Akhalkalaki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Akhalkalaki
città
ახალქალაქი
Akhalkalaki – Veduta
Akhalkalaki – Veduta
Localizzazione
StatoGeorgia Georgia
RegioneSamtskhe-Javakheti
MunicipalitàAkhalkalaki
Territorio
Coordinate41°24′20″N 43°29′10″E / 41.405556°N 43.486111°E41.405556; 43.486111 (Akhalkalaki)
Altitudine1 707 m s.l.m.
Abitanti8 295 (2014)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+4
Targa261
Cartografia
Mappa di localizzazione: Georgia
Akhalkalaki
Akhalkalaki
Sito istituzionale

Akhalkalaki (in georgiano ახალქალაქი) è un comune della Georgia, situato nella regione di Samtskhe-Javakheti. Akhalkalaki si trova ai margini dell'altopiano di Javakheti . La città si trova a circa 30 chilometri (19 miglia) dal confine con la Turchia . La storia documentata della città risale all'XI secolo.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Akhalkalaki, registrato per la prima volta nelle Cronache georgiane dell'XI secolo, significa "una nuova città", dal georgiano [ɑxɑli] "nuovo" e [kʰɑlɑkʰi] , "città" o "città". I suoi nomi armeno e turco, Akhalakak e Ahılkelek, rispettivamente, sono trascritti dal georgiano. I resoconti etnografici del XIX secolo hanno un altro nome armeno per la città, Nor-Kaghak, che significa anche "una nuova città".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Akhalkalaki fu fondata da Bagrat IV di Georgia nel 1064. Nel 1066, la città fu distrutta durante le invasioni selgiuchide del Regno di Georgia . Nell'XI secolo Akhalkalaki divenne uno dei centri politici ed economici di Javakheti . Nel XVI secolo la città passò sotto il dominio dell'Impero Ottomano e divenne un centro sanjak a Çıldır Eyaleti . Sotto il dominio ottomano, la città era conosciuta come "Ahılkelek" . La città è passata dagli ottomani ai russi dopo la guerra russo-turca nel 1828-1829 . Il 4 gennaio 1900, un terremoto distrusse gran parte della città e uccise 1.000 persone nell'area

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il villaggio incrocia da sud le strade del confine con l'Armenia e la Turchia, da nord la strada da Borjomi - Gori e da est-ovest da Batumi a Tblisi a sud del Caucaso Minore.

Una linea ferroviaria lunga 160 km è stata costruita tra il 1982 e il 1986 in tre parti. Il bivio della linea Tblisi – Erewan è a Marabda .

Nell'aprile 2005 è stato firmato un accordo per costruire una nuova ferrovia che collega la Turchia con la Georgia e l'Azerbaigian , passando vicino ad Akhalkalaki. Ciò aggirerebbe una linea esistente attraverso Gyumri in Armenia che è stata chiusa dalla Turchia, bloccando l'Armenia , per motivi politici dagli anni '90. La ferrovia è diventata operativa il 30 ottobre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN243896250
  Portale Georgia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Georgia