Al Cliver

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Al Cliver a sinistra in una scena del film Ondata di piacere

Al Cliver, pseudonimo di Pierluigi Conti (Alessandria d'Egitto, 16 luglio 1951), è un attore italiano. È uno dei volti più noti del cinema di genere italiano, avendo interpretato moltissimi film, alcuni dei quali divenuti nel tempo dei cult movie: I padroni della città, Zombi 2 e ...E tu vivrai nel terrore! L'aldilà. È stato diretto più volte da Lucio Fulci.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Egitto, Al Cliver iniziò a 16 anni interpretando alcuni caroselli. Il suo primo lungometraggio fu Le 10 meraviglie dell'amore del 1969; nello stesso anno fu chiamato da Luchino Visconti per un piccolo ruolo ne La caduta degli Dei. Il suo primo ruolo da protagonista fu nel film del 1974 di Sergio Nasca Il Saprofita. Per questo ruolo fu candidato al Nastro d'argento come migliore attore esordiente. Nel 1975 interpretò Ondata di piacere, thriller diretto da Ruggero Deodato. Nel 1976 fu il co-protagonista de I padroni della città, diretto da Fernando Di Leo, e il protagonista di Una donna chiamata Apache, considerato uno dei più violenti spaghetti western.[1]

Nel 1979 Cliver fu uno dei protagonisti in Zombi 2, diretto da Lucio Fulci, con il quale iniziò un duraturo sodalizio che lo portò ad interpretare altri otto film diretti dal regista italiano, tra i quali ...E tu vivrai nel terrore! L'aldilà.

Nel 1990 interpretò il suo ultimo film, Demonia, ancora una volta diretto da Fulci, quindi si ritirò dalle scene per intraprendere la professione di falegname.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Cesare Barbetti in ...E tu vivrai nel terrore! L'aldilà, Laure, I padroni della città Michele Gammino in Ondata di piacere Luigi La Monica in La fine dell'innocenza Elio Zamuto in Velluto nero Ferruccio Amendola in Una donna chiamata Apache Sergio Di Giulio in Zombi 2 Manlio De Angelis in Black Cat Michele Kalamera in Endgame - Bronx lotta finale Vittorio De Prima in L'alcova

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Giusti, Dizionario del Western all'italiana, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49432297 · ISNI (EN0000 0001 2132 2170 · SBN IT\ICCU\UBOV\006718 · LCCN (ENno2011114041 · GND (DE1062175239 · BNF (FRcb14165230t (data)