Air Mobility Command

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Air Mobility Command
Air Mobility Command.svg
Descrizione generale
Attiva1º giugno 1992 - oggi
NazioneStati Uniti Stati Uniti
ServizioUnited States Air Force
TipoMajor Command
Dimensione40.247 militari e 7.723 civili
Quartier generaleScott Air Force Base, Illinois
Comandanti
Comandante correnteGenerale Carlton D. Everhart
Fonti citate nel testo principale
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

L'Air Mobility Command o AMC (Commando Mobilità Aerea) è uno dei Major Command della United States Air Force (USAF), responsabile di tutti i suoi aerei da trasporto strategico, trasporto tattico e da rifornimento in volo basati sul territorio continentale americano. Il comando è inoltre la componente aerea dello USTRANSCOM. Il quartier generale è situato presso la Scott Air Force Base, Illinois.

Equipaggiamento[modifica | modifica wikitesto]

Il comando dispone dei seguenti velivoli:

  • 53 Aerei da rifornimento in volo KC-10A
  • 90 Aerei da rifornimento in volo KC-135R/T
  • 258 Aerei da trasporto:
    • 118 C-17A Globemaster III
    • 56 C-130J Super Hercules
    • 36 C-5M Super Galaxy
    • 15 C-21A Learjet
    • 4 Air Force Two C-32A
    • 6 C-37A Gulfstream V
    • 3 C-37B Gulfstream V
    • 2 C-40B Clipper
  • 2 Air Force One VC-25A

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, al settembre 2017, lo Stormo controlla[1]:

Eighteenth Air Force - Emblem.png 18th Air Force, Scott Air Force Base, Illinois[modifica | modifica wikitesto]

Mobilità Aerea[modifica | modifica wikitesto]

Trasporto[modifica | modifica wikitesto]

Rifornimento in Volo[modifica | modifica wikitesto]

United States Air Force Expeditionary Center.png U.S.A.F. Expeditionary Center, Joint Base McGuire-Dix-Lakehurst, New Jersey[modifica | modifica wikitesto]

Basi[modifica | modifica wikitesto]

Il comando ha la giurisdizione sulle seguenti basi militari:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN157391318 · LCCN (ENno92017884 · GND (DE4442766-9