Alain Touraine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alain Touraine

Alain Touraine (Hermanville-sur-Mer, 3 agosto 1925) è un sociologo francese. Si è occupato in particolare di ricerche nel campo della sociologia industriale e dell'analisi politica, di teoria dell'azione e dei movimenti sociali successivi a quello operaio.

È conosciuto per aver coniato il termine "società post-industriale". Il suo lavoro è basato sulla "sociologia dell'azione".

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato all'École Normale Supérieure di Parigi, diventando docente "agrégé" di storia (1950) ed è stato Rockefeller Fellow nel 1952 e 1953 presso le Università Harvard, Columbia e di Chicago, e fino al 1958 ricercatore presso il CNRS (Conseil National de la Recherche Scientifique).

Nel 1956 fondava il Centro di ricerca di Sociologia del Lavoro all'Università del Cile e, nel 1958, il Laboratorio di Sociologia Industriale a Parigi (dal 1970 Centre d'Etudes des Mouvements Sociaux).

È stato direttore di ricerca all'École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi.

È diventato professore presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Parigi-Nanterre dal 1966 al 1969.

Fa parte di diversi istituti di ricerca e di accademie scientifiche. È uno dei sociologi più tradotti al mondo[senza fonte].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Evoluzione del lavoro operaio nelle officine Renault, 1955
  • Sociologia dell'azione, 1965
  • La coscienza operaia, 1966
  • Il movimento del maggio e il comunismo utopico, 1968
  • La société post-industrielle, 1969
  • Production de la société, 1973
  • La Voix et le Regard, 1978
  • Solidarnosc, Analisi di un movimento sociale (Solidarité), 1982
  • Le retour de l'acteur, 1984
  • Critique de la modernité, 1992
  • Qu'est-ce que la démocratie?, 1994
  • Pourrons-nous vivre ensemble? Égaux et différents, 1997
  • Eguaglianza e diversità, I nuovi compiti della democrazia, Laterza, 1997
  • Il mondo è delle donne, 2000
  • La globalizzazione e la fine del sociale. Per comprendere il mondo contemporaneo, 2008
  • Dopo la crisi. Una nuova società possibile, 2012
  • Noi, soggetti umani. Diritti e nuovi movimenti nell'epoca postsociale, 2017

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Premio Principe delle Asturie per la comunicazione e l'umanistica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la comunicazione e l'umanistica (Spagna)
— 2010
immagine del nastrino non ancora presente Premio Nonino
«Nel suo pensare ha coniato uno dei termini più usati ed abusati dei nostri tempi: “società post-industriale”. La sua analisi sociologica, lucida e attenta, spazia dalla politica all'etica individuale sino all'azione sociale, mantenendo sempre il suo cardine sui dinamismi sociali e sulla loro coesione. L'individuo, privato di un antico mondo sacro, diviene soggetto umano che, capace di trasformarsi, nel suo agire diventa creatore e arbitro del suo destino. Fonte: Premio Nonino»
— 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN108306947 · ISNI (EN0000 0001 0931 0855 · SBN IT\ICCU\CFIV\055284 · LCCN (ENn79075230 · GND (DE119268809 · BNF (FRcb11926904k (data)