Fatah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Al Fatah)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati e persone di nome Fath, vedi Fath (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sulla società segreta araba che operò fra il 1911 e il crollo dell'Impero Ottomano in Siria e Iraq, vedi Al-Fatah (società segreta).
Fatḥ
(AR) فتح
Fatah Flag.svg
LeaderMahmūd Abbās
StatoPalestina Palestina
SedeRamallah
Fondazione1959
IdeologiaSocialdemocrazia[1]
Nazionalismo palestinese[2]
Nazionalismo di sinistra
CollocazioneSinistra
Partito europeoPartito del Socialismo Europeo (osservatore)
Affiliazione internazionaleInternazionale socialista
Alleanza Progressista
Seggi Consiglio Legislativo Palestinese
45 / 132
 (2006)
Sito webwww.fatehmedia.ps/

Al-Fatah o Fatah, ma più correttamente, al-Fatḥ (in arabo: ألفتح‎, ossia "la Conquista"), visto che al-fatāh (in arabo: الفتاة‎)[3] significa "il/la giovane"), è un'organizzazione politica e paramilitare palestinese, facente parte dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP). Yasser Arafat ne è stato il leader, mentre Fārūq al-Qaddūmī, alias Abū Luṭf, nome di battaglia che significa "Quello della Gentilezza", è stato il cervello di al-Fatḥ, fino a quando nel 1993 andò in esilio.

Nel 1961 un gruppo di intellettuali si mise al lavoro per creare al-Fatḥ. Fārūq al-Qaddūmī affermò:

«eravamo tutti sui trent'anni. Ingegneri, economisti, architetti, ma poi anche un filosofo. La necessità di avviare la lotta con un movimento di massa noi l'avevamo compreso fin dal 1956, l'autunno in cui gli israeliani ci presero Gaza. Ma i preparativi seri non ebbero inizio che nel 1961 e solo nel 1965 si riuscì a costituire il primo nucleo di al-Fatḥ. Altri moti nazionalisti stavano allora sorgendo ma li guidavano elementi dispersi e senza quattrini»

(tratto da Oriana Fallaci, Intervista con il potere.)

Il nome deriva da FTḤ, acronimo inverso dell'espressione araba Ḥarakat al-Taḥrīr al-Filasṭīnī (Movimento di Liberazione Palestinese, quindi parole molto simili a quelle che compongono l'acronimo OLP[4]). L'acronimo "ḤATF" avrebbe avuto lo stesso suono di un sostantivo che significa "morte", e perciò ʿArafāt preferì invertire l'acronimo che, come "F[A]TḤ, può anche significare "conquista" o "vittoria in battaglia".

Sull'emblema compare anche la parola araba al-ʿāṣifa (la tempesta), nome della prima struttura armata di Fatḥ, mentre sotto il simbolo è scritto in lingua araba al-thawra ḥattā al-nāṣir (rivoluzione fino alla vittoria).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costituito nel 1959 in Kuwait[5] attraverso una serie di riunioni, a opera Ṣalāḥ Khalaf e di Yāser ʿArafāt (della nota famiglia palestinese degli al-Ḥusaynī), insieme ad altri venti attivisti palestinesi[6]. Ha rappresentato per decenni - come vero e proprio partito combattente - la spina dorsale della lotta armata palestinese allo Stato d'Israele.

Tra i suoi primi esponenti di spicco figurava Muhammad Abu Yusuf al-Najjar, poi caduto vittima di un "omicidio mirato" del Mossad, i servizi segreti israeliani. Fatah divenne la forza dominante nella politica palestinese dopo la guerra dei sei giorni nel 1967.

Fatah è entrato a far parte dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) nel 1967 e gli sono stati assegnati 33 dei 105 seggi nel Comitato esecutivo dell'OLP. Due anni dopo Yasser Arafat di Fatah divenne presidente dell'OLP.

Dopo gli accordi di Oslo del 1994 tra OLP e Israele è divenuta il movimento di controllo della neo costituita Autorità Nazionale Palestinese per autogovernare parte della Cisgiordania e la Striscia di Gaza e Arafat ne fu il primo presidente. Nelle prime elezioni politiche del 1996 Fatah ottenne la maggioranza nel Consiglio Legislativo Palestinese con 51 seggi su 88.

Pur non avendo mai raccolto l'unanimità dei consensi palestinesi, dopo il riconoscimento del diritto ad esistere dello stato di Israele, a partire dalla fine degli anni novanta, la sua popolarità è stata insidiata in termini numerici e di consenso dall'organizzazione radicale islamica chiamata Ḥamās che invece è fermamente contraria, e anche a fronte delle sempre più ricorrenti accuse di corruzione di cui sono stati negli ultimi anni oggetto i vertici dell'Autorità Nazionale Palestinese e, conseguentemente, della stessa al-Fatḥ.

Dopo la morte di Arafat nel 2004, il 25 Novembre di quell'anno Abū Māzen (Abbas) fu scelto dal Consiglio rivoluzionario di al-Fatah come candidato alle elezioni presidenziali, che vinse nel gennaio 2005.

Nel 2006 però Ḥamās riportò una affermazione nel corso delle elezioni legislative palestinesi (44% contro il 41% di Fatah) e, nel mese di marzo, l'incarico di formare il nuovo governo dell'Autorità Nazionale Palestinese è stato per l'appunto affidato dal Presidente Abū Māzen al leader di Ḥamās.

Ciò nonostante, al-Fatḥ seguita a coagulare intorno a sé numerosi giovani palestinesi cresciuti nei campi-profughi, oltre a quelli provenienti dalle aree di volontario "esilio" giordano, continuando a godere dei finanziamenti dei Palestinesi emigrati nell'area del Golfo Persico (in particolare in Kuwait) e della solidarietà politica e dell'appoggio finanziario di quasi tutto il mondo arabo-islamico che ha favorito, dopo l'entrata in scena di al-Fatḥ, la creazione di un seggio palestinese nell'ambito della Lega degli Stati Arabi.

In seguito alla vittoria elettorale di Hamas del 2006 la Comunità Europea ed altre istituzioni occidentali ed arabe hanno bloccato i finanziamenti al governo palestinese. Ciò ha contribuito a fare esplodere un grave scontro politico, e a Gaza anche armato, tra Hamas e al-Fatḥ. Tali difficoltà connesse alla gestione solitaria del potere da parte di Ḥamās nell'ambito dell'Autorità Nazionale Palestinese hanno portato a settembre del 2006 a trattative per il rientro di al-Fatḥ nel governo palestinese, assieme a Ḥamās. Il fine sarebbe quello di permettere di nuovo l'afflusso dei contributi finanziari concessi a suo tempo dalla Comunità Europea (e, forse, della stessa Israele, che potrebbe tornare a versare all'ANP le imposte da essa esatte per conto dell'Autorità stessa) e la ripresa di trattative, ostacolate tuttavia dalla Seconda guerra israelo-libanese e dal formale persistere del rifiuto di Ḥamās di riconoscere lo Stato d'Israele.

Dopo la battaglia di Gaza tra Fatah e Hamas conclusa con l'eliminazione degli esponenti di Fatah dalla Striscia, il 18 giugno 2007, il Presidente palestinese Mahmūd Abbās (Mazen) emise un decreto che metteva fuorilegge dallo Stato di Palestina le milizie di Hamas.[7]

Nel 2009, durante l'offensiva israeliana nella striscia di Gaza, il braccio armato del movimento si è schierato al fianco di Ḥamās per gestire le operazioni militari interne[8].

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

Al-Fatah ha sempre avuto un'impostazione laica e politicamente di sinistra[5][9] e ha guidato il popolo palestinese per cinquanta anni quasi senza interruzioni[9].

Al-Fatḥ è membro dell'Internazionale Socialista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wienthal, Benjamin. "German Jews slam party for working with Fatah". The Jerusalem Post. Retrieved 2 May 2016. «[Sigmar Gabriel] added that Fatah was part of the values of social democracy and was represented in the European coalition of social democrats as an observer partner.»
  2. ^ Jailed Fatah leader Barghouti: Gaza war was victory for Palestinians". The Jerusalem Post - JPost.com. Retrieved 3 July 2015.
  3. ^ O anche al-Fatà, (in arabo: الفتى‎).
  4. ^ Munaẓẓamat al-Taḥrīr al-Filasṭīnī, "Organizzazione per la Liberazione della Palestina").
  5. ^ a b Israele e i territori palestinesi, EDT srl, 1º gennaio 2012, ISBN 9788866390961. URL consultato il 30 settembre 2016.
  6. ^ Eugene Rogan, Gli arabi, Bompiani, 6 marzo 2012, ISBN 9788858706527. URL consultato il 30 settembre 2016.
  7. ^ CNN - Abbas outlaws Hamas militia forces Archiviato il 6 settembre 2008 in Internet Archive.
  8. ^ Un popolo in trappola tra le rovine ma i miliziani non si arrendono - esteri - Repubblica.it
  9. ^ a b Khaled Hroub, Hamas: un movimento tra lotta armata e governo della Palestina raccontato da un giornalista di Al Jazeera, B. Mondadori, 1º gennaio 2006, ISBN 9788842496489. URL consultato il 30 settembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241852286 · ISNI (EN0000 0001 2364 2055 · LCCN (ENn79140931 · GND (DE4453769-4 · BNF (FRcb118757635 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79140931