Akona Ndungane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Akona Ndungane
Akona Ndungane 2007.jpg
Dati biografici
Paese Sudafrica Sudafrica
Altezza 183 cm
Peso 92 kg
Familiari Odwa Ndungane (fratello)
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tre quarti ala
Squadra Blue Bulls
Franchigia Bulls SANZAAR
Carriera
Anni Squadre G M Tr CP D
Giocatore di club
2005- Bulls 89 31 0 0 0
Giocatore internazionale
2006- Sudafrica Sudafrica 11 1 0 0 0
Le statistiche di club sono relative ai soli campionati di Lega
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 2007
Statistiche aggiornate al 5 mag 2013

Akona Zilindlovu Ndungane (Mthatha, 20 febbraio 1981) è un rugbista a 15 sudafricano, tre quarti ala dei Bulls e campione del mondo nel 2007 con gli Springbok.


Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò la pratica rugbistica insieme a suo fratello gemello Odwa alle scuole superiori a East London[1] e, nel 2003, esordì in Currie Cup nella locale squadra dei Border Bulldogs.

Nel 2004 fu selezionato per la Nazionale sudafricana a sette[1] e nel 2005 divenne professionista nelle file dei Bulls di Pretoria.

Il 2006 fu l'anno d'esordio negli Springbok, a Brisbane contro l'Australia, e l'anno successivo fu chiamato a far parte della squadra che partecipò alla Coppa del Mondo di rugby 2007 in Francia; in tale torneo, che vide il Sudafrica laurearsi campione del mondo, scese in campo in una sola occasione, contro gli Stati Uniti nella fase a gironi; disputò il suo a tutt'oggi più recente incontro internazionale un mese dopo la conquista del titolo, a Cardiff contro il Galles.

A livello di club ha vinto due titoli del Super Rugby con i Bulls, nel 2007 e nel 2009; saltò tutto il Super 14 2010 (che i Bulls vinsero) a causa di un infortunio alla gamba che si procurò a fine 2009 in Currie Cup nella selezione provinciale dei Blue Bulls[2], e il ritorno in campo è avvenuto solo in occasione del Super 15 2011.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Jacques van der Westhuyzen, Meet Akona Ndungane or is it Odwa?, in Independent Online, 6 maggio 2005. URL consultato il 12 maggio 2011.
  2. ^ (EN) Vata Ngobeni, Bakkies is back, anguish for Akona, in Independent Online, 29 aprile 2010. URL consultato il 12 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]