Alabama Jones and the Busty Crusade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alabama Jones and the Busty Crusade
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2005
Durata81 min
Rapporto1,78 : 1
Genereavventura, commedia, erotico
RegiaJim Wynorski (accreditato come Harold Blueberry)
SceneggiaturaWilliam Williamson
ProduttoreSamantha Phillips, Joaquin Rome
Casa di produzioneDigital Entertainment
FotografiaHerbie Bueno
MontaggioEdward Torres
Effetti specialiAlex Warner
MusicheSasha Spiller-Rieff (accreditato come Sasha Spiller-Reiff)
TruccoAnne Wildmere (accreditato come Anne Wildomere)
Interpreti e personaggi

Alabama Jones and the Busty Crusade è una commedia erotica statunitense del 2005, diretta da Jim Wynorski.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tre sexy avventuriere, Alabama, Oklahoma e California Jones, sono alla ricerca di un tesoro.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto da Digital Entertainment,[1] diretto da Jim Wynorski (accreditato come Harold Blueberry), girato a Sylmar, Los Angeles, in California, e alle Hawaii[2] a febbraio 2004.[3] È la parodia di I predatori dell'arca perduta.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito negli Stati Uniti nel 2005 dalla Digital Entertainment (DEI) per l'home video. È stato trasmesso in prima TV negli Stati Uniti il 1º gennaio 2005.[1]

Alcune delle uscite internazionali sono state:[4]

  • negli Stati Uniti (Alabama Jones and the Busty Crusade)
  • in Venezuela (Alabama Jones y la cruzada erótica)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Alabama Jones and the Busty Crusade - Crediti compagnia, su imdb.it. URL consultato il 21 novembre 2011.
  2. ^ Alabama Jones and the Busty Crusade - Luoghi delle riprese, su imdb.it. URL consultato il 21 novembre 2011.
  3. ^ Alabama Jones and the Busty Crusade - Box office / incassi, su imdb.it. URL consultato il 21 novembre 2011.
  4. ^ Alabama Jones and the Busty Crusade - Date di uscita, su imdb.it. URL consultato il 21 novembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]