Al-Jaysh al-'Arabi al-Suri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
الجيش العربي السوري
al-Jaysh al-ʿArabī al-Sūrī
Esercito Arabo Siriano
Flag of the Syrian Arab Army.svg
Descrizione generale
Attivo1º agosto 1946-oggi
NazioneFlag of Syria (1932–1958, 1961–1963).svg Repubblica siriana
Siria Repubblica Araba di Siria
TipoEsercito
RuoloGuerra terrestre
Dimensione125.000 (personale attivo)
100.000 (Forza Nazionale di Difesa nell'aprile 2015)
Guarnigione/QGDamasco
Motto"حماة الديار" ("Himat al-diyār", Difesa delle case)
ColoriVerde, rosso, bianco
Battaglie/guerreGuerra arabo-israeliana del 1948
Guerra d'attrito
Settembre nero in Giordania
Guerra dello Yom Kippur
Guerra civile in Libano
Guerra del Libano (1982)
Rivolta islamista in Siria
Guerra della montagna
Operazione Desert Storm
Guerra civile siriana
Anniversari1º agosto
Parte di
Comandanti
Comandante in capoPresidente e Mushīr Baššār al-Asad
Ministro della DifesaTenente generale Ali Abd Allah Ayyub
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L'Esercito arabo siriano (in arabo: الجيش العربي السوري‎, al-Jaysh al-ʿArabī al-Sūrī) è la branca delle forze terrestri delle forze armate siriane. È il servizio militare dominante dei quattro servizi in uniforme, che controlla i posti più alti delle forze armate ed ha il personale più numeroso, circa l'80% dei servizi messi insieme. L'esercito siriano ebbe origine nelle forze militari locali formate dai francesi dopo la prima guerra mondiale, dopo che la Francia ottenne un mandato sulla regione.[1] Nacque ufficialmente nel 1945, prima che la Siria ottenne l‘indipendenza l'anno successivo.

Dal 1946, ha svolto un ruolo importante nell’amministrazione della Siria, organizzando sei colpi di stato militari: due nel 1949, tra cui il colpo di stato di marzo e il colpo di stato d’agosto del colonnello Sami al-Hinnawi e uno per anno nel 1954, nel 1963, nel 1966 e nel 1970. Ha combattuto quattro guerre con Israele (1948, la Guerra dei sei giorni nel 1967, la Guerra d'ottobre del 1973 e nel 1982 in Libano) e una con la Giordania (settembre nero in Giordania, 1970). Una divisione corazzata venne dispiegata anche in Arabia Saudita nel 1990-1991 durante la Guerra del Golfo, ma vide poca azione. Dal 1976 al 2005 è stato il principale pilastro dell'occupazione siriana del Libano. Internamente, ha svolto un ruolo importante nel reprimere la rivolta islamista in Siria tra il 1979 ed il 1982 e dall'inizio del 2011 è stato pesantemente impegnato nel combattere la guerra civile siriana, la guerra più violenta e prolungata a cui l’esercito siriano abbia preso parte dalla sua fondazione negli anni '40.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1919, i francesi formarono le Troupes spéciales du Levant come parte dell’Armata del Levante nel mandato francese della Siria e del Libano. Inizialmente composta da 8.000 uomini, in seguito divenne un esercito sia siriano che libanese. Questa forza venne utilizzata principalmente come forza ausiliaria a sostegno delle truppe francesi e le cariche di alti ufficiali erano ricoperte da francesi, sebbene ai siriani fosse permesso di mantenere incarichi sotto il grado di maggiore.

Quando la Siria ottenne l'indipendenza nel 1946, i suoi leader immaginarono un esercito delle dimensioni di una divisione. Il 19 giugno 1947, l'esercito siriano portò i sopravvissuti del volo Pan Am Flight 121 all'ospedale della missione presbiteriana di Deir ez-Zor. La 1ª brigata era pronta al tempo della guerra siriana contro Israele il 15 maggio 1948. Consisteva di due battaglioni di fanteria e un battaglione corazzato. La 2ª brigata venne organizzata durante la guerra arabo-israeliana del 1948 e anch’essa comprendeva due battaglioni di fanteria e un battaglione corazzato.[2]

Al tempo della guerra arabo-israeliana del 1948, l'esercito era piccolo, scarsamente armato e scarsamente addestrato. Pollack scrisse che "Parigi si era affidata principalmente ai soldati regolari francesi per mantenere la pace in Siria e aveva trascurato le forze indigene. Di conseguenza, l'addestramento era svogliato, la disciplina lassista e lo stato maggiore quasi inesperto. C'erano circa 12.000 uomini nell'esercito siriano. Questi soldati erano per lo più raggruppati in tre brigate di fanteria e una forza corazzata delle dimensioni di un battaglione".[3]

Tra il 1948 e il 1967, una serie di colpi di stato militari distrusse la stabilità del governo e ogni residuo di professionalità all'interno dell'esercito. Nel marzo del 1949, il capo di stato maggiore, il generale Husni al-Za'im, s’insediò come presidente. Gli succedettero altri due dittatori militari nel dicembre 1949. Il generale Adib al-Shishakli mantenne il potere fino alla deposizione nel colpo di Stato del 1954. Seguirono altri colpi di stato, ciascuno dei quali assisteva ad una purga del corpo degli ufficiali per rimuovere dalla forza i sostenitori dei perdenti.[4] Pollack scrisse che “la disciplina nell'esercito s’interruppe su tutta la linea mentre le unità ed i loro comandanti promettevano la loro fedeltà a diversi gruppi e partiti. Alla fine degli anni '50, infatti, la situazione era diventata così grave che gli ufficiali siriani disubbidivano regolarmente agli ordini dei superiori appartenenti a diversi gruppi etnici o politici”.[5] Il colpo di Stato del 1963 aveva come uno dei suoi obiettivi chiave la conquista del campo militare di Al-Kiswah, sede della 70ª Brigata Corazzata. Ci fu un altro colpo di Stato nel 1966.

Tuttavia, nel 1967 l'esercito sembrava avere una certa forza. Aveva circa 70.000 uomini, circa 550 carri armati e cannoni d'assalto, 500 APC e quasi 300 pezzi d’artiglieria.[6] L'esercito aveva sedici brigate: dodici di fanteria, due corazzate (probabilmente compresa la 70ª Brigata Corazzata) e due meccanizzate. Il governo siriano dispiegò dodici delle sedici brigate sul Golan, comprese entrambe le brigate corazzate e una brigata meccanizzata. Furono schierati tre "gruppi di brigate", ciascuno composto da quattro brigate: il 12° a nord, che teneva il settore dal ponte B'nat Ya'acov alle pendici del Monte Hermon, il 35° a sud dal ponte di B'nat Ya'acov al confine del fiume Yarmuk con la Giordania e il 42° di riserva, destinato a un contrattacco a livello di teatro. Durante l'attacco israeliano alle alture del Golan della guerra dei sei giorni, l'esercito siriano non riuscì a contrattaccare gli israeliani mentre quest’ultimi sfondavano le posizioni siriane. Mentre le unità siriane combattevano duramente ogni volta che gli israeliani entravano nella loro linea di tiro, sembra che non siano stati fatti tentativi per sfruttare il disorientamento e la confusione israeliani durante l'assalto iniziale.[7]

A giudicare dai rapporti tra il 1967 ed il 1970, incluso il rapporto della 5ª Divisione di Fanteria nel 1970, l'esercito sembra aver formato le sue prime divisioni durante questo periodo. La e la 3ª Divisione corazzata e la 5ª, la 7ª e la 9ª Divisione di fanteria meccanizzata vennero tutte formate prima del 1973.[8] Samuel M. Katz scrisse che dopo che Hafez al-Assad ottenne il potere nel novembre 1970, l'esercito si espanse nelle cinque divisioni sopra elencate, oltre a dieci brigate indipendenti, una brigata di razzi di artiglieria (la 69ª) e "una brigata rinforzata definita in vario modo 70ª Brigata corazzata o Guardia repubblicana di Assad. Oggi è conosciuta come Forza di Difesa Corazzata; come guardia pretoriana di Assad è di stanza a Damasco e dintorni ed è subordinata alle Compagnie di difesa sotto il comando del fratello di Assad Rifa'at."[9]

Dal 1970 al 2010[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 settembre 1970, il governo siriano venne coinvolto nel settembre nero in Giordania quando inviò una brigata corazzata rinforzata per aiutare l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina.[10] Le unità corazzate siriane attraversarono il confine ed invasero Irbid con l'aiuto delle forze palestinesi locali. Incontrarono diversi distaccamenti dell’esercito giordano, ma li respinsero senza grandi difficoltà. Due giorni dopo, anche la 5ª Divisione di fanteria, fortemente rinforzata, venne inviata in Giordania. Due brigate co-razzate vennero distaccate alla divisione, portando la sua forza corazzata ad oltre 300 T-55 ed il suo personale a 16.000 uomini. La divisione entrò in Giordania ad al-Ramtha, distrusse una compagnia di carri armati Centurion e proseguì direttamente verso Amman. Pollack affermò che era probabile che intendessero rovesciare la stessa monarchia giordana. Nonostante avessero sconfitto l'esercito giordano ad al-Ramtha il 21 settembre, il 22 settembre, dopo feroci attacchi aerei, i siriani fermarono l'attacco ed iniziarono a ritirarsi.

Squadra anticarro con ATGM MILAN francesi durante la guerra in Libano nel 1982.

Dopo il 1970 altri coinvolgimenti siriani inclusero:

Le forze armate siriane vennero coinvolte anche nella repressione dei movimenti dissidenti all'interno della Siria, ad esempio la rivolta islamista in Siria tra il 1979 ed il 1982. Nel marzo 1980 arrivarono ad Aleppo la 3ª Divisione corazzata e distaccamenti delle Compagnie di difesa. La divisione era sotto il comando del generale Shafiq Fayadh, primo cugino di Hafiz Assad. Le truppe isolarono "interi quartieri e lanciarono ricerche casa per casa, spesso precedute dal fuoco dei carri armati".[12] Vennero radunati centinaia di sospetti. Solo due brigate dell'esercito convenzionale si schierarono a Hama nel 1982, la 47ª Brigata corazzata e la 21ª Brigata meccanizzata della 3ª Divisione corazzata. Tre quarti degli ufficiali e un terzo dei soldati delle due brigate erano alauiti.[13] Gran parte della repressione venne effettuata dalle Compagnie di difesa e dalle forze speciali. Nel frattempo, le forze speciali erano isolate e stavano combattendo attraverso Hama, uccidendo e catturando sospetti oppositori del governo.[14]

Le forze siriane combatterono Israele durante la guerra del Libano del 1982.

Nel 1984, le forze speciali del maggiore generale Ali Haidar furono determinanti nel bloccare un tentativo abortito di Rifa’at al-Assad e delle sue Compagnie di difesa d’impadronirsi della capitale.[15] La 3ª Divisione corazzata di Fayadh si trasferì nella capitale per unirsi alle forze di Haidar nello scontro con le Compagnie di difesa. La 3ª Divisione corazzata, a quanto pare, era stata situata storicamente ad al-Qutayfah, vicino a Damasco.[16]

Bennett datò la fondazione dei corpi d’armata nell'esercito siriano nel 1985. Scrivendo quattordici anni dopo, Tom Cooper affermò che vennero stabiliti "durante gli anni '80", ma "[...] nonostante l'istituzione di [...] corpi d’armata [...] la maggior parte dei comandanti di divisione continuarono a riferire direttamente al presidente. Di conseguenza, non solo il capo di stato maggiore delle forze armate siriane, ma anche il quartier generale del corpo d’armata esercitava solo un controllo operativo limitato sulle divisioni dell'esercito."[17]

Colonnello siriano durante la guerra del Golfo.

La 9ª Divisione corazzata prestò servizio nella guerra del Golfo del 1991 come riserva dell’Arab Joint Forces Command North e vide poca azione.[18]

Nel 1994, Haidar espresse obiezioni alla decisione del presidente siriano di riportare Bashar a casa dai suoi studi in Gran Bretagna e d’istruirlo alla successione dopo la morte di Basil, il figlio maggiore di Assad.[15] Poco dopo, il 3 settembre 1994, Jane's Defence Weekly riferì che l'allora presidente Hafez Assad aveva dimesso almeno 16 alti comandanti militari. Tra loro c'erano Haidar, allora comandante delle forze speciali, e il generale Shafiq Fayadh, cugino del presidente che aveva comandato l’” esperta" 3ª Divisione corazzata per quasi due decenni. La 3ª Divisione Corazzata venne "dispiegata intorno a Damasco". JDW commentò che "le forze speciali e la 3ª Divisione corazzata, insieme alla 1ª Divisione corazzata, sono elementi chiave nella struttura di sicurezza che protegge il governo di Assad. Qualsiasi cambiamento di comando che coinvolga tali formazioni ha un notevole significato politico". I rapporti post-rivolta indicavano che la 1ª Divisione corazzata era stata storicamente ad al-Kiswah.[16]

Il 29 settembre 2004, Jane's Defence Weekly riferì che la Siria aveva iniziato a ridistribuire elementi di uno o più reggimenti delle forze speciali dell'esercito siriano situati sulle colline costiere a pochi chilometri a sud di Beirut in Libano. Un alto ufficiale dell'esercito libanese disse a JDW che i 3000 soldati coinvolti sarebbero tornati in Siria.[19]

Cordesman scrisse che nel 2006 l'esercito siriano aveva "organizzato due corpi d’armata che riferivano allo stato maggiore e al comandante delle forze terrestri".

Nel 2009 e nel 2010, secondo l’International Institute for Strategic Studies di Londra, l'esercito siriano comprendeva 220.000 soldati regolari e tutte le forze armate (che includono la marina, l'aeronautica e le difese aeree) avevano 325.000 soldati regolari.[20] Inoltre, l’esercito contava circa 290.000 riservisti.[20][21][22]

Nel 2013, Agence France Press scrisse "Le forze di sicurezza diminuite della Siria".[21]

Guerra civile siriana[modifica | modifica wikitesto]

Soldati dell’EAS che presidano artiglieria ad Al-Kom, durante la guerra civile siriana, 2015

Le diserzioni[modifica | modifica wikitesto]

Al 1º ottobre 2011, secondo il colonnello siriano disertore Riyad Assad 10.000 soldati, tra cui ufficiali di alto rango, avevano abbandonato l'esercito siriano.[23] Alcuni di questi disertori formarono l'esercito siriano libero, impegnandosi in combattimenti con forze di sicurezza e soldati in quella che si sarebbe trasformata nella guerra civile siriana.

Il 16 novembre 2011, Rami Abdel Rahman, a capo dell’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede nel Regno Unito, stimò tuttavia che meno di 1.000 soldati avevano abbandonato l'esercito siriano; nello stesso momento, un comandante di battaglione dell’EAS affermò che l'EAS ha abbracciato 25.000 disertori dell'esercito.[24] Sempre nel novembre 2011, l’esercito siriano libero, o il sito web di France 24, stimò l'esercito siriano a 200.000 uomini.[25] Secondo il generale Mustafa al-Sheikh, uno dei disertori più anziani, tuttavia, nel gennaio 2012 le forze siriane erano stimate a 280.000 uomini, compresi i coscritti.[26]

Entro il 15 marzo 2012, molti più soldati, insoddisfatti delle repressioni contro i manifestanti democratici, cambiarono posizione e un ufficiale turco dichiarò che 60.000 soldati avevano abbandonato l'esercito siriano, di cui 20.000 dal 20 febbraio. Venne aggiunto che la maggior parte dei disertori erano sottufficiali e soldati.[27] Entro il 5 luglio 2012, l’Osservatorio siriano per i diritti umani stimò che "decine di migliaia" di soldati avevano disertato.[22] A partire dall’agosto 2012, 40 generali di brigata dell'esercito avevano disertato per l'esercito dell’opposizione, su un totale di 1.200 generali.[28]

Il 14 giugno 2013, 73 ufficiali dell'esercito siriano e le loro famiglie, circa 202 persone in totale, cercarono rifugio in Turchia. Tra di loro c'erano sette generali e 20 colonnelli.[29]

Ad agosto 2013, la forza dell'esercito siriano, rispetto al 2010, era stata quasi dimezzata, a causa di defezioni, diserzioni e vittime, secondo l’International Institute for Strategic Studies di Londra: ora contava 110.000 soldati.[21]

La forza compromessa[modifica | modifica wikitesto]

Fino a luglio 2012, secondo Aram Nerguizian del Center for Strategic and International Studies situato a Washington, la scala delle defezioni dell'esercito siriano, sebbene difficile da quantificare, era troppo piccola per avere un impatto sulla forza di quell'esercito.[22] Nerguizian disse che le unità strategicamente importanti delle forze armate siriane sono sempre controllate da ufficiali alauiti; i soldati disertori - entro il luglio 2012 "decine di migliaia" secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani - sono principalmente sunniti senza accesso al comando e al controllo vitale,[22] tuttavia il ministro della Difesa siriano Dawoud Rajiha, ucciso nel bombardamento di Damasco del 18 luglio 2012, era un cristiano.

L'analista Joseph Holliday nel 2013 scrisse che "dall'inizio del conflitto il governo di Assad non è stato in grado di mobilitare tutte le sue forze senza rischiare diserzioni su larga scala. Il solo maggiore ostacolo che il regime di Assad ha dovuto affrontare impiegando le sue forze è stata la sfida di fare affidamento sulle unità per eseguire gli ordini di brutalizzazione dell'opposizione".[30] Ciò portò Bashar a seguire il precedente di suo padre, assegnando unità dell'esercito regolare a forze più affidabili (forze speciali, Guardia Repubblicana o 4ª Divisione Corazzata). Quando Hafez al-Assad diresse la soppressione delle rivolte a Hama nel 1982, venne utilizzata anche questa tecnica.

L'esercito arabo siriano soffre di gravi problemi di reclutamento mentre la guerra civile siriana si trascina, con uomini in età militare tra le linee partigiane che non sono più disposti ad unirsi alle forze armate o a servire i loro termini di reclutamento. Questi problemi sono particolarmente evidenti tra la popolazione drusa, che si è scontrata con le forze di sicurezza del regime e ha fatto uscire i giovani drusi dalla prigione del regime per evitare che prestassero servizio nell'esercito.[31] Sempre più spesso, la base di supporto alauita di Assad rifiuta di inviare i propri figli nell'esercito a causa dei massicci tassi di vittime tra gli uomini in età militare nella loro comunità; secondo fonti pro-opposizione un terzo dei 250.000 uomini alauiti in età di combattimento sono stati uccisi nella guerra civile siriana, portando a gravi tensioni tra la setta ed il governo siriano.[32]

A partire dalla metà del 2018, l'allora ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman affermò che l'esercito arabo siriano aveva riguadagnato i livelli di forza precedenti al 2011, recuperando dalle carenze di personale precedenti alla guerra civile siriana.[33]

I ruoli della 3ª, dell’11ª, della 17ª e della 18ª Divisione[modifica | modifica wikitesto]

La 3ª Divisione corazzata dispiegò elementi di tre brigate dalle sue basi intorno a Qutayfah a De-ra’a, Zabadani e Hama, mentre l'11ª Divisione corazzata rimase vicino alle sue basi ad Homs e ad Hama.[34] Il Consiglio europeo nominò il maggiore generale Wajih Mahmud, comandante della 18ª Divisione corazzata nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea il 15 novembre 2011, sanzionandolo per la violenza commessa ad Homs.[35] Henry Boyd dell'IISS osservò che "ad Homs, la 18ª Divisione corazzata venne rinforzata da unità delle forze speciali e [...] da elementi della 4ª Divisione sotto il comando de facto di Maher".[36]

Le informazioni di Holliday 2013 suggeriscono che la divisione corazzata di riserva era la 17ª (piuttosto che qualsiasi altra designazione), che era responsabile della Siria orientale.[37] La 93ª Brigata della divisione lasciò Idlib per difendere il Governatorato di al-Raqqa all'inizio del 2012.[38] In seguito alla nota conquista di Raqqa tra il 3 ed il 6 marzo 2013, elementi della 17ª Divisione rimasero assediati a nord della città nell'ottobre 2013.[39]

Le relazioni con la Forza Nazionale di Difesa[modifica | modifica wikitesto]

La Forza Nazionale di Difesa è sotto il controllo e la supervisione dell'esercito siriano[40] e agisce in un ruolo di fanteria, combattendo direttamente contro i ribelli a terra e svolgendo operazioni di contro-insurrezione in coordinamento con l'esercito che fornisce loro supporto logistico e di artiglieria.

Lottando con problemi di affidabilità e diserzioni, gli ufficiali dell'EAS preferiscono sempre più i volontari part-time della FND, che considerano più motivati e leali, rispetto ai coscritti regolari dell'esercito per condurre operazioni di fanteria e fungere da supporto per l'avanzamento dei carri armati.[41]

Un ufficiale di Homs, che chiese di non essere identificato, affermò che l'esercito svolgeva un ruolo sempre più logistico e direttivo, mentre i combattenti della FND agivano come combattenti sul campo.[42]

Nell'ottobre 2015 venne istituito il 4º Corpo d’Armata d’Assalto (in arabo: 4 فيلق اقتحام) nel nord-est.[43] La FND continua a svolgere un ruolo significativo nelle operazioni militari in Siria nonostante la formazione di altre unità d'élite, molte delle quali ricevono assistenza diretta dalla Russia.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

I musulmani sunniti costituiscono la maggioranza dell'esercito arabo siriano e molti ricoprono posizioni governative elevate.[44] Dall'inizio della guerra civile siriana ad oggi, l'esercito arabo siriano è stato composto principalmente da siriani sunniti (ad esempio, la 4ª Divisione Meccanizzata è interamente composta e guidata da sunniti[45]), con una leadership religiosa mista nelle posizioni militari più alte.[46] il ministro della difesa ed anche vice comandante in capo dell'esercito e delle forze armate (precedentemente delle forze speciali), il maggiore generale Fahd Jassem al-Freij, ed il maggiore generale Mohammad al-Shaar, un ministro degli Interni, sono alcuni dei musulmani sunniti nelle posizioni di potere. Esistono anche milizie filo-Assad sunnite composte da lealisti baathisti, come le Brigate Ba'ath. Le brigate sono formate da siriani sunniti ed altri arabi sunniti della regione mediorientale che aderiscono agli ideali panarabi.[47] Liwa al-Quds è una milizia palestinese sunnita che opera ad Aleppo.

Struttura nel 2001[modifica | modifica wikitesto]

Un poliziotto militare

Nel 2001 Richard Bennett scrisse che "nel 1985 vennero formati tre corpi d’armata per dare all'esercito maggiore flessibilità e migliorare l'efficienza del combattimento decentralizzando la struttura di comando, assorbendo almeno alcune delle lezioni apprese durante l'invasione israeliana del Libano nel 1982."[48] L’organizzazione e la dottrina militare dell’esercito seguivano il modello sovietico.[49]

La stima di Richard Bennett sull'ordine di battaglia del 2001 era:

Un soldato siriano imbraccia una mitragliatrice leggera da 7.62mm PKM dalla sua trincea durante una dimostrazione di potenza di fuoco, parte dell’operazione Scudo del Deserto. Il soldato indossa una maschera da guerra bio-chimico-nucleare.

Bennett affermò anche che il I Corpo d’armata aveva quattro reggimenti di forze speciali indipendenti, tra cui due addestrati per operazioni di commando elitrasportato contro SIGINT e posti d’osservazione israeliani sul Monte Hermon e altrove sulle Alture del Golan.

  • II Corpo d’armata QG Zabadani, copriva il nord di Damasco, fino a Homs e includeva il Libano.
    • Nel 2001 Bennett disse che si riteneva che le unità principali del corpo includessero:
    • 1ª Divisione corazzata, con la 44ª e la 46ª Brigata corazzata e la 42ª Brigata meccanizzata
    • 3ª Divisione corazzata, con la 47ª e l’82ª Brigata corazzata e la 132ª Brigata meccanizzata
    • 11ª Divisione corazzata, con la 60ª e la 67ª Brigata corazzata e l'87ª Brigata meccanizzata
    • 4ª Divisione meccanizzata con la 1ª Brigata corazzata e la 61ª e l'89ª Brigata meccanizzata
    • 10ª Divisione meccanizzata, con sede a Chtaura, in Libano. Le sue unità principali, nel 2001, erano schierate per controllare l'autostrada strategica Beirut-Damasco, con la 123ª Brigata meccanizzata vicino a Yanta, la 51ª Brigata corazzata vicino a Zahle e l'85ª Brigata corazzata nella valle della Beqa’a, dispiegate attorno al complesso di posizioni a Dahr al-Baidar.
    • Si sapeva che altre tre brigate pesanti della 3ª e dell’11ª Divisione corazzata erano regolarmente dispiegate nel Libano orientale.
    • c'erano cinque reggimenti di forze speciali in Libano.
  • III Corpo d’armata QG Aleppo, con sede a nord e copriva Hama, i confini turco ed iracheno, la costa mediterranea e aveva il compito di proteggere il complesso di guerra chimica e biologica e le strutture per la produzione ed il lancio di missili.
    • La 2ª Divisione corazzata della Riserva, con la 14ª e 15ª Brigata corazzata e la 19ª Brigata meccanizzata. Si credeva che la 2ª fosse anche la principale formazione di addestramento delle forze corazzate. Sembra probabile che la designazione “2ª”, riportata nel 2001, non fosse corretta, in quanto non è stata segnalata durante la guerra civile siriana.
    • Altre unità sotto il controllo di questo corpo d’armata includevano quattro brigate di fanteria indipendenti, una brigata di guardie di frontiera, un reggimento corazzato indipendente, effettivamente un gruppo di brigate e un reggimento di forze speciali.
    • la Brigata di difesa costiera, che operava in gran parte come unità indipendente all'interno dell'area del III Corpo d’armata, aveva un quartier generale nella base navale di Latakia con quattro battaglioni di difesa costiera a Latakia, Banias, al-Hamidiyah e Tartus. Ogni battaglione aveva quattro batterie di missili sia a corto raggio SSC-3 Styx sia a lungo raggio SSC-1B.

L'IISS ha elencato le formazioni più piccole nel 2006 come:[50]

  • Quattro brigate indipendenti di fanteria
  • Dieci reggimenti indipendenti delle forze speciali aviotrasportate (sette reggimenti distaccati al II Corpo d’armata)
  • Due brigate indipendenti d’artiglieria
  • Due brigate indipendenti anticarro
  • Comando missilistico terra-terra con tre brigate SSM (ciascuno con tre battaglioni SSM),
    • Una brigata con FROG-7,
    • Una brigata con Scud - B / C / D.
    • Una brigata con SS-21 Scarab,
  • Tre brigate missilistiche di difesa costiera
    • Una brigata con 4 lanciatori Sepal SS-C-1B,
    • Una brigata con 6 lanciatori P-15 Termit, denominazione alternativa SS-C-3 'Styx'
    • Una brigata con 6+ lanciatori P-800 Oniks,
  • Una brigata di Guardie di frontiera

A protezione di Damasco:

Struttura nel 2013[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Joseph Holliday, a febbraio 2013 l'ordine di battaglia ("alla massima potenza") era:[52]

  • 3 Corpi d’armata (Falaq): 50.000 uomini in 3–4 divisioni
  • 14 Divisioni (Firqa): 5.000–15.000 uomini in 5–6 brigate/reggimenti ciascuna
  • Più di 40 Brigate (Liwa): 2.500–3.500 uomini in 5–6 battaglioni (1–3 corazzati/meccanizzati + artiglieria/DAA/genieri) ciascuna
    • Meccanizzata:
      • 105 IFV in 3 battaglioni meccanizzati
      • 41 carri armati in 1 battaglione corazzato
      • 3.500 soldati
    • Corazzata:
      • 105 carri armati in 3 battaglioni corazzati
      • 31 IFV in 1 battaglione meccanizzato
      • 2.500 soldati
  • Più di 20 Reggimenti (Fawj): 1.500 uomini
    • Fanteria leggera: 1.500 soldati in 3 battaglioni di fanteria
    • Artiglieria: 45 obici e 1.500 soldati in 3 battaglioni d’artiglieria
  • Battaglione (Katiba): 300–500 uomini in 4–5 compagnie
  • Compagnia (Sariya): 60–80 uomini

Unità che riferiscono al Capo di Stato Maggiore[modifica | modifica wikitesto]

  • Syrian Republican Guard SSI.svg Guardia repubblicana
    • Battaglione corazzato ‘’Leonesse della Difesa’’ (a partire dal 2015)
    • 100º Reggimento d’artiglieria (equipaggiato con obici 122 mm D-30 e lanciarazzi BM-21 "Grad", è in grado di respingere qualsiasi attacco delle forze nemiche nella città e nei suoi sobborghi.)
    • 101º e 102º Reggimento "Sicurezza" (il cui compito è quello di fornire sicurezza al Presidente, ai ministri del governo, agli alti funzionari del governo, al quartier generale dell'esercito e ad altre istituzioni governative)
    • 103ª Brigata Commando
    • 104ª Brigata Aerotrasportata (fusa con l’800º Reggimento)
    • 105ª Brigata Meccanizzata
    • 800º Reggimento[53]
    • 30ª Divisione[54] - serve come comando amministrativo
    • Sicurezza Popolare e Forze di Supporto[56]
  • Syrian 4th Armoured Division SSI.svg 4ª Divisione corazzata
    • 40ª Brigata corazzata
    • 41ª Brigata corazzata
    • 42ª Brigata corazzata
    • 138ª Brigata meccanizzata
    • 154º Reggimento d’artiglieria
    • 555º Reggimento forze speciali (aerotrasportato)
    • Leoni Protettivi (Commando), formati nel maggio 2014.[57]
  • Syrian commando.png Comando forze speciali[55]

Nota: Le "forze speciali" dell'esercito arabo siriano denotano una fanteria "leggera" specializzata (aerotrasportata, assalto aereo) e sono "élite" solo in relazione alle convenzionali unità meccanizzate e blindate dell'EAS. Secondo un rapporto declassificato della CIA, i reggimenti delle forze speciali dichiarati sono stati creati per condurre operazioni anti-guerriglia.[58] Le unità delle Forze speciali includono: 41º, 45º, 46º, 47º , 53º e 54º Reggimento indipendente forze speciali. Le forze speciali vennero pesantemente utilizzate sin dalle prime fasi della guerra civile siriana e di conseguenza subirono pesanti perdite, probabilmente fino a tre reggimenti (41°, 46°, 54°) potrebbero essere stati distrutti durante la guerra civile siriana, i tre reggimenti sopravvissuti vennero fusi ad altre formazioni come la Guardia Repubblicana, le Forze Tigre ed il IV Corpo d’armata.[55] Rapporti successivi affermano che due battaglioni del 54º reggimento servono nella 17ª divisione.[59]

Unità delle forze speciali durante la guerra civile siriana

I Corpo d’armata[modifica | modifica wikitesto]

  • 5ª Divisione meccanizzata
    • 112ª, 132ª e 15ª Brigata meccanizzata
    • 12ª Brigata corazzata
    • 175º Reggimento d’artiglieria
  • 6ª Divisione
    • 45º Reggimento
    • 85ª Brigata
    • 76ª Brigata corazzata - ora defunta. Precedentemente parte della 1ª Divisione
  • 7ª Divisione meccanizzata
    • 68ª, 121ª e 88ª Brigata meccanizzata
    • 78ª Brigata corazzata
    • (non specificato) Reggimento d’artiglieria
  • 9ª Divisione corazzata
    • 34ª e 43ª Brigata corazzata
    • 52ª Brigata corazzata. La 52ª Brigata corazzata venne segnalata a Dar’a, nel sud della Siria, nel maggio 2013.[60]
    • 90ª Brigata[61]
    • 89º Reggimento d’artiglieria

Inoltre, il I Corpo d’armata comprendeva la 61ª e la 90ª Brigata indipendente di fanteria.

II Corpo d’armata[modifica | modifica wikitesto]

III Corpo d’armata[modifica | modifica wikitesto]

  • 3ª Divisione corazzata
    • 65ª ed 81ª Brigata corazzata
    • 21ª Brigata meccanizzata
    • (non specificato) Reggimento d’artiglieria (sia il 67° sia il 123º Reggimento d’artiglieria elencati con la divisione nel 2011 da Cooper 2015.)[62]
  • 8ª Divisione corazzata
    • 33ª Brigata Corazzata – trasferita dalla 9ª Divisione
    • 45ª Brigata – di recente formazione
    • 47ª Brigata corazzata – trasferita dalla 3ª Divisione
  • 11ª Divisione corazzata – coinvolta ad Abu al-Duhur e nel Secondo assedio di Wadi Deif
    • 60ª, 67ª Brigata corazzata
    • 87ª Brigata meccanizzata
    • (non specificato) Reggimento d’artiglieria (89° Reg. d’artiglieria elencato con la divisione da Cooper 2015.)[62]

Il 24 febbraio 2016, abna24.com ha riferito che "la scorsa primavera, l'87ª Brigata dell'11ª Divisione corazzata dell'esercito arabo siriano ha iniziato la sua ritirata di massa attraverso il Governatorato di Idlib, concedendo la capitale provinciale e le città strategiche di Ariha e Jisr Al-Shughour a Jaysh Al-Fateh (Esercito della Conquista) in rotta verso la loro imbarazzante uscita da questa provincia nel nord della Siria."[63]

Altre divisioni nel nord e nel nordest includevano la 17ª Divisione (QG Dayr az-Zawyr) e la 18ª Divisione corazzata (QG Aleppo), nominalmente indipendente ma supervisionata dal III Corpo d’armata.[64]

IV Corpo d’armata[modifica | modifica wikitesto]

Dall'inizio della guerra civile nel 2011 sono stati istituiti due nuovi corpi d’armata. Il "IV Corpo d’armata", "IV Corpo d’armata d'assalto",[65] o "IV Corpo d’armata volontario d’assalto",[senza fonte] chiamato anche IVa Legione - Assalto[66] è una nuova formazione dell'esercito siriano, organizzata con l'aiuto russo dal 2015. Il piano originale per il IV Corpo d’armata era di riorganizzare le unità dell'esercito regolare indebolite e le milizie filo-governative irregolari,[67] tra cui alcune unità della Forza Nazionale di Difesa (FND),[68] nei governatorati di Latakia e di Tartus e nella pianura di al-Ghab. Queste forze sarebbero state addestrate, organizzate ed armate dalle forze armate russe, in modo che potessero diventare forze terrestri "speciali" che avrebbero ripreso la Siria nord-occidentale con il supporto aereo russo.[69]

Quando, nell'estate e nell'autunno 2015, il IV Corpo d’armata venne successivamente organizzato, vennero incluse forze di origini molto diverse: tra queste c'erano la 103ª Brigata della Guardia repubblicana che avrebbe servito da quartier generale per il nuovo corpo d’armata[senza fonte], insieme alle truppe tratte dalla e dalla 4ª divisione, nonché da milizie del partito Ba’ath, della FND ed alauite.[65] I combattenti alauiti vennero organizzati in 12 unità che combatterono sotto il comando congiunto di ufficiali russi, siriani ed iraniani.[70][67] I resti vennero raggruppati in quattro "brigate volontarie"[senza fonte], mentre diverse unità russe più piccole le vennero assegnate in un ruolo di supporto.[65] Pagato direttamente dalla Guardia repubblicana e dal governo,[67] il IV Corpo d’armata venne descritto dall'esperto del Carnegie Middle East Center Kheder Khaddour una formazione che "unisce esercito e forze della milizia".[70]

Sebbene le operazioni iniziali del IV Corpo d’armata, come durante l’offensiva di Latakia (2015-2016) e l’offensiva della Siria nordoccidentale (ottobre-novembre 2015)[65][71] ebbero relativamente successo, l'inclusione di più milizie nel corpo d’armata rimase evasiva. Ciò era probabilmente dovuto al fatto che l'Iran non era disposto a consentire l'integrazione delle unità siriane sotto il suo con-trollo in una formazione guidata principalmente dalla Russia, mentre molte milizie in genere resistevano a qualsiasi tentativo di ridurre la loro autonomia includendole nel IV Corpo d’armata.[68][65] Di conseguenza, il IV Corpo d’armata ri-mase per lo più limitato a Latakia, dove continua ad essere attivo. Tuttavia, dato che la sua prestazione durante l’offensiva di Latakia del 2016 era stata carente, il suo comandante generale, il generale Shuqi Yusuf, venne dimesso nel luglio 2016.[65][72] Complessivamente, il IV Corpo d’armata non "fu all'altezza delle aspettative di Mosca" e i suoi comandanti siriani "mostrarono scarse prestazioni", nonostante il fatto che il corpo d’armata fosse effettivamente riuscito a riformare le milizie incluse in una "forza militare organizzata e disciplinata".[65]

Gregory Waters scrisse via Twitter a novembre 2017 che "[…]la 6ª Divisione [era] una delle due divisioni create sotto il IV Corpo d’armata costituito in Russia nel 2015. Il progetto del IV Corpo d’armata è in gran parte fallito e la 6ª e la 2ª Divisione sono rimaste a Latakia d’allora.'[73]

V Corpo d’armata[modifica | modifica wikitesto]

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il gruppo ribelle, vedi V Corpo d'armata (esercito siriano libero).

Il V Corpo d’armata Truppe d’Attacco, chiamato anche Vª Legione,[66] è una forza volontaria, parte dell'esercito siriano coinvolto nella guerra civile siriana che combatte contro l’opposizione siriana, Al-Qaeda in Siria e l’ ISIS.[74] Il compito del corpo d’armata è "eliminare il terrorismo" e venne formato "in risposta al rapido sviluppo degli eventi, per sostenere i successi delle forze armate e per soddisfare i desideri delle persone di porre fine agli atti terroristici nella Repubblica araba siriana", secondo la dichiarazione annunciata il 22 novembre 2016 dal Comando Generale delle Forze armate della Siria.[75] Il V Corpo d’armata di Volontari recluterà gli uomini maggiorenni in tutto il paese "non già idonei al servizio militare o disertori".[76][77][78]

Secondo Abdullah Soleiman Ali nel documento di al-Safir, la formazione del "V Corpo d’armata Truppe d’Attacco" è l'apice della cooperazione tra i membri della coalizione Russia–Siria–Iran-Iraq.[79] I soldati del V Corpo d’armata vennero addestrati, equipaggiati e consigliati dal personale militare russo fin dal loro intervento nel 2015.[80] La maggior parte dei carri armati da battaglia del V Corpo d’armata d'assalto sono carri armati sovietici aggiornati, tra cui T-62 M e T-72B3.[80]

L'unità del V Corpo d’armata, la Legione Ba'ath, era formata da volontari delle Brigate Ba'ath.[81] Secondo il Consiglio russo degli affari internazionali, anche le Forze dello Scudo Qalamoun si unirono al V Corpo d’armata, sebbene nessun'altra fonte lo abbia confermato.[82]

Nel febbraio 2018, 20 membri[83] dei Cacciatori dell’ISIS (una sottounità del V Corpo d’armata)[senza fonte] morirono in un attacco aereo statunitense.[84][85]

Equipaggiamento militare nell’aprile 2011 (incluso lo stoccaggio)[modifica | modifica wikitesto]

La stragrande maggioranza dell’equipaggiamento militare siriano era di fabbricazione sovietica.[86][87]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Equipaggiamento dell’esercito siriano.

Uniformi ed insegne (1987)[modifica | modifica wikitesto]

Le uniformi e l'equipaggiamento del personale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Forze armate siriane § Uniformi (1987).

Le uniformi di servizio per gli ufficiali siriani generalmente seguono lo stile dell’esercito britannico, sebbene l'uniforme da combattimento dell'esercito segua il modello sovietico.[88] Ogni uniforme ha due giacche: una giacca lunga per l'abbigliamento formale e una giacca corta per l’abbigliamento informale. Le divise degli ufficiali dell'esercito sono cachi in estate, verde oliva in inverno. Alcuni membri dell'esercito (paracadutisti e forze speciali) e del personale della Forza di Difesa Aerea possono indossare uniformi mimetiche. Tra le mimetiche ci sono i modelli Red Lizard e Syrian Leaf; una copia prodotta localmente dell’ERDL. Gli ufficiali hanno una vasta gamma di berretti, tra cui un berretto di servizio, un berretto da guarnigione e un basco (lino in estate e lana in inverno). Il colore del berretto varia a seconda dell'unità dell'ufficiale. Il colore più comune del berretto è il nero per la fanteria, il Genio, le comunicazioni e il personale delle armi di supporto, seguito dal verde, per il personale corazzato, meccanizzato e d’artiglieria, il rosso per la Guardia repubblicana e la polizia militare e marrone per le forze speciali.

Nel 2011, gli elmetti da combattimento di serie erano i QGF-02 verde oliva cinesi e gli SSh-68 sovietici per le forze di riserva.[57][89] Entrambi possono essere equipaggiati con gli elmetti mimetici "Syrian Leaf". La Guardia repubblicana e le forze speciali erano le uniche unità dotate di giubbotti antiproiettile TAT-BA-7.[57] Con l'arrivo alla fine del 2015 dei consiglieri militari russi, molte unità dell'esercito vennero dotate di nuovi giubbotti antiproiettile balistici russi 6B45 ed elmetti in Kevlar 6B7.[57]

I gradi militari[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gradi militari della Siria.

Le insegne dei gradi degli ufficiali a nomina diretta sono identiche per l'esercito e l'aeronautica. Queste sono oro su sfondo verde o nero brillante per l'esercito e oro su sfondo blu brillante per l'aeronautica. I gradi degli ufficiali sono standard, sebbene il più alto sia l'equivalente di colonnello generale, un grado detenuto nel 1986 solo dal comandante in capo e dal ministro della Difesa. Le insegne dei gradi degli ufficiali della Marina sono strisce dorate indossate sulla manica inferiore. L'ufficiale di grado più alto nella marina siriana è l'equivalente del tenente generale. Il grado per i marescialli di esercito ed aeronautica è indicato da stelle dorate su uno scudo verde oliva indossato sulla parte superiore del braccio sinistro. I gradi dei sottufficiali sono indicati da galloni verticali e invertiti indossati sul braccio sinistro superiore.[88]

I riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene siano autorizzati circa venticinque ordini e medaglie, in genere solo gli alti ufficiali e i marescialli indossano i nastri per le medaglie. Di seguito sono riportati alcuni importanti riconoscimenti siriani: Ordine di Umayyad, Medaglia per l’Onore Militare, la Medaglia di Guerra, Medaglia al Coraggio, Medaglia Yarmuk, Medaglia Ferito in Azione e la Medaglia dell'8 marzo 1963.[88]

Capi di Stato Maggiore dell’Esercito[modifica | modifica wikitesto]

Anniversario[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º agosto è considerato giorno dell'esercito a livello nazionale. Nel 2013, il presidente siriano Bashar al-Assad visitò i soldati a Darayya. Diede all'esercito un messaggio dicendo che era sicuro della vittoria sui ribelli.[90]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pollack, 2002, pag. 447
  2. ^ Morris, Benny (2008), “La prima guerra di Israele. Dalla fondazione al conflitto con gli stati arabi 1947-1949 (1948: A History of the First Arab-Israeli War, 2008)”, traduzione di D. Didero, 2007, Rizzoli, pag. 251, ISBN 978-88-170-1777-0
  3. ^ Pollack, 2002 pag. 448
  4. ^ Pollack, 2002, pp. 457–458
  5. ^ Pollack, 2002, pag. 458
  6. ^ Pollack, 2002, pp. 459–460
  7. ^ Pollack, 2002, pag. 464
  8. ^ Hanna Batatu, Syria's Peasantry, the Descendants of Its Lesser Rural Notables, and Their Politics, Princeton University Press, 1999, p. 228, ISBN 978-0-691-00254-5. URL consultato il 27 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2013).
  9. ^ Samuel M. Katz, Arab Armies of the Middle East Wars, Osprey Publishing Men-at-Arms 194, 1988, 13.
  10. ^ Pollack, 2002, pp. 476–478
  11. ^ Un ordine di battaglia dell'esercito siriano nell'ottobre 1973 si trova in colonnello Trevor Dupuy, Elusive Victory: The Arab–Israeli Wars 1947–74, MacDonald and Jane's, Londra, 1978
  12. ^ Patrick Seale, Asad: The Struggle for the Middle East (London: I.B. Tauris & Co, 1988), p.327, tramite Holliday 2013, 12.
  13. ^ Nikolaos van Dam, The Struggle for Power in Syria: Politics and Society under Asad and the Ba'th Party, (New York: I.B. Tauris & Co Ltd, 2011), p.114, via Holliday 2013, 12.
  14. ^ van Dam, 2011, p.104, via Holliday 2013.
  15. ^ a b Syria's Praetorian Guards: A Primer, in Middle East Intelligence Bulletin, Vol. 2 No. 7 (5 agosto 2000). URL consultato il 20 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2012).
  16. ^ a b Is the Syrian Army Falling Apart?, matthewaid.com. URL consultato il 16 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2014).
  17. ^ Cooper, 2015, pag. 13
  18. ^ Norman Schwarzkopf, ‘’Non ci vuole un eroe’’, Arnoldo Mondadori Editore, 1992, 467–69.
  19. ^ Nicholas Blandford, "Syria reduced troop strength in Lebanon," Jane's Defence Weekly, 29 settembre 2004, 31.
  20. ^ a b International Institute for Strategic Studies, The Military Balance 2010, 272–273.
  21. ^ a b c Syria's diminished security forces, Agence France-Presse, 27 agosto 2013. URL consultato il 14 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  22. ^ a b c d Syrian defections hurt army morale, in Independent Online (South Africa), 5 luglio 2012. URL consultato il 6 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2013).
  23. ^ Over 10,000 soldiers have deserted Syria army, says high-ranking defector, in Haaretz, Reuters e Deutsche Presse-Agentur, 1º ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2013).
  24. ^ Basma Atassi, Free Syrian Army grows in influence, Al Jazeera, 16 novembre 2011. URL consultato il 6 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2014).
  25. ^ Free Syrian Army soldier: "We lack weapons", France 24, 18 novembre 2011. URL consultato il 7 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2013).
  26. ^ Syria's army weakened by growing desertions, Reuters, 1° gennaio 2012. URL consultato il 2 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 1° ottobre 2015).
  27. ^ Peker Emre e Donna Abu-Nasr, Syrian Armed Forces Desertion Said to Surge to 60,000, Bloomberg, 15 marzo 2012. URL consultato il 7 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2013).
  28. ^ Chief of protocol at the Syrian presidential palace denies defection, Al Arabiya, 9 agosto 2012. URL consultato il 9 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2012).
  29. ^ Dozens of Syrian officers defect to Turkey as Russia warns against arming rebels, in Haaretz, 14 giugno 2013. URL consultato il 15 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2013).
  30. ^ Holliday, 2013, 11, 12.
  31. ^ DEFECTED GENERAL: 'DRUZE DO NOT REPRESENT A COG IN THE REGIME MACHINE', Syria Direct, 30 marzo 2015. URL consultato il 7 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  32. ^ Ruth Sherlock, In Syria's war, Alawites pay heavy price for loyalty to Bashar al-Assad, in The Daily Telegraph, 7 aprile 2015. URL consultato il 7 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2015).
  33. ^ Israel sees Syrian army growing beyond pre-civil war size, in DefenceWeb, Reuters, 8 agosto 2018. URL consultato il 10 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2019).
  34. ^ Holliday 2013, 26, che cita "By All Means Necessary: Individual and Command Re-sponsibility for Crimes against Humanity in Syria," Human Rights Watch, dicembre 2011, pag. 36; pagina Facebook dell’Osservatorio siriano per i diritti umani Archiviato il 13 marzo 2014 in Internet Archive., 24 gennaio 2012; pagina Fa-cebook dell’Unione dei Coordinatori della Rivoluzione siriana Archiviato il 18 luglio 2012 in Internet Archive., 7 febbraio 2012; Sito web dei Comitati di Coordinamento Locale Archiviato il 10 aprile 2013 in Internet Archive., 15 novembre 2012.
  35. ^ Council Implementing Regulation (EU) No 1151/2011 of 14 November 2011 implementing Regulation (EU) No 442/2011 concerning restric-tive measures in view of the situation in Syria (PDF), in Gazzetta ufficiale dell’Unione Europea, 15 novembre 2011. URL consultato il 7 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2015).
  36. ^ Henry Boyd, Shades of Hama and Grozny in Homs and Idlib, International Institute for Strategic Studies, 12 marzo 2012. URL consultato l'11 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2012).
  37. ^ Holliday, 2013, 42, 46, 47. Le fonti di Holliday includono l’" Intervista di Skype con l'ex ufficiale dell'esercito siriano in esilio a Washington, D.C., il 19 aprile 2012."
  38. ^ Holliday, 2013, 33, che cita "Gli scontri tra truppe siriane e disertori dell'esercito uccidono almeno 13 persone","Washington Post", 13 ottobre 2011; pagina Facebook dell’Unione dei Coordinatori della Rivoluzione siriana <facebook.com/monasiqoon>, 13 novembre 2012.
  39. ^ Alice Martins, Watching Rebels Fight Among Themselves for the City of Raqqa Archiviato il 29 ottobre 2013 in Internet Archive., SyriaDeeply.org Beta, 2 ottobre 2013.
  40. ^ news24.com
  41. ^ Filmato audio Iran's Secret Army, YouTube, 22 novembre 2013. URL consultato il 12 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2016).
  42. ^ Insight: Battered by war, Syrian army creates its own replacement, Reuters, 21 aprile 2013. URL consultato il 2 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 1° giugno 2013).
  43. ^ ماهو الفيلق الرابع اقتحام الذي بدأ عملياته في ادلب و ماهي مهامه؟ - وكالة أوقات الشام الإخبارية, in shaamtimes. URL consultato il 24 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2016).
  44. ^ Lawrence G. Potter, Sectarian Politics in the Persian Gulf, New York, Oxford University Press, 2014, p. 36, ISBN 978-0-19-937726-8.
  45. ^ Chris Tomson, Strategic town of Al-Eis recaptured during night raid led by Iranian troops - Map update, in Al-Masdar News, 6 aprile 2016.
  46. ^ Thanassis Cambanis, Assad's Sunni Foot Soldiers, in Foreign Policy, 5 novembre 2015.
  47. ^ Pro-regime Sunni fighters in Aleppo defy sectarian narrative - Al-Monitor: the Pulse of the Middle East, in Al-Monitor, 14 marzo 2014.
  48. ^ Richard M. Bennett, The Syrian Military: A Primer Archiviato il 29 giugno 2012 in Internet Archive., Middle East Intelligence Bulletin, agosto/settembre 2001.
  49. ^ Library of Congress Country Study Syria
  50. ^ International Institute for Strategic Studies, The Military Balance 2006, p.208-9
  51. ^ Archived copy (PDF), su gradworks.umi.com. URL consultato il 6 aprile 2012 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2012).
  52. ^ Archived copy (PDF), su understandingwar.org (archiviato dall'url originale il 21º novembre 2013).
  53. ^ Leith Fadel, Four high-ranking jihadist commanders killed in Aleppo, Al-Masdar News. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2017).
  54. ^ Paul Antonopoulos, New Syrian Arab Army Division established in preparation of new offensive, Al-Masdar News. URL consultato il 3 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2017).
  55. ^ a b c The Lion and The Eagle: The Syrian Arab Army's Destruction and Rebirth, su mei.edu.
  56. ^ Archived copy, su joshualandis.com. URL consultato il 6 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2017).
  57. ^ a b c d Valentin Vasilescu, The rebirth of the Syrian Arab Army, in Voltaire Network, 14 marzo 2016. URL consultato il 17 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2016).
  58. ^ https://www.cia.gov/library/readingroom/docs/CIA-RDP06T00412R000606620001-0.pdf
  59. ^ Return to the northeast: Syrian Army deployments against Turkish forces, su mei.edu.
  60. ^ Largest Syrian Brigade Nears Breaking Point, in Arutz Sheva. URL consultato il 7 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2013).
  61. ^ Leith Fadel, Syrian Army restores all lost points in Golan Heights, su almasdarnews.com, 12 settembre 2016. URL consultato il 18 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2016).
  62. ^ a b Cooper, 2015, pag. 18
  63. ^ Syrian commandos begin long campaign to Jisr Al-Shughour, su en.abna24.com, 20 febbraio 2016. URL consultato il 24 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2016).
  64. ^ Cooper, 2015, pp. 13, 18-19
  65. ^ a b c d e f g Pesach Malovany e Nehemiah Burgin, Mother Russia Holds the Reigns, in Israel Defense (Arrowmedia), 16 febbraio 2018. URL consultato il 18 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2018).
  66. ^ a b The Fifth Legion: A New Auxiliary Force - Syria Comment, su joshualandis.com. URL consultato il 10 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2018).
  67. ^ a b c (DE) Streitkräfte des Assad-Regimes, Februar 2017 (PDF), in Truppendienst.com (Forze armate austriache), 15 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2018).
  68. ^ a b Abdulrahman al-Masri, Analysis: The Fifth Corps and the State of the Syrian Army, in Syria Deeply, 11 gennaio 2017. URL consultato il 3 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2018).
  69. ^ Nidal Hmadeh, The Syrian 4th Regiment...the Full Story, in al-Ahed News, 19 agosto 2015. URL consultato il 3 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2018).
  70. ^ a b Kheder Khaddour, Strength in Weakness: The Syrian Army's Accidental Resilience, in Carnegie Middle East Center, 14 marzo 2016. URL consultato il 3 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2018).
  71. ^ Sylvia Westall e Tom Perry, Syria extends offensive to retake territory in west, in Reuters, 8 ottobre 2015. URL consultato il 18 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2018).
  72. ^ Aymenn Jawad Al-Tamimi, The Fifth Legion: A New Auxiliary Force, in Syria Comment, 24 dicembre 2016. URL consultato il 18 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2018).
  73. ^ Gregory Waters, The +20 men killed near Sirmaniyah reportedly belonged to the 6th Division, one of two divisions created under the Russian-built 4th Corps back in 2015. The 4th Corps project largely failed & the 6th & 2nd Divisions have remained in Latakia since.https://twitter.com/QalaatAlMudiq/status/1063849712829308931 …, su twitter.com, 17 novembre 2018.
  74. ^ Syrian army forms volunteer corps to fight militants, in Reuters, 22 novembre 2016. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2016).
  75. ^ PressTV-Syria forms volunteer anti-terror unit, in Press TV. URL consultato il 5 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2016).
  76. ^ Syria launches new commando force as war heats up, in www.aljazeera.com. URL consultato il 7 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2016).
  77. ^ The Fifth Legion: A New Auxiliary Force, su joshualandis.com, 24 dicembre 2016. URL consultato il 24 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 25 dicembre 2016).
  78. ^ وزارة الدفاع في الجمهورية العربية السورية, شاهد رمايات مدفعية الجيش العربي السوري على إرهابيي داعش شرقي حمص وتحرير الكتيبة المهجورة الثالثة, YouTube, 30 gennaio 2017. URL consultato il 30 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2017).
  79. ^ (AR) Autori dello Stato Maggiore, Fifith Attacj Troops Corps entered the Syria civil war, in mashreghnews. URL consultato il 7 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2016).
  80. ^ a b Leith Fadel, Pictures of Syrian Army units that will lift Deir Ezzor seige , in Al-Masdar News, 11 agosto 2017. URL consultato l'11 agosto 2017 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2017).
  81. ^ Syrian regime forms militia mostly from the ruling party, in Zaman Alwasl, 16 marzo 2017. URL consultato il 17 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2017).
  82. ^ Mona Alami, Can Assad's Demobilization, Demilitarization, and Rehabilitation Strategy Actually Consolidate Syria's Paramilitary Forces?, in Washington Institute, 6 marzo 2019. URL consultato il 18 giugno 2019.
  83. ^ Archived copy, su almasdarnews.com. URL consultato l'11 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2018).
  84. ^ Archived copy, su edition.cnn.com. URL consultato l'11 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 aprile 2018).
  85. ^ Archived copy, su international-review.org. URL consultato l'11 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2018).
  86. ^ Sicurezza globale, Syrian Army equipment, su globalsecurity.org.
  87. ^ Archived copy, su lcweb2.loc.gov. URL consultato il 30 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2016).
  88. ^ a b c Uniforms and Rank Insignia, Library of Congress, aprile 1987. URL consultato il 30 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2017).
  89. ^ Syria Ssh68, in Brendon's Helmets. URL consultato il 12 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2013).
  90. ^ PressTV-Assad inspects troops on Syria Army Day, in presstv.ir. URL consultato il 2 agosto 2013 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2013).

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriori letture[modifica | modifica wikitesto]

  • Department of the Army, Area Handbook for Syria, Washington, in vendita da parte del Superintendent of Documents, U.S. Govt. Print. Off., 1965, "Department of the Army pamphlet no. 550-47." Revisione dell’edizione 1958.
  • Pesach Melovany, Out of the North an Evil shall break forth, Tel-Aviv: Contento de Semrik, 2014.
  • Hicham Bou Nassif, 'Second Class: the Grievances of Sunni Officers in the Syrian Armed Forces'
  • History of the Syrian Arab Army: Prussianization of the Arab Army, the Arab Revolt of 1916–1918, and the cult of nationalization of Arabs in the Levant after World War I, Infantry Magazine, nov-dic 2005.
  • Generale Mustafa Tlas (ed.), History of the Syrian Arab Army/Al-Tareekh Al-Jaish Al-Arabi Al-Soori, Volume 1: 1901–1948, Center for Military Studies. Damascus, 2000. Il volume 1 è lungo 568 pagine e copre la Rivolta araba, la monarchia di breve durata sotto re Faisal bin Hussein, il mandato francese, la guerra arabo-israeliana del 1948 e infine l'indipendenza siriana nel 1949.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN158714880 · LCCN (ENnr91023175 · WorldCat Identities (ENlccn-nr91023175