Albero della Vita (Expo 2015)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 45°31′14.44″N 9°06′25.89″E / 45.520678°N 9.107192°E45.520678; 9.107192

L'albero della vita

1leftarrow blue.svgVoce principale: Padiglione Italia di Expo 2015.

L’Albero della Vita, all'interno di Expo 2015, fu il simbolo del Padiglione Italia. Alto 37 metri e costruito in acciaio e legno, è situato al centro della Lake Arena.

Nato da un'idea del direttore artistico del Padiglione Italia Marco Balich[1] e progettato dallo studio Giò Forma, fu finanziato e realizzato dal Consorzio Orgoglio Brescia, costituito da 19 imprese bresciane[2].

L'opera svolge contemporaneamente i ruoli di scultura, installazione, edificio e monumento, con chiari rimandi al Rinascimento Italiano[1] e alla struttura pavimentale di piazza del Campidoglio a Roma creata da Michelangelo nel XVI secolo.

Durante Expo 2015 l'Albero della Vita fu protagonista, offrendo uno spettacolo con giochi di luce, acqua e musica ad ogni ora. Gli spettacoli tenuti in ore diurne duravano circa 5 minuti ed erano accompagnati da canzoni e musiche iconiche della cultura italiana, mentre quelli notturni duravano circa 15 minuti ed avevano come sottofondo i brani della Tree of Life Suite, scritti dal compositore Roberto Cacciapaglia appositamente per questo show.

Nei sei mesi di Expo, furono 14 milioni le persone che assistettero agli spettacoli dell'Albero della Vita, i due terzi dei visitatori totali.[3]

Al termine di Expo 2015, il 31 ottobre 2015, l'Albero della Vita è rimasto nella collocazione originaria a causa delle evidenti difficoltà logistiche e dei costi elevati richiesti da un eventuale smontaggio e trasferimento in altro luogo[3]. Attualmente nell'area che fu di Expo 2015 è sorto il parco MIND (Milano Innovation District), presso il quale l'Albero della Vita offre tuttora spettacoli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Elisabetta Soglio, Expo, ora l’Albero della Vita ha messo anche le «foglie», in Corriere della Sera, 4 marzo 2015. URL consultato il 6 agosto 2015.
  2. ^ Massimo Tedeschi, Brescia e l’albero della vita: l’orgoglio ritrovato, in Corriere della Sera, 22 ottobre 2015. URL consultato il 31 ottobre 2015.
  3. ^ a b Expo, l’Albero della Vita resta a Rho, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 21 ottobre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132682754 · ISNI (EN0000 0000 9077 6822 · LCCN (ENn94086132 · WorldCat Identities (ENlccn-n94086132