Alberto Balboni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberto Balboni
Alberto Balboni datisenato 2018.jpg

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 30 maggio 2001
Legislature XIV, XV, XVI, XVIII
Gruppo
parlamentare
XIV - XV:
- Alleanza Nazionale

XVI:
- Il Popolo della Libertà (Da inizio legislatura al 20/12/2012)

- Fratelli d'Italia (Dal 21/12/2012 a fine legislatura)

XVIII:
- Fratelli d'Italia

Circoscrizione Emilia-Romagna
Collegio XVIII:
3 (Ferrara)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Fratelli d'Italia (Dal 2012)
In precedenza:
MSI (Fino al 1995)
AN (1995-2009)
PdL (2009-2012)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato

Alberto Balboni (Ferrara, 19 giugno 1959) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, esercita la professione di avvocato.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Aderisce in gioventù al Movimento Sociale Italiano, col quale è candidato in diverse elezioni amministrative.

Alle politiche del 1994 corre per Alleanza Nazionale nel collegio uninominale della Camera di Ferrara, raccogliendo un buon 12,26% dei voti, comunque insufficienti per l'elezione.[1] Si ricandida nel 1996 nel collegio Ferrara-Cento, sostenuto questa volta dal Polo per le Libertà, in quota AN; ottiene il 37,7% dei consensi ed è sconfitto dal rappresentante dell'Ulivo Adriano Vignali.

Elezione a senatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995 viene eletto per la prima volta[2] all'interno del Consiglio Regionale dell'Emilia-Romagna, dal quale si dimetterà nel corso del suo secondo mandato[3] nel 2001 in quanto è eletto al Senato della Repubblica per la Casa delle Libertà grazie al recupero proporzionale.[4] Diviene membro della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, della 3ª Commissione permanente (Affari esteri, emigrazione), della 6ª Commissione permanente (Finanze e tesoro), della 9ª Commissione permanente (Agricoltura e produzione agroalimentare).

Nel 2006 è rieletto al Senato della Repubblica ancora in AN.[5] È membro della 6ª Commissione permanente (Finanze e tesoro).

Nel 2008 è rieletto nelle file del Popolo della Libertà[6] e resta in Senato fino al 2013. Dal 2013 è entrato in Fratelli d'Italia, diventando coordinatore della regione Emilia-Romagna.

Nel 2014 si candida per le Elezioni europee nella circoscrizione Nord-Est con Fratelli d'Italia, ma non è eletto.[7]

Torna al Senato nel 2018, avendo vinto il collegio uninominale di Ferrara per la coalizione di centrodestra col 34,76% dei voti contro Sandra Zampa del Partito Democratico.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233083822 · SBN IT\ICCU\CFIV\100741