Alaskacephale gangloffi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Alaskacephale)
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Alaskacephale gangloffi
Immagine di Alaskacephale gangloffi mancante
Stato di conservazione
Fossile
Periodo di fossilizzazione: Cretacico
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Reptilia
Sottoclasse Diapsida
Infraclasse Archosauromorpha
Superordine Dinosauria
Ordine Ornithischia
Clade Cerapoda
Sottordine Marginocephalia
Infraordine Pachycephalosauria
Famiglia Pachycephalosauridae
Genere Alaskacephale
Sullivan, 2006
Specie A. gangloffi
Nomenclatura binomiale
Alaskacephale gangloffi
Sullivan, 2006

Alaskacephale gangloffi Sullivan, 2006 è un dinosauro erbivoro appartenente ai pachicefalosauri, o dinosauri dal cranio a cupola. Visse nel Cretaceo superiore (Santoniano/Campaniano, tra 84,9 e 70,6 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Nordamerica (Alaska)[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione di Alaskacephale gangloffi

Tutto ciò che si conosce di questo dinosauro è un osso squamoso quasi completo, molto simile a quello del più noto Pachycephalosaurus. La disposizione caratteristica di nodi poligonali lungo l'osso permettono di distinguere Alaskacephale dal suo parente più famoso. Come tutti i pachicefalosauri, questo animale doveva essere un erbivoro bipede dotato di uno spesso cranio a cupola. Le dimensioni erano ridotte rispetto a quelle di Pachycephalosaurus: Alaskacephale non doveva superare i 2 m di lunghezza.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Il fossile è stato ritrovato nella formazione Prince Creek, in Alaska, e inizialmente è stato interpretato come un esemplare di Pachycephalosaurus (2005) sulla base di un presunto punto di sutura con l'osso quadrato (una caratteristica presente solo in Pachycephalosaurus). Successivamente uno studio di Sullivan (2006) ha messo in evidenza le differenze morfologiche tra i due animali, tali da giustificare la creazione di un nuovo genere; la “sutura” tra quadrato e squamoso era, in realtà, un punto di rottura presente in entrambi i fossili.

Il nome Alaskacephale significa “testa dell'Alaska”, con riferimento al luogo di ritrovamento del cranio, mentre l'epiteto specifico, gangloffi, onora Roland Gangloff, il paleontologo che per primo descrisse l'animale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) †Alaskacephale gangloffi Sullivan 2006 (ornithischian), su Fossilworks. URL consultato il 21 luglio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gangloff, R.A., A.R. Fiorillo & D.W. Norton, The first pachycephalosaurine (Dinosauria) from the Paleo-Arctic of Alaska and its paleogeographic implications, in Journal of Paleontology, vol. 79, 2005, pp. 997-1001.
  • Sullivan, R.M., A taxonomic review of the Pachycephalosauridae (Dinosauria: Ornithischia), in New Mexico Museum of Natural History and Science Bulletin, vol. 35, 2006, pp. 347-365.