Al-Nassr Athletic, Social and Cultural Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – "Al-Nasr" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Al-Nasr (disambigua).
Al-Nassr
Calcio Football pictogram.svg
The Global Club, Nadj's Knight
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali
Dati societari
Città Riyad
Paese Arabia Saudita Arabia Saudita
Confederazione AFC
Federazione Flag of Saudi Arabia.svg SAFF
Campionato Saudi Professional League
Fondazione 1955
Presidente Arabia Saudita Faisal Bin Turkey Bin Naser
Allenatore Uruguay José Daniel Carreño
Stadio King Fahd International Stadium
(70.000 posti)
Sito web www.nassr.com
Palmarès
Titoli nazionali 7 campionati nazionali
Trofei internazionali 1 Supercoppa d'Asia
1 Coppa delle Coppe dell'AFC
2 Coppe dei Campioni del Golfo
Si invita a seguire il modello di voce

L'Al-Nassr Athletic, Social and Cultural Club è una società calcistica saudita di Riyad, fondata nel 1955. Il nome, in arabo: النصر, naṣr, significa "vittoria".

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il club è stato attivo nel dilettantismo fino al 1960 quando viene registrato ufficialmente come professionistico, e viene promosso in prima divisione solo tre anni dopo. Negli anni settanta inizia un periodo positivo per il club: vince infatti quattro titoli nazionali e varie coppe, sempre a livello interno; negli anni novanta continua ad ottenere buoni risultati, guadagnando anche rilevanza a livello internazionale grazie alla vittoria nella Supercoppa d'Asia nel 1998, che permette alla squadra di qualificarsi al campionato mondiale per club FIFA 2000.

Nel 2010 arriva sulla panchina l'italiano Walter Zenga, ex portiere dell'Inter, che decide di effettuare il ritiro estivo a Castelrotto in Alto Adige[1]. Zenga lascia il club nel dicembre 2010, denunciando che non riceveva il suo stipendio da 6 mesi.


Nella stagione 2013–14 la squadra vince il suo settimo titolo nazionale con una giornata d'anticipo,dovo aver realizzato una stagione quasi perfetta.

Organico 2013-2014[modifica | modifica sorgente]

Rosa[modifica | modifica sorgente]

N. Ruolo Giocatore
2 Bahrein D Mohamed Husain
3 Arabia Saudita D Abdulla Madou
4 Arabia Saudita D Omar Hawsawi
6 Arabia Saudita C Ahmad Abbas
7 Arabia Saudita C Abdulrahman Al-Qahtani
8 Arabia Saudita C Yahya Al-Shehri
10 Arabia Saudita A Mohammad Al-Sahlawi
12 Arabia Saudita D Khalid Al-Ghamdi
13 Arabia Saudita D Mohamed Eid
14 Arabia Saudita C Ibrahim Ghaleb
15 Arabia Saudita C Abdoh Otaif
16 Brasile C Rafael Bastos
18 Arabia Saudita C Mohammed Noor
19 Arabia Saudita C Mus'ab Al-Otaibi
20 Arabia Saudita D Ibrahim Al-Zubaidi
21 Arabia Saudita C Fahad Muqbil N Al-Rashidi
22 Arabia Saudita P Abdullah Al-Enezi
23 Arabia Saudita A Saud Hamood
24 Arabia Saudita D Hussain Abdulghani
N. Ruolo Giocatore 600px Giallo e Blu.png
25 Arabia Saudita C Khaled Al-Zylaeei
26 Arabia Saudita C Shaya Sharahili
27 Arabia Saudita C Awadh Khames
28 Arabia Saudita P Bader Al-Deayea
29 Arabia Saudita A Ahmed Al-Jaizani
30 Arabia Saudita C Abdulaziz Al-Dheyabi
31 Arabia Saudita P Abdullah Al-Shammeri
32 Arabia Saudita D Talal Assiri
33 Arabia Saudita P Mutab Aseri
34 Arabia Saudita C Abdulmohsen Asiri
37 Arabia Saudita C Ayman Ftayni
40 Arabia Saudita D Fahad Al-Yami
88 Arabia Saudita A Abdulaziz Al-Sa'ran
99 Arabia Saudita A Hassan Al-Raheb
Arabia Saudita D Jamaan Al-Dawssari
Arabia Saudita C Abdulellah Al-Nassar
Brasile A Élton Brandão

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

1975, 1980, 1981, 1989, 1994, 1995, 2014

1974, 1976, 1981, 1986, 1987, 1990
1977, 1998, 2008

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

1996, 1997
1998
1998

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ambra Craighero, Il calcio lega l'Arabia all'Alto Adige in Corriere della sera, 14 giugno 2010. URL consultato il 29-07-10.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio