Alan Kay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alan Curtis Kay

Alan Curtis Kay (Springfield, 17 maggio 1940) è un informatico statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in matematica e biologia molecolare presso l'Università del Colorado a Boulder; consegue un master e un dottorato presso l'Università dello Utah.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Alan Kay è inventore del linguaggio di programmazione Smalltalk, è uno dei padri della programmazione orientata agli oggetti. Inoltre ha concepito il computer portatile, ha inventato le interfacce grafiche moderne, ha contribuito a creare ethernet ed il modello client-server.

Molte delle sue invenzioni sono state concepite presso il Palo Alto Research Center (PARC) della Xerox, dove ha lavorato dal 1970 al 1981 come ricercatore. Al PARC Kay studiò tra le altre cose come i bambini apprendessero di più attraverso immagini e suoni che non attraverso il solo testo; dunque sviluppò un ambiente grafico che si rivelò eccezionalmente flessibile e congeniale per i bambini. Alcune tecnologie derivate da questo lavoro, per esempio Squeak, sono ancora adesso considerate "futuristiche".

Dopo undici anni al PARC, Kay è stato per tre anni capo ingegnere all'Atari (1981-1984) poi è stato assunto dalla Apple, dove ha lavorato fino al 1997, quando ha avviato una collaborazione con la Walt Disney.

Nel 2001 ha fondato il Viewpoints Research Institute, di cui è presidente. È consulente della Hewlett Packard.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 Alan Kay ha ricevuto:

Il 15 giugno 2007 ha ricevuto la laurea honoris causa dall'Università di Pisa[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Honoris Causa Degree in Informatica to Alan Curtis Kay, unipi.it. URL consultato il 26 giugno 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN112565461 · ISNI (EN0000 0000 8310 2205 · Europeana agent/base/146758 · LCCN (ENno2007124396 · GND (DE133744663 · NDL (ENJA00469334 · WorldCat Identities (ENlccn-no2007124396