Alberto Bachelet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Arturo Miguel Bachelet Martínez
Bachelet en su juventud, junto a su padre.jpg
Alberto Bachelet (a destra) con la figlia Michelle.
27 aprile 1923 – 12 marzo 1974
Nato a Santiago del Cile
Morto a Santiago del Cile
Cause della morte Arresto cardiaco provocato da torture
Dati militari
Paese servito Cile Cile
Forza armata Aeronautica militare cilena
Anni di servizio 1940 - 1974
Grado Brigadier Generale
Studi militari Escuela de Aviación del Capitán Manuel Ávalos Prado
voci di militari presenti su Wikipedia

Alberto Arturo Miguel Bachelet Martínez (Santiago del Cile, 27 aprile 1923Santiago del Cile, 12 marzo 1974) è stato un generale e politico cileno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bachelet nacque a Santiago figlio di Alberto Bachelet Brandt e di Mercedes Martínez Binimelis. Si sposò con l'antropologa Ángela Jeria Gómez, con la quale ebbe due figli: Alberto e Michelle. Michelle successivamente diverrà la prima donna presidente del Cile.

La famiglia Bachelet negli anni '60

Militare di carriera, nel 1940 entro alla scuola aeronautica e fu capitano dell'aviazione cilena nel 1958. Arrivò nel 1970 al grado Brigadier Generale. Divenne nel 1972 viceministro nel governo dell'Unidad Popular di Salvador Allende[1] come capo della Direzione nazionale Forniture e commercializzazione (DINAC). Diresse l'ufficio per la distribuzione delle derrate alimentari e a seguito del golpe cileno del 1973 contestò apertamente il sollevamento di Augusto Pinochet e venne arrestato al ministero della Difesa e imprigionato presso l'accademia aeronautica, sotto accusa di tradimento. A seguito delle torture subite, Alberto Bachelet morì nel 1974 per arresto cardiaco nella prigione di Santiago.

Massone, fu membro della Grande Loggia del Cile durante 28 anni[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le due amiche divise dal golpe in lotta per la presidenza del Cile - La Stampa
  2. ^ (FR) Alberto Bachelet Martinez o il desiderio di libertà e di giustizia, 357.hautetfort.com.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN41806543 · LCCN: (ENnr2007001761