Alberto Boscolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alberto Boscolo (Cagliari, 22 agosto 1920[1]Roma, 1987) è stato un docente, storico e medievista italiano studioso in particolare della Sardegna medievale.

Laureatosi all'Università degli Studi di Cagliari, diventò assistente nella facoltà di lettere. I suoi interessi furono subito indirizzati allo studio dei rapporti tra Sardegna e Spagna, e in particolare al periodo giudicale e quello aragonese: su queste tematiche, che continuerà ad approfondire per anni, diventerà una sorta di capo scuola.

Nel 1959 ottenne la cattedra di professore ordinario di storia medievale. Rettore dell'Università di Cagliari nel 1970, nel 1974 venne chiamato all'università degli Studi di Milano e poi alla Sapienza - Università di Roma. Nel 1981 fu nominato vicepresidente del "Comitato per le ricerche storiche filologiche e filosofiche" (08) del CNR. Dal 1980 al 1986 diresse il periodico Nuova rivista storica.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

  • La politica italiana di Ferdinando d'Aragona, 1954
  • Medioevo Aragonese, 1958
  • Le fonti della storia medievale, 1964
  • I conti di Capraia, Pisa e la Sardegna, 1966
  • Il feudalesimo in Sardegna, 1967
  • Viaggiatori dell'Ottocento in Sardegna, 1973

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SCHEDA - Profilo del professor Alberto Boscolo, http://www.unica.it. URL consultato il 1º settembre 2015.
Controllo di autoritàVIAF (EN41853085 · ISNI (EN0000 0000 7819 8636 · SBN IT\ICCU\CFIV\003478 · LCCN (ENn79084217 · GND (DE119212102 · BNF (FRcb12021837n (data) · BNE (ESXX868089 (data) · BAV (EN495/29725 · WorldCat Identities (ENlccn-n79084217