Alberto Garlini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Alberto Garlini (Parma, 1969) è uno scrittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Curatore del festival letterario Pordenonelegge.it[1] ha pubblicato opere di poesia e narrativa, alcune delle quali tradotte anche in Paesi Bassi e Francia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le cose che dico adesso, Nuovadimensione, 2001

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Friulani brava gente, ed. Biblioteca dell’immagine, 1999;
  • Una timida santità, Sironi Editore, 2002;
  • Fútbol Bailado, Sironi Editore, 2004 e Christian Bourgois editeur, 2008 (in lingua francese);
  • Tutto il mondo ha voglia di ballare, ed. Mondadori, 2007;
  • Venise est une fête, Christian Bourgois editeur, 2008 (solo in francese);
  • La legge dell'odio, Einaudi Stile Libero, 2012 e De Bezige Bij (in lingua olandese);
  • Piani di Vita, ed. Marsilio, 2015;
  • Il Fratello Unico, ed. Mondadori, 2017.

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Garlini, Caterina Bonvicini, L'arte di raccontare, ed. Nottetempo, 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Curatori pordenonelegge - Copia archiviata, pordenonelegge.it. URL consultato il 28 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2013).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN71716131 · LCCN: (ENnb2001051589 · SBN: IT\ICCU\TSAV\004285 · ISNI: (EN0000 0000 3941 5773 · BNF: (FRcb15600778r (data)