Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Al-Asma'i

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Abū Saʿīd ʿAbd al-Malik ibn Qurayb al-Aṣmaʿī (in arabo: أبو سعيد عبد الملك ابن قريب الأصمعي‎; Bassora, 740Bassora, 831) è stato un biologo, zoologo e botanico arabo.

Filosofo, grammatico e dotto arabo della Scuola di Bassora, fu autore di numerose opere di biologia, zoologia e anatomia umana.

Era un musulmano assai pio e appassionato di poesia. Apportò un contributo notevole allo studio della botanica,[1] della zoologia e dell'allevamento di animali domestici.[2]

Fu attivo all'epoca dei califfi abbasidi di Baghdad e si trasferì a Baghdad all'epoca del califfo Hārūn al-Rashīd, in un ambiente culturale in cui i lavori di classificazione degli animali e delle piante erano pratica corrente tra i numerosi scienziati che agivano nella «Bayt al-Hikma», tra i quali proprio le realizzazioni di al-Aṣmaʿī sembra fossero quelli più noti e apprezzati negli ambienti scientifici dell'epoca e dei secoli a venire, anche se non si dovrà dimenticare il contributo di alto profilo di Abu Hanifa al-Dinawari del Kitāb al-nabat.

Le sue opere più celebri sono il Kitāb al-ibil (sui dromedari), il Kitāb al-khalīl, il Kitāb al-wuḥūsh (sulle bestie feroci), il Kitāb al-shāʾ (sulla pecora) e il Kitāb khalq al-insān (lett. "Libro della creazione dell'uomo"), che trattava di anatomia umana, a riprova del fatto che al-Aṣmaʿī era in possesso di conoscenze quanto mai avanzate per i tempi.

Praticamente egli lavorò sulla riproduzione e la selezione dei cavalli e dei dromedari e fu uno dei primi scienziati ad affrontare sistematicamente tali problematiche.

I giardini zoologici[modifica | modifica wikitesto]

Varrà la pena ricordare che all'epoca i califfi ospitavano nei giardini immensi dei loro palazzi dei veri e propri giardini zoologici in cui riunivano le più diverse specie di animali, dalle più rare alle più curiose, così come faranno pochi secoli dopo anche i Normanni in Sicilia, ampiamente influenzati dalle pratiche e dalla cultura degli Arabi e dei musulmani in genere che li avevano preceduti e che i sovrani cristiani mantennero, sia pure in stato di sudditanza al trono cristiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Toufic Fahd, "Botany and agriculture", in Roshdi Rasheed (ed.), Encyclopedia of the History of Arabic Science, Volume 3: Technology, Alchemy and Life Sciences, Londra, Routledge, 1996, p. 814. ISBN 0-415-12412-3
  2. ^ (EN) Paula R. Stiles, "Animal husbandry", in Josef W. Meri (ed.), Medieval Islamic Civilization : An Encyclopedia, Volume 1: A-K, Index, New York, Taylor & Francis, 2006, pp. 46-47. ISBN 0-415-96691-4

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN90046590 · ISNI: (EN0000 0001 1898 0172 · LCCN: (ENn83148717 · GND: (DE119031329 · BNF: (FRcb135631805 (data)