Alberto Balboni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Balboni

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature - XIV
- XV
- XVI
- XVIII
Gruppo
parlamentare
XIV - XV:
- Alleanza Nazionale

XVI:
- Fratelli d'Italia (Dal 21/12/2012 a fine legislatura)

In precedenza:

- Il Popolo della Libertà (Da inizio legislatura al 20/12/2012)

XVIII:
- Fratelli d'Italia

Circoscrizione Emilia-Romagna
Collegio XVIII:
3 (Ferrara)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Fratelli d'Italia (Dal 2012)
In precedenza:
Movimento Sociale Italiano (Fino al 1995)
Alleanza Nazionale (1995-2009)
Il Popolo della Libertà (2009-2012)
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione Avvocato

Alberto Balboni (Ferrara, 19 giugno 1959) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, svolge la professione di avvocato.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Aderisce in gioventù al Movimento Sociale Italiano, col quale è candidato in diverse elezioni amministrative. Nel 1994 corre per Alleanza Nazionale nel collegio uninominale della Camera di Ferrara - Via Bologna, raccogliendo un buon 12,26% dei voti, comunque insufficienti per l'elezione.[1]. Si ricandida nel elezioni politiche italiane del 1996 nel collegio Ferrara - Cento, sostenuto questa volta dal Polo per le Libertà, in quota AN; ottiene il 37,7% dei consensi ed è sconfitto dal rappresentante dell'Ulivo Adriano Vignali.

Elezione a senatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 entra nel consiglio regionale dell'Emilia-Romagna, dal quale si dimette nel 2001 perché è eletto al Senato della Repubblica per la Casa delle Libertà grazie al recupero proporzionale.[2] Diviene membro della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, della 3ª Commissione permanente (Affari esteri, emigrazione), della 6ª Commissione permanente (Finanze e tesoro), della 9ª Commissione permanente (Agricoltura e produzione agroalimentare).

Nel 2006 è rieletto al Senato della Repubblica ancora in AN.[3] È membro della 6ª Commissione permanente (Finanze e tesoro).

Nel 2008 è rieletto nelle file del Popolo della Libertà[4] e resta in Senato fino al 2013. Dal 2013 è entrato in Fratelli d'Italia, diventando coordinatore della regione Emilia-Romagna.

Nel 2014 si candida per le Elezioni europee nella circoscrizione Nord-Est con Fratelli d'Italia, ma non è eletto.[5]

Torna al Senato nel 2018, avendo vinto il collegio uninominale di Ferrara per la coalizione di centrodestra col 34,76% dei voti contro Sandra Zampa del Partito Democratico.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233083822 · SBN IT\ICCU\CFIV\100741