Alberto Giorgetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Giorgetti
Alberto Giorgetti daticamera.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Economia e delle Finanze
Durata mandato 3 maggio 2013 –
22 febbraio 2014
Presidente Enrico Letta
Predecessore Gianfranco Polillo
Successore Enrico Zanetti

Durata mandato 12 maggio 2008 –
16 novembre 2011
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Paolo Cento
Successore Gianfranco Polillo

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature - XIII
- XIV
- XV
- XVI
- XVII
Gruppo
parlamentare
XIII - XIV - XV:
- Alleanza Nazionale

XVI:
- Popolo della Libertà

XVII:
- Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente (Dal 14/03/2014 a fine legislatura)

In precedenza:

- Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente (Da inizio legislatura al 18/11/2013)

- Nuovo Centrodestra (Dal 18/11/2013 al 14/03/2014)

Coalizione XIII:
Polo per le Libertà

XIV - XV:
Casa delle Libertà

XVI:
Coalizione di centro-destra del 2008

XVII:
Coalizione di centro-destra del 2013

Circoscrizione Veneto 1
Collegio XIII - XIV:
2-Verona Est
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia (Dal 2014)
In precedenza:
Movimento Sociale Italiano (Fino al 1995)
Alleanza Nazionale (1995-2009)
Il Popolo della Libertà (2009-2013)
Nuovo Centrodestra (2013-2014)
Titolo di studio Laurea in Economia e Commercio
Professione Dirigente di Azienda Bancaria

Alberto Giorgetti (Verona, 8 settembre 1967) è un politico italiano.

È laureato in economia e commercio; dipendente di azienda bancaria. Il fratello maggiore Massimo è consigliere regionale in Veneto.

La carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Comincia l'attività politica e propagandistica da giovanissimo prima con il MSI-DN e poi con Alleanza Nazionale.

Nel 1996 è eletto alla Camera dei deputati per Alleanza Nazionale.

Nel 2001 è confermato alla Camera dei Deputati.

Nel 2006 è rieletto alla Camera dei deputati. È membro della V Commissione (Bilancio, Tesoro e Programmazione).

Nel 2008 è rieletto alla Camera dei deputati con il PDL. Dal 12 maggio 2008 è Sottosegretario all'Economia e Finanze.

È coordinatore regionale per il Veneto di Alleanza Nazionale per tre mandati, da ultimo è stato riconfermato all'unanimità il 16 giugno 2007 nel congresso regionale di Legnago (Verona).

Poi è Coordinatore Regionale del Popolo della Libertà del Veneto, con cui nel 2013 è rieletto alla Camera.

Il 2 maggio 2013 viene nominato Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Economia e delle Finanze sotto il Ministro Fabrizio Saccomanni nel Governo Letta.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà[1], aderisce al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano[2][3].

Come sottosegretario ha ricevuto la delega ai giochi e al tabacco, ma tale scelta è stata fortemente contestata dal senatore del Movimento 5 Stelle Giovanni Endrizzi che lo reputa troppo vicino alla lobby del gioco d'azzardo. Nel marzo 2013 Giorgetti, partecipando all'Enada, fiera internazionale sugli apparecchi da gioco tenutasi a Rimini, ha pubblicamente sostenuto che “non è immaginabile che un settore sostanzialmente in regime di monopolio debba affrontare una campagna complessiva di denigrazione senza precedenti”, considerati inoltre i “numeri della ludopatia palesemente sovradimensionati rispetto all'impatto reale”.[4]

Dopo la mancata riconferma a Sottosegretario nel nuovo Governo Renzi venendo preferito alla Presidente della Provincia di Padova Barbara Degani abbandona il Nuovo Centrodestra per aderire alla nuova Forza Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]