni[7]. Il 22 luglio dello stesso anno sostituisce Flavio Gulinelli sulla panchina della nazionale della Slovacchia[8], assumendo contemporaneamente l'incarico di allenatore del Piacenza per la stagione 2015-16. Il 9 marzo 2016 annuncia la sua rinuncia al doppio incarico, lasciando la panchina della Slovacchia a Miroslav Palgut. Nel 2018 viene ingaggiato dalla squadra turca dell'Halkbank, con la quale vince la Supercoppa 2018. Nel 2019 viene nominato commissario tecnico della nazionale slovena, incarico che mantiene fino alla fine del 2021, con la quale vince la Challenger Cup 2019 e conquista due secondi posti consecutivi ai successivi due europei[9].

Nell'aprile 2020 viene annunciato l'ingaggio del tecnico marchigiano da parte dei polacchi dell'Asseco Resovia[10] a partire dalla successiva annata 2020-21 di Polska Liga Siatkówki; dopo una stagione e mezza, alla fine di dicembre 2021 interrompe consensualmente il contratto con la formazione di Rzeszów[11]. Pochi giorni più tardi, nei primi giorni del 2022, accetta la proposta dell'Olympiakos[12] con cui disputa la seconda parte della stagione 2021-22 nella Volley League greca.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

2009-10, 2011-12, 2013-14
2010-11
2010, 2012, 2014
2018
2009-10

Nazionale (competizioni minori)[modifica | modifica wikitesto]

Premi individuali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Pallavolo Loreto conferma coach Giuliani, su legavolley.it. URL consultato il 4 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2014).
  2. ^ Volley Corigliano:Presentato ufficialmente coach Alberto Giuliani, su ww1.legavolley.it, 25 maggio 2006. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  3. ^ Alberto Giuliani nuovo coach della Marmi Lanza, su ww1.legavolley.it, 28 aprile 2008. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  4. ^ Alberto Giuliani è il nuovo tecnico, su ww1.legavolley.it, 12 maggio 2009. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  5. ^ Del Monte Coppa Italia: Giuliani si dimette. Tutto congelato, su volleyball.it. URL consultato il 4 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2014).
  6. ^ Volley, Macerata. Giuliani, dimissioni respinte. Club e squadra: "Resta", su gazzetta.it. URL consultato il 4 aprile 2014.
  7. ^ SEPARAZIONE CONSENSUALE TRA LA LUBE E IL TECNICO ALBERTO GIULIANI, su lubevolley.it. URL consultato il 23 maggio 2015.
  8. ^ (SK) Slovenských volejbalistov povedie Alberto Giuliani. Asistentom bude Kravárik, su svf.sk, 22 luglio 2015. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  9. ^ Volley, la Slovenia di Alberto Giuliani vince la Challenger Cup, su ilsettempedano.it. URL consultato il 18 luglio 2019.
  10. ^ (PL) Alberto Giuliani nowym trenerem naszego zespołu, su assecoresovia.pl, 8 aprile 2020. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  11. ^ (PL) Alberto Giuliani żegna się z Asseco Resovią Rzeszów, su assecoresovia.pl, 28 dicembre 2021. URL consultato il 4 febbraio 2022.
  12. ^ (EL) Έναρξη συνεργασίας με τον Αλμπέρτο Τζουλιάνι, su olympiacossfp.gr, 5 gennaio 2022. URL consultato il 4 febbraio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]