Alain Claude Sulzer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alain Claude Sulzer

Alain Claude Sulzer (Riehen, 17 febbraio 1953) è uno scrittore svizzero alemanno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alain Claude Sulzer è nato nel 1953 a Riehen, nel Canton Basilea Città, dove risiede tuttora[1].

Dopo una formazione da bibliotecario, ha lavorato come giornalista prima di esordire nella narrativa nel 1983 con il romanzo Das Erwachsenengerüst aggiudicandosi il Premio letterario della città di Colonia[2].

Autore di romanzi, saggi e raccolte di racconti, è stato insignito nel 2008 del Prix Médicis étranger per il romanzo Un cameriere perfetto[3].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Das Erwachsenengerüst (1983)
  • Bergelson (1985)
  • Das Künstlerzimmer (1988)
  • Die siamesischen Brüder (1990)
  • Urmein (1998)
  • Annas Maske (2001)
  • Un cameriere perfetto (Ein perfekter Kellner, 2004), Lugano, ADV Advertising Company, 2013 traduzione di Domenico Pinto ISBN 978-88-7922-103-0.
  • Privatstunden (2007)
  • Zur falschen Zeit (2010)
  • Il concerto (Aus den Fugen, 2012), Palermo, Sellerio, 2013 traduzione di Emanuela Cervini ISBN 978-88-389-3082-9.
  • Post scriptum (Postskriptum, 2015), Palermo, Sellerio, 2016 traduzione di Margherita Carbonaro ISBN 978-88-389-3519-0.

Alcuni riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Prix Médicis étranger: 2008 vincitore con Un cameriere perfetto
  • Prix des auditeurs de la RTS: 2009 vincitore con Un cameriere perfetto
  • Premio Hermann Hesse: 2009 vincitore con Privatstunden

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Profilo dello scrittore, su archiv.bachmannpreis.orf.at. URL consultato il 12 giugno 2018.
  2. ^ Biografia, bibliografia e titoli in traduzione, su goethe.de. URL consultato il 12 giugno 2018.
  3. ^ (FR) Isabelle Rüf, Le Médicis revient au Bâlois Sulzer, su letemps.ch, 6 novembre 2008. URL consultato il 12 giugno 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN112444008 · ISNI (EN0000 0001 2148 0822 · LCCN (ENn87806552 · GND (DE120618214 · BNF (FRcb122901525 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n87806552