Alberto Ernesto II di Öttingen-Öttingen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Alberto Ernesto II di Oettingen-Oettingen
Principe di Öttingen-Öttingen
Stemma
Stemma
In carica1684 –
1731
PredecessoreAlberto Ernesto I
SuccessoreTitolo estinto
NascitaÖttingen, 8 agosto 1669
MorteSchrattenhofen, 30 marzo 1731
DinastiaÖttingen-Öttingen
PadreAlberto Ernesto I di Oettingen-Oettingen
MadreCristina Federica di Württemberg
ConsorteSofia Luisa d'Assia-Darmstadt

Alberto Ernesto II di Öttingen-Öttingen (Öttingen, 8 agosto 1669Schrattenhofen, 30 marzo 1731) è stato un nobile tedesco, fu il II e ultimo principe di Öttingen-Öttingen (della prima creazione). dal 1684 alla sua morte. Alla sua morte la contea "sovrana" passò al ramo cadetto Oettingen-Spielberg che ottenne il titolo principesco già nel 1734, anche se gran parte di essa andò all'altro ramo Oettingen-Wallerstein, principi anch'essi (ma solo a partire dal 1774).

Fu prozio materno dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Castello di Harburg che Alberto Ernesto II fece restaurare e dov’è sepolto.

Nato a Öttingen, in Germania, nel 1669, Alberto Ernesto era figlio di Alberto Ernesto I di Oettingen-Oettingen, I principe di Öttingen-Öttingen, e di sua moglie, la principessa Cristina Federica di Württemberg. Tramite sua nonna paterna era imparentato col casato olandese degli Orange, oltre ad essere discendente diretto dei re di Danimarca.

Alla morte di suo padre nel 1684, venne chiamato a succedergli quale principe di Öttingen-Öttingen, carica che mantenne sino alla sua morte. La famiglia, pur da poco elevata al rango principesco, aveva però già contratto una serie di importanti unioni matrimoniali coi principali esponenti dell'aristocrazia imperiale in quanto comunque titolare da secoli di una Contea Sovrana. Nello specifico sua nipote Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel, figlia di sua sorella Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen, era dal 1711 divenuta imperatrice consorte del Sacro Romano Impero per aver sposato l'imperatore Carlo VI. Questo fatto segnò positivamente ed indelebilmente le sorti della casata che in breve tempo assurse ad un ruolo importante anche per la politica estera dell'impero.

Mecenate delle arti e principe stravagante nel chiaro stile barocco, fece ristrutturare a sue spese il castello di Schrattenhofen (oggi Harburg (Svevia)) dove fece anche realizzare un famoso zoo per accogliere animali rari ed esotici.

Morì al castello di Schrattenhofen il 30 marzo 1731, a 61 anni, e venne sepolto nella cripta locale. Non avendo avuto eredi maschi sopravvissutigli, con la morte di Alberto Ernesto II si estinse il titolo principesco e la casata degli Oettingen-Oettingen, i cui territori andarono divisi tra gli altri rami della casata fiorenti, uno dei quali elevato al rango principesco nel 1734 e l'altro nel 1774 (entrambi tutt'oggi esistenti).

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Ernesto Alberto II sposò l'11 ottobre 1688 a Darmstadt la langravia Sofia Luisa d'Assia-Darmstadt (6 luglio 1670 - 2 giugno 1758), figlia del langravio Luigi VI d'Assia-Darmstadt (1630-1678) e della sua seconda moglie, la duchessa Elisabetta Dorotea di Sassonia-Gotha-Altenburg (1640-1709). La coppia ebbe i seguenti figli:

  • Alberto Ernesto (nato e morto il 29 luglio 1689)
  • Elisabetta Federica Sofia (14 marzo 1691 - 14 maggio 1758), sposò il 1 novembre 1713 a Oettingen il conte Carlo Luigi di Hohenlohe-Neuenstein-Gleichen (23 settembre 1674, Ohrdruf - 5 Maggio 1756, Weikersheim)

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Luigi Eberardo di Oettingen-Oettingen, VIII conte di Oettingen-Oettingen Goffredo di Oettingen-Oettingen, VII conte di Öttingen-Öttingen  
 
Giovanna di Hohenlohe-Waldenburg-Langenburg  
Gioacchino Ernesto, IX conte di Oettingen-Oettingen  
Margherita di Erbach-Breuberg Giorgio III di Erbach-Breuberg  
 
Anna di Solms-Laubach  
Alberto Ernesto I di Oettingen-Oettingen, I principe di Oettingen-Oettingen  
Kraft VII di Hohenlohe-Neuenstein-Weikersheim-Gleichen Wolfgang di Hohenlohe-Weikersheim  
 
Maddalena di Nassau-Dillenburg  
Anna Dorotea di Hohenlohe-Neuenstein-Gleichen  
Sofia del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld Carlo I del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld  
 
Dorotea di Brunswick-Lüneburg  
Alberto Ernesto II di Oettingen-Oettingen, II principe di Oettingen-Oettingen  
Giovanni Federico di Württemberg Federico I di Württemberg  
 
Sibilla di Anhalt  
Eberardo III di Württemberg  
Barbara Sofia di Brandeburgo Gioacchino Federico di Brandeburgo  
 
Caterina di Brandeburgo-Küstrin  
Cristina Federica di Württemberg  
Giovanni Casimiro di Salm-Kyrburg Ottone I di Salm-Kyrburg  
 
Ottilia di Nassau-Weilburg  
Anna Caterina Dorotea di Salm-Kyrburg  
Dorotea di Solms-Laubach Giovanni Giorgio di Solms-Laubach, II conte di Solms-Laubach  
 
Margherita di Schönburg-Glauchau  
 

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Principe di Öttingen-Öttingen Successore
Alberto Ernesto I 1684 - 1731 Titolo estinto
Controllo di autoritàVIAF (EN10277808 · CERL cnp00357927 · GND (DE104196750 · WorldCat Identities (ENviaf-10277808